Zenoni ancora MPI: 9:19.39 nei 3.000

23 Aprile 2015

La 16enne sigla un'altro limite nazionale allieve nel corso della Walk&Middle Distance Night di Milano, dove Elena Bellò riscrive quello dei 600 junior in 1:30.86. Giorgi in 21:24.73 vince i 5.000 di marcia


 

Marta Zenoni è di nuovo da record. La 16enne terribile (li ha compiuti il 9 marzo) dell'Atletica Bergamo Creberg questa sera a Milano ha corso i 3.000 metri in 9:19.39, Miglior Prestazione Italiana di categoria sulla distanza che cancella dopo quasi 40 anni il 9:22.8 di Cristina Tomasini. La bergamasca allenata da Saro Naso ha ottenuto il crono passando in 3:04 ai 1.000 e 6:09 ai 2.000 metri. Zenoni ha ottenuto la MPI a Milano, nel campo “XXV Aprile”, nel corso dell’edizione numero 5 della Walk&Middle Distance Night, il meeting dedicato alla memoria di Ugo Grassia (storico allenatore del campo “XXV Aprile” scomparso nel gennaio 2013) e organizzato da Giorgio Rondelli che ha visto riscritto anche il limite nazionale junior dei 600. A lanciare la gara è Ilaria Verderio (Pro Sesto) che conduce il gruppo passando in 58.5 ai 400, ma nel finale la spunta Elena Bellò (Fiamme Azzurre) in 1:30.86. Un crono che, pur inferiore al PB di 1:30.38 (valido tuttora come MPI Allieve), migliora l'1:32.06 di Antonella Riva del 2000 che rappresentava il limite nazionale Juniores. L'allieva Verderio corre invece in 1:31.27, a nove decimi dal limite nazionale Under 18 detenuto proprio da Bellò. Terza Isabella Cornelli (Atl. Bergamo 59) in 1:32.47. 

In apertura della riunione dedicata a marcia e mezzofondo, ha fatto passerella sulla pista di casa la primatista italiana dei 20 chilometri "tacco e punta" Eleonora Giorgi (Fiamme Azzurre), vincitrice dei 5.000 metri in 21:24.73, praticamente in scia al vincitore della gara maschile Tommaso Romagnoli (Cento Torri Pavia, 21:21.74).

L'altra azzurra di Zurigo Federica Curiazzi (Atl. Bergamo '59 Creberg) è seconda in 21:55.70, l'inossidabile Rossella Giordano (Fiamme Azzurre) terza con 23:26.98. Sui 1000 Giordano Benedetti (Fiamme Gialle) passa in 1:24.77 ai 600 e chiude in 2:20.64 seguito come un'ombra da Mor Seck (Atl. Monza), secondo in 2:21.37. Seguono Giovanni Bellino (Fiamme Gialle) in 2:24.36, Mattia Moretti (Carabinieri) in 2:24.83 e Merihun Crespi (Esercito) in 2:25.75. Nei 600 si impone Francesco Cappellin con 1:18.51 correndo in solitaria in una delle serie minori: con lui sul podio Abdessalem Machmach in 1:20.12 e l'allievo della Vis Nova Giussano Vladimir Aceti a 1:20.32. Nei 3000 siepi maschili Jamel Chatbi (Atletica Riccardi) fa da lepre tirando il gruppo per i primi due chilometri, poi è bagarre tra il keniano Edwin Mei Kipkosgei e Ala Zoghlami. Vince quest'ultimo con un buon 8:41.40 (8:41.42 per Kipkosgei). Attenzione anche allo junior Yohanes Chiappinelli che arriva al traguardo in 8:50.98, mentre Italo Quazzola chiude in 8:52.10. Al femminile vince Martina Merlo (Aeronautica) con 10:22.75 dopo una gara a lungo condotta da Elisa Cova (CUS Pro Patria Milano) poi seconda con 10:26.53; quarta è Federica Zenoni (Atl. Bergamo 59) in 10:30.50 nonostante una caduta nella riviera. Sulla distanza piana si impone Lhoussaine Oukhrid in 8:01.44, secondo è Samuele Dini (Fiamme Gialle) con un convincente 8:05.13 davanti a Iliass Aouani (8:05.94).

(Cesare Rizzi/CR FIDAL Lombardia) 



Condividi con
Seguici su: