Roma: conclusi gli incontri dell'Atletica Elite Club

24 Ottobre 2017

I 36 azzurri del progetto AEC hanno incontrato la Direzione Tecnica federale per definire la programmazione della prossima stagione. Tante le attività nella tre giorni all'Acqua Acetosa. 


 

Conclusi a Roma gli incontri di programmazione dell'Atletica Elite Club. Per i 36 azzurri presenti, affiancati da tecnici personali e società, è stata l'occasione per un confronto con la struttura tecnica federale dell'Alto Livello guidata dal DT Elio Locatelli. Questa è stata l'occasione per tracciare insieme, attraverso una serie di colloqui individuali tra atleti e Direzione Tecnica Federale, il percorso che porterà verso la nuova stagione: il 2018 dei Campionati Europei di Berlino. La tre giorni presso il Centro di Preparazione Olimpica "Giulio Onesti" dell'Acqua Acetosa è stata caratterizzata da diversi momenti di approfondimenti su importanti tematiche come l'assistenza sanitaria preventiva e la riatletizzazione su cui è intervenuto il medico federale prof. Andrea Billi. L'avvocato Guido Valori ha, invece, illustrato alla squadra le procedure sui "Whereabouts", mentre il Direttore della Comunicazione FIDAL Marco Sicari ha tracciato una panoramica sull'approccio alle interviste e sul rapporto con il mondo dei social network. Intanto in queste giornate romane gli azzurri sono stati alle prese con interviste, foto e video. Spazio anche al prof. Paolo Benini - docente di Psicologia presso l'Università di Siena e mental coach, tra gli altri, dei campioni del nuoto Gregorio Paltrinieri e Luca Dotto - che si è soffermato su alcuni aspetti legati alla motivazione costruita anche attraverso una maggiore consapevolezza e, di conseguenza, una migliore gestione di se stessi.

MARATONA - Il campione europeo di maratona Daniele Meucci è al lavoro per la prossima stagione. Dopo un 2017 che l'ha visto sesto con il primato personale (2h10:56) ai Mondiali di Londra, l'ingegnere pisano dell'Esercito affronterà il nuovo anno con l'appuntamento clou in agosto ai Campionati Europei di Berlino. Fari puntati sulla rassegna continentale anche per Valeria Straneo, vicecampionessa europea in carica, che vuole mandare in fretta in archivo il suo anno senza maratona. Domenica prossima l'attendono 10 chilometri a Bari per poi affrontare la mezza maratona a Milano il 26 novembre. L'azzurra ha recentemente cambiato guida tecnica per affidarsi a Massimo Magnani così come l'ottocentista Yusneysi Santiusti.

BENEDETTI OPERATO - Tra i convocati dell'AEC a Roma anche Giordano Benedetti: l’ottocentista, azzurro a Rio, si è sottoposto qualche giorno fa a un’operazione al piede sinistro per la rimozione di una spina calcaneare. L'intervento è stato effettuato dal prof. Franco Benazzo al Policlinico San Matteo di Pavia (Fondazione IRCCS), la stessa struttura che lo seguirà nel percorso post-operatorio, mentre la riatletizzazione avverrà all’IMSdS di Roma in collaborazione con le Fiamme Gialle. “Soffro di infiammazioni al tendine d’Achille da anni, soprattutto nel periodo primaverile, ma quest’anno il dolore si è fatto più intenso e mi ha impedito di allenarmi come avrei voluto. Ho dovuto interrompere la stagione prima di quanto mi aspettassi, l’ultima gara è stata il 18 luglio a Bellinzona, poi ad agosto è arrivato lo stop definitivo. L'operazione è andata bene, devo solo avere pazienza. Spero di tornare a correre a dicembre: è il regalo che vorrei trovare sotto l'albero di Natale”.

Free Fifa 18 Coins

INFERMERIA – Sono conclusi i percorsi di recupero di tre azzurri: Marco Fassinotti (alto), Matteo Galvan (400) e Jose Bencosme (400hs) - seguiti in questi mesi dallo staff medico federale guidato dal prof. Andrea Billi e dagli specialisti dell’Istituto di Medicina e Scienza dello Sport – hanno ripreso i normali ritmi di allenamento in vista della prossima stagione. Sonia Malavisi, dopo un inizio di preparazione regolare, dovrà prendersi qualche giorno di pausa: guarita la frattura da stress alla tibia destra patita in estate, nei giorni scorsi è emerso un altro edema da sovraccarico allo scafoide dello stesso arto. L’astista romana, in parallelo alle terapie riabilitative, si sottoporrà anche una valutazione posturale e funzionale per evitare il ripresentarsi di simili problematiche. È ferma ai box, a causa di una microfattura al sacro, anche Veronica Inglese. Per la pugliese argento europeo (1h10:35 sulla mezza di Amsterdam) è purtroppo rimandato l’atteso esordio sulla maratona: nelle prossime settimane la corsa sarà sostituita da magneto-terapia e lavoro in acqua, più o meno lo stesso menu del lunghista Marcell Jacobs, che – archiviata l’ipotesi chirurgica - curerà i dolori alla rotula con infiltrazioni all’acido ialuronico. 

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- FOTO/Photos


Condividi con
Seguici su: