Zurigo: vola Oliver, quinto Howe




 

Ancora un quinto posto per Andrew Howe. Stasera il lunghista azzurro dell'Aeronautica, dopo essere andato ripetutamente in cerca della rincorsa giusta, torna a casa dal Weltklasse di Zurigo con un miglior salto di 7,88 (0.0) alla terza prova. Soltanto due gli atleti atterrati sopra gli 8 metri: il vincitore della Diamond League, Dwight Phillips (8,20/-0.3) e il tedesco campione europeo Christian Reif (8,11/-0.1). Ad illuminare la prima delle due finali della Samsung Diamond League è stato, però, l'ostacolista David Oliver (USA), protagonista di un portentoso 12.93 (-0.3) sui 110hs che conferma la sua supremazia di numero uno stagionale (12.89, il 16 luglio a Parigi, ndr) e di primo pretendente al record del mondo dell'olimpionico cubano Dayron Robles (12.87). Sui 400, brillante 44.13 e migliore prestazione mondiale dell'anno per Jeremy Wariner (USA). Lo stesso fa la 4x100 a stelle e strisce che con il quartetto Kimmons, Spearmon, Gay e Rodgers ha la meglio in 37.45 sul 37.76 della Giamaica di Forsythe, Frater, Mullings e Blake. 3000 siepi, quindi, all'iridato keniano Ezekiel Kemboi, senza rivali in 8:01.74. Nei 400 femminili, la primatista d'Italia Libania Grenot (Fiamme Gialle) dalla prima corsia insegue per 300 metri la scia delle migliori, ma sull'ultimo rettilineo finisce un po' per spegnersi concludendo il suo giro di pista in settima posizione in 51.07, alle spalle della campionessa europea Firova (51.02), ma prima dell'altra russa, argento continentale, Ustalova (52.07). Vittoria facile per la statunitense pluri iridata dei 200 Allyson Felix, autrice di un 50.37 senza esasperazioni.    

Nel preprogramma dello Young Diamond's Challenge secondo il campione italiano assoluto dei 400hs Giacomo Panizza (Lecco-Colombo Costruzioni), semifinalista a Barcellona 2010, che ha chiuso in rimonta in 50.74, battuto soltanto dal tedesco Fleischhauer (50.22). Terza sugli 800 vinti dalla britannica Kelly (2:05.99), la junior Giulia Viola (Atl. Mogliano) al traguardo in 2:07.67 dietro alla tedesca Harrer (2:06.82). Stesso piazzamento per Giulia Pennella (Esercito/Fondiaria SAI), 13.90 (-1.1) sui 100hs, preceduta dalla tedesca Roleder (13.37) e dalla svizzera Reuse (13.62). Quinto posto, infine, sia per la campionessa italiana under 23 Jessica Paoletta (Esercito/Stud. CaRiRi) sui 200 (24.47) che per la staffetta americana composta dai mezzofondisti Giordano Benedetti (Fiamme Gialle/Trento CMB), Abebe Gasparini (La Fratellanza 1874) e Mattia Moretti (Daini Carate Brianza), 4:37.47.

Prossimo e conclusivo appuntamento della Diamond League, il 27 agosto a Bruxelles, dove si decideranno le sorti di tutte le altre specialità. Di seguito, invece, l'elenco degli atleti che a Zurigo hanno già conquistato diamante e montepremi finale.

DIAMOND LEAGUE
I vincitori dopo la finale di Zurigo:
Uomini

disco/DT: Piotr Malachowski (POL)
alto/HJ: Ivan Ukhov (RUS)
3000st: Paul Kipsiele Koech (KEN)
400: Jeremy Wariner (USA)
lungo/LJ: Dwight Phillips (USA)
110hs: David Oliver (USA)
200: Wallace Spearmon (USA)
5000: Imane Merga (ETH)

Donne
peso/SP:
Nadezhda Ostapchuk (BLR)
asta/PV: Fabiana Murer (BRA)
lungo/LJ: Brittney Reese (USA)
400hs: Kaliese Spencer (JAM)
giavellotto/JT: Barbora Spotakova (CZE)
100: Carmelita Jeter (USA)
400: Allyson Felix (USA)
1500: Nancy Langat (KEN)

VIZZONI, 76,79 A LOCARNO - Sempre in Svizzera, il vicecampione europeo del martello Nicola Vizzoni (Fiamme Gialle) si è imposto martedì scorso al meeting di Locarno, scagliando il suo attrezzo a 76,79. Il finanziere toscano è tra gli atleti europei convocati per la Continental Cup di Spalato (4-5 settembre). [RISULTATI/Results]

a.g. 

Nella foto, il lunghista Andrew Howe (Giancarlo Colombo/FIDAL)

File allegati:
- RISULTATI/Results



Condividi con
Seguici su: