Multiple: under 23 sul podio in Francia

29 Luglio 2018

Gli azzurri terzi nell’incontro internazionale di decathlon promesse a Aubagne, quarti gli under 20 dell’Italia Team e quinto posto nella classifica finale


 

Terzo posto della squadra maschile under 23 azzurra nell’incontro internazionale di prove multiple a Aubagne, in Francia. Un podio che matura grazie ai risultati dei romani Matteo Chiusolo, quinto a 7041 punti, e Matteo Taviani, sesto con il record personale di 6911, mentre il romagnolo Michele Brini è decimo (6351). Per la formazione under 20 c’è invece la quarta posizione: sesto il vicentino Riccardo Miglietta con 6712 punti, nono il lombardo Dario Dester a quota 6443 in una seconda giornata ancora più calda della prima, con il termometro ben oltre i 30 gradi. Dopo essersi trovato in testa al giro di boa, l’Italia Team scivola indietro anche per le non perfette condizioni fisiche del piemontese Andrea Cerrato, ma il campione tricolore di categoria porta comunque a termine la gara (16° con 5938) seppur senza misura nell’asta. Al femminile la lombarda Sofia Montagna coglie il settimo posto nell’eptathlon under 20 con 5018 punti. Nelle classifiche a squadre le azzurre chiudono al quinto posto tra le juniores, seste le under 23. L’Italia è quinta (46.611) nell’esagonale vinto dalla Svizzera (50.328) con tre successi parziali (uomini U23-U20 e donne U20) davanti a Francia (50.217 e prima con le donne U23), Ucraina (47.376) e Spagna (47.084), con la Repubblica Ceca (44.750) fanalino di coda.

DECATHLON - In avvio di seconda giornata, due record personali del non ancora ventenne romano Matteo Chiusolo (Sportrace) che toglie un centesimo a quello dei 110hs in 15.84 (-0.7) e aggiunge oltre 70 centimetri al suo precedente limite nel disco portandolo a 35,84 per mantenere la quinta posizione provvisoria nel decathlon under 23. Anche il compagno di allenamenti Matteo Taviani (Atl. Virtus Cr Lucca) si dimostra in grande crescita nei lanci: 31,86 nel disco e 53,97 nel giavellotto (ben dodici metri di progresso) dopo aver aperto in 15.27 (-1.3). Nell’asta poi i due Matteo non si esprimono al massimo (Chiusolo 4,40 e Taviani 4,30) ma la loro due giorni è sicuramente positiva. Per il romagnolo Michele Brini (Atl. Imola Sacmi Avis) tre posizioni guadagnate nell’asta (4,20) passando da undicesimo a ottavo, prima del decimo posto finale. Non prosegue invece Luca Dell’Acqua (N. Atl. Fanfulla Lodigiana), presente fuori classifica, per un fastidio al piede emerso nella prima giornata durante la gara di lungo.

Il veneto Riccardo Miglietta (Atl. Vicentina) rimane saldamente nella parte alta della classifica e diventa terzo dopo aver eguagliato il personale di 4,00 nell’asta, prima di perdere qualche punto nei 1500 conclusivi (5:23.67) che decretano il sesto posto nel decathlon under 20. Il campione italiano Andrea Cerrato (Atl. Fossano ’75) deve stringere i denti, a causa del problema al piede di stacco avvertito nel salto in lungo di ieri, e sostanzialmente non entra in gara nell’asta (solo un nullo). Ma il giovane piemontese vuole onorare fino in fondo il suo debutto in Nazionale, proseguendo nel giavellotto con rincorsa ridotta ad appena tre passi (38,53) e nei 1500 in cui riesce comunque a essere il migliore degli azzurri in 4:47.32. A realizzare il punteggio che entra nella graduatoria per team è quindi Dario Dester (Cremona Sportiva Atl. Arvedi) con una prova piuttosto regolare anche se distante dal personal best, visto che nella rassegna tricolore aveva superato i 7000 punti. Successo con 7348 per lo svizzero Simon Ehammer, recente bronzo mondiale a Tampere.

EPTATHLON - Tra le migliori prestazioni della giornata c’è senza dubbio il record personale di Sofia Montagna nel giavellotto: 39,44 con due metri abbondanti in più rispetto al 37,02 nel Multistars di Firenze per salire al nono posto dopo sei gare. Poi la 19enne dell’Atletica Vigevano recupera altre due posizioni con il crono di 2:27.26 sugli 800 metri e finisce settima. La veneta Gloria Gollin (Atl. Vicentina) è undicesima a quota 4898 che vale il primato stagionale, ma anche il secondo score in carriera. Il suo miglior risultato di oggi arriva dagli 800 metri (2:23.14), invece nel lungo atterra a 5,32 (+1.9). Per la perugina Martina Mazzola (Atl. Avis Macerata) il quattordicesimo posto con 4490 punti.

Non manca la voglia di combattere alle under 23 dell’Italia Team, anche se si trovano nella seconda metà della classifica. Tripletta di personal best per Alice Lunardon (Atl. Riviera del Brenta), tredicesima nell’eptathlon, che si porta a 4904 punti con una netta crescita sul precedente limite di 4761 ottenuto alla rassegna tricolore di Torino. La padovana di Limena si migliora anche nel giavellotto (33,83) e sugli 800 metri (2:21.58). Al sedicesimo posto Martina Ronchetti (Cus Pro Patria Milano), comunque a meno di cento punti dal suo primato con 4684, e 17esima l’altra veneta Mariaelena Agostini (Atl. Libertas Sanp, 4590), autrice di una spallata a 37,86 con il giavellotto. Fuori classifica la ligure Eleonora Ferrero (Cus Genova) che si fa notare nel giavellotto (38,70 a un soffio dal personale), poi non corre gli 800 finali in un eptathlon compromesso dallo stop nella prima gara. Ha invece dovuto rinunciare alla trasferta per una tonsillite la pluricampionessa italiana Federica Palumbo (Us Sangiorgese).

Luca Cassai

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results

L'Italia Team delle prove multiple a Aubagne


Condividi con
Seguici su: