Tricolore Master, partenza lanciata

28 Giugno 2013

Ad Orvieto nella prima giornata della rassegna nazionale cadono già diverse MPI. L'applauso in ricordo di Ottavio Missoni

 

Prima giornata dei Campionati Italiani Master a Orvieto (TR), subito con gare interessanti e buoni risultati tecnici. Infatti arrivano diverse migliori prestazioni nazionali nella parte iniziale, dedicata agli ostacoli e ai concorsi: sui 100hs Giulio Mallardi (Sef Macerata) corre in 19.12 per abbassare di nove centesimi il limite della categoria MM65 che apparteneva a Lamberto Boranga, il celebre ex portiere di serie A, nonostante il vento contrario sul rettilineo (-2.3). Nel salto con l’asta, continua l’inarrestabile serie vincente di Galdino Rossi (Atl. Ambrosiana): al suo esordio tra gli MM75 valica l’asticella alla quota di 2,60 conquistando il record, ma soprattutto l’architetto milanese indossa la dodicesima maglia tricolore consecutiva all’aperto, portando a 19 il totale. Anche in gioventù si dedicava alla stessa specialità, successivamente ha ricominciato all’età di 50 anni e da allora ha fatto incetta di titoli (e primati). Sui 400 ostacoli, l’impresa riesce invece a Frederic Peroni (Pro Sesto Atletica), medico dello sport che si impadronisce della miglior prestazione italiana MM50 al suo primo anno di categoria con 1:00.70, quasi un secondo in meno della precedente. E poi il decatleta altoatesino Hubert Indra (Südtirol Team Club) fa 3,91 nell’asta MM55, salendo di un centimetro rispetto al suo record ottenuto l’anno scorso nella rassegna tricolore di Comacchio. Per lui anche l’affermazione nei 100 ostacoli: non è l’unico della famiglia a vincere, perché la moglie e compagna di squadra Erika Niedermayr porta a casa altrettanti successi (80 e 300hs MF50). In avvio di pomeriggio scende la pioggia sullo stadio Luigi Muzi, anche con un temporale, ma senza particolari conseguenze sul programma visto che il cielo concede una tregua e le gare riprendono regolarmente. Tocca quindi al triplo MM95, con il primatista mondiale Giuseppe Ottaviani (Gs Atl. Effebi Fossombrone) che ottiene la misura di 4,49 (-0.8) e avvicina il suo recentissimo limite di 4,67 stabilito appena due settimane fa. Particolarmente significativo il momento dedicato a Ottavio Missoni, scomparso nel mese di maggio, e il consigliere federale Riccardo D’Elicio ha voluto ricordarlo non con un minuto di silenzio, ma con un forte applauso che la tribuna ha consacrato al più noto degli atleti master. Domani un’altra intensa giornata di sfide appassionanti a Orvieto, dalle 8.30 del mattino fino a tarda serata, mentre la manifestazione si chiuderà domenica. 

Luca Cassai

(ha collaborato Michele Minelli - CR FIDAL Umbria)



Condividi con
Seguici su: