Trost, esordio promettente: 1,94 a Hustopece

26 Gennaio 2019

La saltatrice delle Fiamme Gialle si assicura la partecipazione agli Europei indoor di Glasgow. Quinto posto finale, buoni tentativi a 1,97. L'altra azzurra Rossit 1,85


 

Incoraggiante esordio per Alessia Trost a Hustopece. Il bronzo mondiale indoor del salto in alto apre il 2019 a quota 1,94, risultato che le permette di ragionare serenamente in vista degli Europei indoor di Glasgow (1-3 marzo) il cui standard di iscrizione è fissato alla misura di 1,90, ampiamente soddisfatta. Era dal 2015 che alla prima uscita della stagione non saliva così in alto. La 25enne pordenonese delle Fiamme Gialle, seguita in Repubblica Ceca dal suo tecnico Marco Tamberi che la allena ad Ancona, ottiene l’1,94 al terzo tentativo e prova tre volte, senza successo, a oltrepassare l’asticella collocata a 1,97. Alla fine è quinta nella classifica generale. Il prossimo appuntamento sarà di nuovo in Repubblica Ceca, a Trinec, martedì 29 gennaio, poi il 9 febbraio a Banska Bystrica (Slovacchia), il 15 febbraio agli Assoluti di Ancona e ad inizio marzo a Glasgow. A Hustopece, tredicesima l'altra azzurra Desirèe Rossit (Fiamme Oro) che si ferma a 1,85 con tre "x" a 1,88.

TROST: “MI DÀ MOTIVAZIONE” - “Sono contenta, il lavoro prosegue allo stesso modo in cui lo abbiamo iniziato, però sicuramente mi dà motivazione. Tecnicamente c’è da migliorare molto allo stacco perché non verticalizzo come vorremmo, ma continua il lavoro”. Queste le parole di Alessia Trost al termine della gara.

VIDEO | ALESSIA TROST 1,94 A HUSTOPECE

MAHUCHIKH MONDIALE - È la giornata della rivelazione ucraina Yaroslava Mahuchikh (del 2001) che alla prima gara tra le juniores pareggia il primato mondiale under 20 indoor (1,99) dell’americana Vashti Cunningham e concede il bis dopo il record del mondo allieve che aveva stabilito nell’ultima occasione utile, il 22 dicembre 2018 a Minsk (1,97). Il successo va all’altra ucraina Kateryna Tabashnyk che aggiunge un centimetro al suo limite personale, fino a 1,99, a dimostrazione di quanto in Europa si stia già facendo molto sul serio in questo inizio di stagione. E non va dimenticato l’1,97 della britannica Morgan Lake, terza con il record nazionale indoor eguagliato. Alessia Trost chiude a pari misura con l’uzbeka Svetlana Radzivil che però è quarta per aver saltato 1,94 al secondo tentativo. La musica c’è, il clima è quello frizzante dei meeting di salto in alto, il pubblico partecipa. L'azzurra non sbaglia mai fino alla misura che manderà a referto. Il percorso netto parte da 1,70 e prosegue di cinque centimetri in cinque centimetri fino a 1,85. Nessuna macchia nemmeno a 1,88 e 1,91. A 1,94 la questione comincia a farsi più delicata e deve ricorrere al terzo ingresso in pedana per domare la misura. I successivi tre assalti a 1,97 sono una buona base per pensare positivo. 

Nazareno Orlandi

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate

 TROST ALESSIA