Tremigliozzi 8,05 nel lungo dei Societari

11 Maggio 2014

L'aviere campano a Marano di Napoli migliora il personale all'aperto e supera per la terza volta in carriera il muro degli 8 metri

 

In via di conclusione la seconda giornata della prima fase regionale dei Campionati Italiani di Società Assoluti su pista. Brilla nel lungo Stefano Tremigliozzi che a Marano di Napoli atterra a 8,05 (+1.7) al primo salto. Il 29enne dell'Aeronautica, oggi in maglia Enterprise Sport & Service, arriva così ad un solo centimetro dal personale in sala (8,06) realizzato proprio lo scorso febbraio ad Ancona in occasione della vittoria agli Assoluti Indoor. All'aperto il lunghista campano aveva finora al suo attivo come miglior risultato l'8,01 centrato nel 2010 ad Avellino. Per lui, oltre che della conferma dello standard di iscrizione (7,95) per i prossimi Europei di Zurigo (Svizzera, 12-17 agosto), si tratta del terzo posto nelle liste continentali 2014. Oggi in gara diversi altri azzurri compreso il capitano Nicola Vizzoni che si aggiudica senza problemi il martello a Pontedera (Pisa) con 72,14. Nella stessa sede l'esordio stagionale sui 400hs della primatista italiana Yadisleidy Pedroso si chiude in 56.66. Giovani protagonisti sui 200 metri ovvero gli juniores Jacopo Spanò, 21.29 (-0.1) a Torino, e Johanelis Herrera, 23.90 (+1.0) a Lodi. Atteso sul mezzo giro di pista a Rieti anche Andrew Howe che, però, ha rinunciato in via precauzionale ad andare sui blocchi di partenza a seguito di un leggero fastidio avvertito in riscaldamento. Restando a Rieti, ma nel lungo, 7,72 (-0.2) per Emanuele Catania, mentre nel salto con l'asta, è il bronzo degli Europei Juniores Sonia Malavisi ad aggiudicarsi, 4,30 a 4,20 il primo scontro diretto dell'anno con la primatista assoluta Roberta Bruni. A Lodi, Marta Milani conquista facilmente gli 800 metri in 2:04.02, mentre a Vicenza la promessa Federica Del Buono si migliora a 2:05.35. A Palermo, la triplista Simona La Mantia vince anche il lungo con 6,11 (-0.2) imitata dallo junior Filippo Randazzo capace di atterrare a 7,58 (+1.5). Nell'alto di Modena 2,18 per Ferrante Grasselli.

CdS Assoluti 2014 - prima prova regionale (10-11 maggio) - RISULTATI: Abruzzo: Sulmona (AQ) - Basilicata/Calabria: Cosenza - Campania: Marano di Napoli - Emilia-Romagna: Modena - Friuli-Venezia Giulia: Spilimbergo (PN) - Lazio: Rieti - Liguria: Imperia - Lombardia: Lodi (donne) e Busto Arsizio (VA) (uomini) - Marche: Macerata - Piemonte/Valle d'Aosta: Torino - Puglia: Bari - Sardegna: Cagliari - Sicilia: Palermo - Toscana: Pontedera (PI) - Trentino Alto Adige: Trento - Umbria: Orvieto (TR) - Veneto: Vicenza

CDS ASSOLUTI 2014 - IL RACCONTO DELLA PRIMA GIORNATA

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia | Facebook: www.facebook.com/fidal.it

ABRUZZO - La seconda giornata dei Societari abruzzesi ha avuto fra le migliori prestazioni tecniche quella di Rocco Caruso (Gran Sasso Teramo) che nel getto del peso ottiene la misura di 15,67. Ancora in luce lo Junior Matteo Coia (Aterno Pescara), capace di correre i 200 in 22.32 (- 3.00). A livello femminile si segnala la gara dei 200 (+0.7), con Perla Dos Santos (Aterno Pescara) prima con 25.25, davanti a Yara Sulli (Gran Sasso Teramo) a 25.42. Nei salti, Riccardo Ruffilli (Aterno Pescara) fa segnare 6,71 nel lungo. Nel mezzofondo, i 5000 metri maschili hanno visto Daniele D’Onofrio (Gran Sasso Teramo) arrivare secondo in 14:45.67, dietro Yassine Kabbouri (Gran Sasso Teramo) a 14:39.86. 

BASILICATA/CALABRIA - I migliori risultati di Cosenza arrivano dai salti con il 6,86 (-0.2) dell'allievo Gabriele Chilà (Studentesca CaRiRi) e l'1,97 nell'alto di Stefano Milone (Atl. Barbas). Sulla stessa pedana, nelle gare  riservate alla categoria Cadetti, si fa notare l'1,91 di Ernesto Pascone (Bramatletica Reggina).

CAMPANIA - A Marano di Napoli protagonista indiscusso è il lunghista Stefano Tremigliozzi che al primo ingresso in pedana azzecca subito un 8,05 (+1.7) che vale tante cose. Quattro centimetri di primato personale outdoor (dopo 4 anni) e soltanto uno in meno rispetto all'8,06 che a febbraio lo ha proclamato tricolore assoluto in sala ad Ancona. Per l'aviere campano - per l'occasione in maglia Enterprise Sport Service - è la terza volta in carriera oltre la "fatidica" soglia degli 8 metri e un risultato che lo promuove al 12° posto delle liste italiane all-time e al terzo di quelle stagionali del Vecchio Continente. Per lui oggi solo un altro salto valido a 7,85 (+0.1), poi l'azzurro ha preferito rinunciare alle altre prove a disposizione. Nei 400hs la promessa Lorenzo Veroli (Enterprise Sport & Service), semifinalista agli Europei U23 di Tampere, arriva davanti a tutti in 51.87. Nei 200 metri 21.81 (-2.0) di Ciro Riccardi (Enterprise Sport & Service). L'Enterprise Sport & Service chiude la due giorni di competizioni al primo posto in entrambe le classifiche a squadre.

EMILIA ROMAGNA - Nell'alto di Modena Ferrante Grasselli non sbaglia sulla pedana di casa. L'altista classe 1991 de La Fratellanza 1874 salta 2,18 a 3 centimetri dal recente PB (2,21) realizzato sempre qui lo scorso 25 aprile. I 200 metri sono nel segno della promessa Luca Valbonesi (Imola Sacmi Avis) che precede controvento 21.65 a 21.72 (-1.8) il più esperto compagno di squadra Luca Galletti (Imola Sacmi Avis/Carabinieri). Terzo lo junior Marco Gianantoni (SEF Virtus Emilsider Bologna) 21.80. Al femminile 24.94 (-0.1) della promessa Judy Ekeh (Atl. Reggio/Esercito). Vittorie juniores sulle barriere dei 400hs che vedono prevalere Ayomide Folorunso (CUS Parma) in 1:01.03 e Andrea Pedrelli (SEF Virtus Emilsider Bologna) che con 52.54 scende anche sotto il 52.84 dello standard di iscrizione per i Mondiali di categoria a Eugene (USA). Un under 20 anche in cima all'elenco dei risultati del salto in lungo: si tratta del triplista Lorenzo Dallavalle (Atl. Piacenza) oggi atterrato a 7,14 (0.0) davanti all'allievo Francesco Lama (Atl. Imola Sacmi Avis) 7,08 (0.0).  A quota 4,20 l'astista Giorgia Benecchi (CUS Parma/Esercito). In cima alla classifica provvisoria maschile c’è La Fratellanza 1874 (16.047) mentre il CUS Parma è primo in quella femminile (15.995).

FRIULI VENEZIA GIULIA - Scrosci temporaleschi, pioggia e anche grandine condizionano le fase regionale del Friuli Venezia Giulia a Spilimbergo (PN). Nonostante le avverse condizioni meteo, il bronzo europeo junior del lancio del martello Marco Bortolato (Atletica Malignani Libertas) si conferma a un paio di metri dal primato personale (70,15): il ventenne arriva a pochi centimetri dalla fettuccia dei 69 metri, facendo segnare 68,97.

Sempre nei lanci Elisa Boaro (Libertas Friul Palmanova) ottiene 50,08 nel disco.

LAZIO – Da Rieti arriva la notizia che Andrew Howe (Studentesca CaRiRi/Aeronautica) - dopo il 10.48 (+1.2) siglato ieri nei 100 -non correrà i 200 come annunciato. Il primatista italiano del salto in lungo sente un affaticamento muscolare al bicipite femorale destro durante il riscaldamento e sceglie, in via precauzionale, di restare a riposo. Il primo scontro diretto della stagione nel salto con l’asta fra la primatista italiana assoluta indoor Roberta Bruni (Studentesca CaRiRi/Forestale) e il bronzo europeo junior Sonia Malavisi (ACSI Italia Atletica/Fiamme Gialle) finisce a favore della seconda che supera la misura di 4,30 (al terzo tentativo) mentre Bruni manda in archivio un 4,20 (superato per entrambe alla prima prova). Emanuele Catania (Fiamme Gialle Simoni/Fiamme Gialle) atterra a 7,72 (-0.2) nel lungo, mentre Valentina Aniballi (Studentesca CaRiRI/Esercito) lancia il disco a 54,25 e il primatista italiano Allievi del peso Sebastiano Bianchetti fa segnare 16,62 con l’attrezzo dei senior. A vincere il mezzo giro di pista è Lorenzo Valentini (Studentesca CaRiRi) in 21.47 (+0.7), con Giulia Arcioni (Studentesca CaRiRi/Forestale) a imporsi fra le donne in 24.10 (+1.2) davanti a Jessica Paoletta (Studentesca CaRiRi/Esercito) in 24.32. I 400 ostacoli vedono la vittoria di due juniores: al maschile il reatino Francesco Proietti (Studentesca CaRiRI), già azzurrino negli Europei under20 del 2013, fa segnare 52.58 nei 400 ostacoli, crono che soddisfa lo standard di iscrizione (52.84) per la rassegna iridata di categoria di Eugene (Stati Uniti). Al femminile Alessia Baldi (ACSI Italia Atletica) arriva al traguardo in 1:02.54.  

LIGURIA - A Imperia è il vento a farla da padrone. Lo testimonia quanto rilevato dall'anemometro che sui 200 metri soffia a -3.3 m/s sul 25.32 di Valeria Berrino (SS Trionfo Ligure) e a -3.8 sul 22.11 di Andrea Delfino (CUS Genova). Nel mezzofondo affermazione dell'allieva Chiara Ferdani (Spectec Duferco Carispezia) in 2:17.32, mentre i 400hs portano al successo lo junior Francesco Rebagliati (Atl. Arcobaleno Savona) con 55.23. In testa a entrambe le classifiche c’è il CUS Genova che raccoglie 14.137 punti con gli uomini e 14.366 con le donne.

LOMBARDIA (uomini )- A Busto Arsizio sui 400hs si impone Aramis Diaz della Riccardi Milano in 51.55 davanti allo junior e compagno di squadra Luca Cacopardo 52.12, crono inferiore al 52.84 indicato dalla Direzione Tecnica federale come standard di iscrizione per i prossimi Mondiali Juniores. Mor Seck (Atl. Monza) conquista la volata finale degli 800 metri: 1:50.30 davanti al tricolore assoluto in carica Michele Oberti (Bergamo 59 Creberg) 1:50.86. Nell'alto la spunta Marco Gelati (Pro Sesto Atl.) salito a 2,12 come Lorenzo Biaggi (Atl. Riccardi), terzo è Andrea Bettinelli (Bergamo 59 Creberg/Fiamme Gialle) 2,06. Il martello va al toscano Lorenzo Rocchi (Atl. Riccardi Milano) con 60,64. Vento variabile sul mezzo giro di pista dove Fabio Squillace (Atl. Riccardi) riesce comunque a spuntarla in 21.68 (-2.5) seguito dallo junior Nicolò Ceriani (Atl. Rovellasca/21.90), mentre la promessa Stefano Rodella (Atl. Riccardi) in un'altra serie taglia il traguardo in 21.78 (+2.0). Il soffio di Eolo è fin troppo generoso sulla pedana del lungo e spinge a 7,44 (+4.1!) Federico Chiusano (Atl. Riccardi) davanti ad Andrea Aldeghi (Lecco Colombo Costruzioni) 7,27 (+4.1) e all'allievo Andre Federici (Bergamo 59 Creberg) 7,03 (+0.1).

LOMBARDIA (donne) - A Lodi, Marta Milani (Bergamo 59 Creberg/Esercito) conquista agevolemente gli 800 metri in 2:04.02 staccando la compagna di club Isabella Cornelli (2:07.40). La maltese Rebecca Camilleri (Bracco Atletica) atterra a 6,12 (-0.2) nel lungo. Miriam Galli (Bracco Atletica) si aggiudica l'asta superando quota 4 metri. Nel disco Natalina Capoferri (Atl. Brescia) 1950 ha la meglio sul resto della concorrenza con un lancio di 51,79. La junior Virginia Troiani, una delle tre sorelle gemelle della Pro Patria ARC Busto Arsizio, è la più veloce sui 400hs: 1:02.29. Giovani velociste in luce nei 200: su tutte in 23.90 (+1.0) la junior Johanelis Herrera (Atl. Brescia) che si lascia alle spalle l'allieva Ilaria Verderio (Pro Sesto Atl.) 24.33. I crono di entrambe sono al di sotto dello standard di iscrizione (24.45) per i Mondiali Juniores. Una soglia a cui si avvicina anche la junior Denise Rega(Team A Lombardia) con 24.72 (+0.5). Tutto secondo pronostico nei 5000 metri dove Sara Galimberti (Bracco Atletica) - di rientro dal raduno federale negli Stati Uniti e dal 15:55.00 al meeting di Palo Alto - regola la concorrenza in 16:26.54.

MARCHE – Dopo le due giornate di sfide allo stadio Helvia Recina di Macerata, per la prima fase regionale del Campionato italiano assoluto per società, il club organizzatore dell’Atletica Avis Macerata comanda tra gli uomini a quota 13.960 punti, mentre al femminile con uno score di 14.186 guida il Team Atletica Marche, società nata dalla collaborazione tra Atletica Sangiorgese Renato Rocchetti, Atletica Osimo e Sacen Corridonia. Nel ranking maschile al secondo posto c’è la Collection Atl. Sambenedettese (13.249) seguita dal Team Atletica Marche (13.179), fra le donne la piazza d’onore va all’Atletica Avis Macerata (14.057) con la Sport Atletica Fermo in terza posizione (13.935). Le classifiche saranno definitive soltanto dopo l’ultima prova che si svolgerà nell’ambito dei campionati regionali assoluti (28-29 giugno ad Ancona). Durante la seconda giornata si migliora il pesista Lorenzo Del Gatto (Team Atletica Marche) con 17,17 al primo anno di categoria promesse, nel martello 61,46 per Massimo Marussi (Asa Ascoli Piceno/Carabinieri). Il pesarese Lorenzo Angelini (Atl. Avis Macerata) corre in 21.91 (-0.5) sui 200 metri che al femminile sono vinti dall’osimana Valentina Natalucci (Team Atletica Marche) con il record personale di 24.68 (0.0) davanti alla junior Roberta Del Gatto (Atl. Avis Macerata), 24.85.

PUGLIA - Sui 200 metri di Bari si rivede in azione, dopo i problemi fisici che lo hanno limitato nel corso dell'inverno, il tricolore assoluto dei 400hs Eusebio Haliti (Pol. Rocco Scotellaro MT/Esercito). Sul mezzo di giro di pista l'azzurro ferma il cronometro a 22.25 controvento (-1.9), idem per la junior Lucia Pasquale (Olimpia Club Molfetta) vincitrice in 25.61 (-2.9). Nel martello 64,79 di Pellegrino Delli Carri (Amatori Atl. Acquaviva). Nella classifica per club in testa gli uomini dell'Aden Exprivia Molfetta (14.445 punti) e le donne dell'Alteratletica Locorotondo (14.408).

SARDEGNA - Pronostici confermati ai societari sardi con il Cus Cagliari che si aggiudica il suo ennesimo titolo tra le donne  e la Polisportiva Gonone Dorgali che per la prima volta scrive il proprio nome nell’albo regionale tra gli uomini dopo il terzo posto (alle spalle di Oristano e Amsicora) dell’anno scorso. Il Cus, con 14.430 punti, ha preceduto l’Amsicora (12.286). Tra gli uomini Dorgali si è imposta con 13.481 punti proprio sull’Amsicora a quota 10.666. Cala il vento, almeno nel primo pomeriggio, nella seconda giornata e i 200 metri vedono protagonista l’iglesiente Marco Dario Muscas (Gonone Dorgali) che vince in 22.80 con vento regolare davanti a Hillary Polanco (Amsicora), 22.84, e Federico Aru (Cus Sassari), 22.89. Sulla stessa distanza al femminile successo secondo pronostico per Nadia Neri (Cus Cagliari), 25.47, su Elisa Argiolas (Amsicora). Elias Sagheddu (Delogu Nuoro), sigla 7,28 nel salto in lungo (v. +1.2) ed Elena Calzeroni (Cus Cagliari) fa segnare 42,75 disco. Nella serie extra dei 5.000 Giuseppe Mura (Futura Cagliari Soloatletica) vince in 14:39.49.

Tra le donne, assente Claudia Pinna, è prima Manuela Manca (Amsicora) in 17:49.78. 

SICILIA - Nella seconda giornata dei societari a Palermo, bis di Simona La Mantia che dopo il triplo di ieri (13,97) vince anche il lungo con 6,11 (-0.2). Al maschile brilla lo junior al primo anno di categoria Filippo Randazzo (Pro Sport 85 Valguarn.), lo scorso ottobre diventato il secondo Allievo di sempre con il 7,56 stampato in occasione del titolo Tricolore di categoria di Jesolo (a 5cm dal primato di Andrew Howe). A Palermo il diciottenne si migliora di due centimetri, atterrando a 7,58 (+1.5) al secondo salto e mettendosi alle spalle l'under23 Antonino Trio a 7,49 (+0.7). Sui 400 ostacoli, migliora ancora il primato regionale allieve la nissena Giorgia Di Vara (Virtus Acireale) chiudendo in 1:03.80, meglio del 1:04.24 ottenuto la settimana scorsa su questa stessa pista. Sui 200 maschili l'etneo Andrea Spezzi (Cus Palermo) in 21.52 (+0.2) precede Erasmo Caruso (Cus Palermo), 22.16. Nella prova femminile, primato personale per la nissena Alice Mangione (Cus Palermo) in 24.69 (+0.2) davanti all'etnea Chiara Torrisi (Cus Palermo), 24.93. Sugli 800, 2:13.15 per Lucia Pollina (Cus Palermo) e 1:54.11 per Salvatore Lauricella (Cus Palermo) davanti ad Ala Zoghlami (Cus Palermo), 1:54.94. Cus Palermo leader in entrambe le classifiche: conquista 14.917 punti con le donne e 15.085 con gli uomini.

TOSCANA – Capitan Nicola Vizzoni (Fiamme Gialle) a Pontedera  scende nella pedana del martello per l’Atletica Livorno. L’azzurro, nove mesi fa settimo ai Mondiali di Mosca, esegue tre lanci per poi rinunciare agli altrettanti di finale: tanto basta a vincere con la misura di 72,14. Tra le prime a scendere in gara nella seconda giornata della fase regionale toscana c’è anche Yadisleidy Pedroso. La primatista italiana della specialità corre i 400 ostacoli in 56.66, prestazione influenzata da un forte vento trasversale. La ventisettenne portacolori del CUS Pisa Atletica Cascina ieri si era cimentata nel giro di pista senza barriere chiudendo in 55.35. Al maschile vince il compagno di squadra Luca Giangravè in 52.96. La tricolore dei 400 metri Chiara Bazzoni (Toscana Atl. Empoli Nissan/Esercito) è la più veloce nei 200 metri con il crono di 24.25 (-1.4), davanti a Irene Siragusa (Atletica 2005) al traguardo in 24.43 e a Michela D’Angelo (CUS Pisa Atl. Cascina) in 24.59. Fra gli uomini 22.12 (-0.7) di Giacomo Angeli (Atl. Prato). Negli 800 metri Yusneysi Santiusti Caballero (CUS Pisa Atletica Cascina) si impone in 2:10.90 anticipando Giulia Aprile (Firenze Marathon) in 2:11.92 mentre al maschile il successo è della promessa Joao Neves Bussotti (Atl. Livorno, 1:51.03). Claudette Mukasakindi (Atletica 2005fa segnare  16:48.65 sui 5000 ed Anna Visibelli (Firenze Marathon) vince il lungo con sei metri esatti. Sulla pedana del disco la migliore è la trentacinquenne Anna Salvini (CUS Pisa Atletica Cascina), già capace di lanciare 55,26 la settimana scorsa a Livorno (arrivando vicina al PB di 55,57 del 2013). All'esperta discobola toscana oggi basta un 48,92 per superare Stefania Strumillo dell’Atletica 2005 a 45,83, mentre lancia 45,83 Ambra Julita della Firenze Marathon. Guidano l’Atletica Firenze Marathon al maschile (15781) e il CUS Pisa Atletica Cascina a quota 16.743 al femminile.

TRENTINO/ALTO ADIGE - Prima che su Trento si abbatta il nubifragio - l’intensa pioggia ha comportato la sospensione delle gare per oltre un’ora - la seconda giornata dei Societari propone la sfida nei 400hs fra le due junior Valentina Cavalleri (SSV Bruneck Volksbank, 1:00.53) e Caren Agreiter (SSV Bruneck Volksbank, 1:00.58) e la bellunese Elisa Scardanzan (Gs Valsugana Trentino, terza in 1:00.76). Doppietta junior anche al maschile con il successo di Nicola Lorenzi (Gs Valsugana Trentino, 53.92) al traguardo con lo stesso tempo di Matteo Mazzola (Lagarina Crus Team). Nei 200 metri, Gualtiero Bertolone (Athletic Club 96 Ae Spa) precede Davide Deimichei: 21.51 contro 21.52 pur con l’aiuto di Eolo (+4,2); al femminile vittoria per Marinella Maggiolo (Gs Valsugana Trentino, 24.41 con +2,4). Nel lungo donne successo per Elisa Zanei (Gs Valsugana Trentino) con 5,94 (+1,4); negli 800 femminili altro assolo di Eleonora Berlanda(Us Quercia Trentingrana/Fiamme Oro), vincitrice in 2:09.83. Sui 5.000 Federica Dal Ri, alla prima gara in pista dopo la maternità, corre in 16:50.34. Nel peso 15,97 di Karl Telser (Athletic Club 96 Ae Spa).

PIEMONTE/VALLE D'AOSTA - Allo stadio Primo Nebiolo di Torino Martina Amidei (CUS Torino/Aeronautica) dopo i 100 di ieri (11.90/-0.5) si impone anche nei 200 fermando i cronometri a 24.14 (+0.7). Il 19enne Jacopo Spanò (Atl. Calvesi) corre i suoi 200 metri più veloci di sempre in 21.29 (-0.1): primato personale e conferma dello standard di iscrizione (21.50) per i Mondiali Juniores di Eugene (USA). Battuto anche la promessa Michele Tricca (Fiamme Gialle) che oggi non fa meglio di 21.99. Nei 400hs femminili vittoria e progressi per l'allieva Eleonora Marchiando (Atl. Sandro Calvesi) che ritocca subito il suo recente 1:01.59 di Lodi, imponendosi in 1:00.37. Undicesima italiana all-time e "minimo" per la rassegna iridata under 20. Il vento disturba l'alto maschile che registra una nuova affermazione dell'allievo Stefano Sottile (Atl. Valsesia) a 2,06 dopo l'exploit a 2,15 della scorsa settimana. Nei 5000 metri Marouan Razine (CUS Torino/Esercito) che lo scorso anno è stato capace di correre questa distanza in 13:28.08, oggi sbriga comodamente la pratica in un tranquillo 14:19.28. 5,92 (-1.4) per la triplista Eleonora D'Elicio (CUS Torino/Fiamme Azzurre) nel lungo.

UMBRIA - Alla fine della due giorni di gare allo stadio Muzi di Orvieto sono in testa alla classifica la Libertas Orvieto (14.462) fra gli uomini e la Libertas Arcs CUS Perugia (14.709) fra le donne. L’under 23 Elisa Pacilli (Libertas Arcs CUS Perugia)  si migliora nei 200 metri con il tempo di 24.77 (+2.0) e Paul Kipchumba Sugut, in gara per la Libertas Orvieto, realizza 3:50.87 sui 1500 e 14:18.75 nei 5000. Il compagno di squadra Alessio Dolciami sigla 44,97 nel disco.

VENETO –Societari veneti assoluti ancora all’insegna dei giovani. Dopo il 58,72 siglato sabato nel martello dalla junior Giulia Camporese, oggi, al campo “Perraro” di Vicenza, nella seconda giornata della prima fase regionale, applausi per Federica Del Buono (Atletica Vicentina) e Caterina Bertazzo. La vicentina, non ancora ventenne, ha corso gli 800 in 2:05.35, migliorandosi di 1.51. L’allieva padovana, tesserata per le Fiamme Oro, ha invece chiuso i 5.000 metri di marcia, fuori classifica, in 24:12.34. Altre due allieve, la bassanese Rebecca Sartori e la padovana Gioi Spinello (Fiamme Oro Padova) hanno inscenato un duello nei 400 ostacoli: 1:02.16 per la prima, 1:02.37 per la seconda. Il ventunenne Enrico Tirel (Atl. Biotekna Marcon) ferma invece i cronometri a 52.97. La promessa Eugenio Rossi (Biotekna Marcon) si è imposto nell’alto con 2,16, precedendo lo junior padovano Federico Ayres Da Motta (Assindustria Padova) a 2,08. Maddalena Purgato (Assindustria Pd) ha vinto la gara di giavellotto con 47,43. In questa prova, anche il bronzo dell’allieva Ilaria Casarotto (Atletica Vicentina, 46,89). Biotekna Marcon fra gli uomini (16.001 punti) ed Atletica Vicentina fra le donne (15.824) leader tra le società in attesa delle due successive prove di qualificazione.

Alessio Giovannini - Anna Chiara Spigarolo

(hanno collaborato Luca Cassai, Giuliana Cassani, Mauro Ferraro, Alessandro Floris, Lorenzo Magrì, Enzo Miceli, Michele Minelli, Nazareno Orlandi, Luca Perenzoni, Roberto Ragonese, Cesare Rizzi, Giorgio Rizzoli, Myriam Scamangas)

Elenco Atleti Militari autorizzati a partecipare al C.d.S. Assoluto su Pista 2014 con la Società di provenienza

Elenco Società ammesse alle Finali del C.d.S. Assoluto

Yadisleidy Pedroso (foto Colombo/FIDAL)



Condividi con
Seguici su: