Tortu: la prima è da 10.16, exploit Lambrughi 48.99

13 Maggio 2018

Il campione europeo under 20 esordisce sui 100 metri a Rieti arrivando a un centesimo dal PB. Grande gara dell'ostacolista lombardo, primo europeo 2018 e quarto azzurro alltime.


 

di Alessio Giovannini

Il primo lampo del 2018 di Filippo Tortu, 10.16 (+1.5) nei 100 metri, l'exploit di Mario Lambrughi, 48.99 nei 400hs. A Rieti, Super Pippo Tortu, campione europeo under 20 dello sprint, inaugura la sua stagione all'aperto in una gara praticamente senza rivali che lo proietta al traguardo ad appena un centesimo dal personal best di 10.15 ovvero il suo record italiano junior. Un crono che sbriga subito la pratica dello standard di iscrizione (10.20) per i Campionati Europei di Berlino. L'agenda dell'ancora 19enne delle Fiamme Gialle (ne compirà 20 il prossimo 15 giugno) è già fissata: stasera il big match Roma-Juventus (Pippo è un super tifoso bianconero) e poi ancora due sprint sui 100 metri, il 23 maggio a Savona e il 31 maggio al Golden Gala Pietro Mennea a Roma dove affronterà il fulmine statunitense Christian Coleman e l'altro azzurro Marcell Jacobs (attuale capolista stagionale con 10.12). Per la cronaca, dietro di lui oggi finiscono il pugliese Luca Antonio Cassano (Firenze Marathon) 10.47 e lo junior trentino Lorenzo Paissan (Lagarina Crus Team) 10.50.

VIDEO | FILIPPO TORTU CORRE I 100 METRI IN 10.16 (+1.5) A RIETI

TORTU: "L'OBIETTIVO PB E' SOLTANTO RIMANDATO" - “Soddisfatto? Relativamente. Ho fatto un buon tempo e non si può non essere soddisfatti, ma ho avuto delle sensazioni diverse dal solito, forse perché si trattava dell’esordio. Ho sentito molto bene la parte tra i 20 e i 30 metri dove di solito sono un po’ carente e forse l’ho pagata negli ultimi 10-15 metri. Nelle prossime tappe di Savona e Roma non vedo l’ora di poter riprovare a migliorare il personale. Il confronto con Jacobs? Siamo amici, non rivali, e aspetto soltanto il 23 e il 31. Pensando agli Europei di Berlino, certo non mancherà la concorrenza, ma la stagione è lunga e c’è tempo. Il debutto sui 200? A data da destinarsi, prima finiamo questo blocco di 100 metri di gare a maggio. E stasera mi godo Roma-Juve…”

400HS: LAMBRUGHI PRIMO EUROPEO 2018, QUARTO AZZURRO DI SEMPRE - Praticamente una finale da Campionato Italiano. L'anello azzurro dello Stadio Raul Guidobaldi ispira gli specialisti del giro di pista con barriere e, soprattutto, Mario Lambrughi. Il 26enne dell'Atletica Riccardi Milano 1946 si presenta sul rettilineo finale con un netto vantaggio su tutti gli avversari. La sua azione è sicura, una piccola incertezza solo all'ultima barriera: vince in 48.99 e dà un bacio al display con il suo crono. Un gesto che incornicia una prestazione che vale la leadership europea stagionale e che in Italia non si vedeva da quasi 13 anni: l'ultimo azzurro sotto i 49 secondi era stato, infatti, Gianni Carabelli, 48.84 l'8 luglio del 2005 a Roma. Grazie a questo risultato, il brianzolo Lambrughi si migliora di 36 centesimi, centra ampiamente lo standard per gli Europei di Berlino (49.80) e diventa il quarto ostacolista italiano alltime. Alle sue spalle bel progresso anche per il 23enne toscano Mattia Contini (Aeronautica) che scende a 49.62 (32 centesimi di PB) davanti a Josè Bencosme (Fiamme Gialle) 49.71. Performance che per entrambi valgono il "minimo" per la rassegna continentale in Germania.

VIDEO | MARIO LAMBRUGHI 48.99 SUI 400HS DI RIETI

LAMBRUGHI: "48.99, NON CI CREDO" - “Era una bella giornata, sapevo di valere un buon tempo dopo aver corso un 300hs a Formia: 48.99 davvero no ma a Rieti tutto è possibile. Ho baciato il crono perché è quello che faccio quando esce una buona gara, ormai è consuetudine. Credo che non realizzerò subito, ci metterò un po’ a elaborarlo, speriamo di abbassarlo ancora perché all’ultimo ostacolo sono quasi caduto. Berlino? Incrociamo le dita ma ci sono buoni presupposti per fare bene”.

HOWE VELOCISTA: 20.73 SUI 200 METRI - A Rieti, sulla pista della città che l'ha visto crescere, il recordman italiano del salto in lungo Andrew Howe riveste i panni del velocista. All'indomani del suo 33esimo compleanno, l'azzurro si cimenta sui 200 metri che vince con vento quasi nullo in 20.73 (-0.1). L'ultima apparizione dell'atleta dell'Aeronautica sul mezzo giro di pista risale al 2016 (21.16 a Goteborg), mentre Howe non si esprimeva su un crono del genere dal 2011 agli Assoluti di Torino (20.58). In un'altra serie primato personale del quattrocentista ligure Davide Re (Fiamme Gialle) che si migliora a 20.99 (-0.6), mentre al femminile Maria Benedicta Chigbolu (Esercito) la spunta di un centesimo, 23.78 a 23.79 (+1.3) su Anna Bongiorni (Carabinieri).

"Tornare a correre un 200 così veloce - racconta Howe - è stata proprio una bella emozione. Mi piace questa gara e questo è un punto d'inizio. La strada è quella giusta. Il salto in lungo? C'è sempre, non vi preoccupate. Se corro forte, posso saltare lontano". Al suo fianco il suo coach Fabrizio Donato che commenta soddisfatto: "Andrew oggi ha dato prova di grande forza. Può limare ancora qualcosa e a breve decideremo le prossime gare da fare". E il Donato triplista quando lo rivedremo in azione? "L'infortunio di questo inverno è stato abbastanza importante e mi ha un po' rallentato. Il salto triplo è in cantiere e spero di esordire a fine giugno".

(hanno collaborato Nazareno Orlandi e Lorenzo Bufalino)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results

Mario Lambrughi a Rieti


Condividi con
Seguici su: