Multiple Allievi a Trevisatletica e Lugo

15 Settembre 2013

Ad Olgiate Olona successo dei trevigiani a pari punti con l’Atletica Monza. Tra le donne rispetta il pronostico l’Atletica Lugo

 

Sono Trevisatletica al maschile e Atletica Lugo al femminile a vincere gli scudetti nella finale nazionale dei Societari di prove multiple Allievi/e nella rassegna organizzata a Olgiate Olona dalla Polisportiva Olonia, in una rassegna che consegna agli archivi un successo annunciato, quello delle Allieve, e uno al fotofinish. L’epilogo della prova maschile - tra uno scroscio di pioggia e l’altro – ha infatti dell’incredibile. La classifica finale (che tiene conto degli octathlon dei migliori tre atleti di ogni società) propone due squadre appaiate in vetta con 14588 punti: la lombarda Atletica Monza e la veneta Trevisatletica. Decisivo, a fronte di una situazione inedita e statisticamente rarissima, diventa il miglior piazzamento: il successo va così ai trevigiani grazie al secondo posto di Jacopo Zanatta, a fronte del quarto di Lorenz Zwick dell’Atletica Monza. La formazione veneta conquista lo scudetto grazie a tre primati personali: non era facile, a fronte  della pausa agostana e di pioggia e temperatura fresca ad avversare le prove della seconda giornata. Per la Trevisatletica portano punteggio il già citato Zanatta, che chiude con 5256 punti  e parziali da 12.02 (-1,5)/100, 6.34 (+2,0)/lungo, 12.49/peso, 52.32/400, 15.67 (+0,6)/110 ostacoli, 1.87/alto, 42.31/giavellotto e 2:59.66/1000, migliorandosi di 128 lunghezze;  Giacomo Zuccon è invece terzo con 5082 punti e un progresso di 64 grazie a prestazioni da 12.11 (-2.2)/100, 6.10 (2.8)/lungo, 10.44/peso, 53.02/400, 14.82 (0.3)/110 ostacoli, 1.81/alto, 33.48/giavellotto, 2:47.00/1000; Leonardo Visentin timbra infine il 14° punteggio con 4250; a comporre la squadra neocampione d’Italia è anche Andrea Berto con 3608 (27°). L’Atletica Monza, prima nelle graduatorie di qualificazione, vede sfumare il titolo dopo aver chiuso al comando la prima giornata e nonostante due personali e un’ottima prova nel lungo della propria punta Edoardo Cipriano. Lorenz Zwick sfiora la barriera dei 5000 punti (4999, PB) con prove da 11.97 (-2,2)/100, 6.29 (+2,9)/lungo, 12.03/peso, 53.87/400, 16.42 (+0,2)/110 ostacoli, 1.70/alto, 42.13/giavellotto e 2:52.83/1000. Tre punti più in basso ecco Cipriano, quinto con 4996: 11.69 (-1,2)/100, 6.94 (+1,3)/lungo, 9.70/peso, 54.36/400, 15.34 (+0,3)/110 ostacoli, 1.81/alto, 28.42/giavellotto, 2:59.53/1000. Lorenzo Riva è infine nono con il personale a 4593 e cinque primati nelle singole specialità. Bronzo con 14372 punti è l’Atletica Piemonte di Andrea Carioti: il campione e primatista italiano dell’octathlon non è nella forma dell’estate, ma domina comunque la gara totalizzando l’ottimo bottino complessivo di 5595 punti e due nuovi limiti personali: 11.65 (PB/-1,5) sui 100, 6.48 (+1,8) nel lungo, 12.84 (PB) nel peso, 50.21 nei 400, 15.43 (+0,3) nei 110 ostacoli, 1.84 nell’alto, 45.16 nel giavellotto e 2:52.16 nei 1000.

Passando al settore femminile l’Atletica Lugo invece ricorderà a lungo questo 2013, foriero del titolo nazionale Assoluto individuale nell’eptathlon di Carolina Bianchi e ora anche dello scudetto Allieve. Merito di Laura Reggi, Anna Plodziszewska e Chiara Calgarini: nessuna delle tre sale sul podio, ma i piazzamenti individuali dal quinto al settimo posto permettono alla formazione romagnola di dominare la competizione a squadre. Reggi totalizza 4019 punti, Plodziszewska 4017 e Calgarini 3978, a dimostrare la grande compattezza dell’Atletica Lugo, che lascia il Gs Ermenegildo Zegna secondo classificato a quasi 800 punti: 12014 a 11228. Bronzo per l’OSA Saronno Libertas grazie ai punti di Michela Veneziano (nona con 3722), Eleonora Perini (la sorella di Lorenzo è 11esima con 3500) e Chiara Morelli (sorella di un’altra azzurrina, Irene, e 13esima a Olgiate Olona con 3456). Nell’eptathlon individuale vittoria per la favorita, Lucia Quaglieri (Modena Atletica). Per l’azzurrina ai Mondiali Under 18 può essere fatto un discorso simile a quello formulato per Carioti: la condizione non può essere quella di Donetsk e Chiari ma uno score da 4602 punti basta a lasciare tutte le rivali a oltre 300 lunghezze. Quaglieri, argento ai tricolori individuali di categoria, colleziona le seguenti prestazioni:  15.14 (-1,5)/100 ostacoli, 1.54/alto, 11.48 (PB)/peso, 26.71 (-1,1)/200, 5.01 (-0,5)/lungo, 31.03/giavellotto, 2:30.04/800. Seconda, sia individualmente sia a squadre, è Silvia Nicola del Gs Zegna, miglioratasi di 60 punti (4297) grazie a parziali da  16.21 (+0,2)/100 ostacoli, 1.57/alto, 8.90/peso, 26.93(-0,2)/200, 5.20 (-0,8)/lungo, 27.51/giavellotto, 2:30.46/800. Con lei sul podio per la società piemontese salgono Stella Gregoletto (12esima con 3497) e Lucrezia Lora Moretto (14esima con 3434). Terzo posto individuale infine per Eleonora Marchiando (Atl. Sandro Calvesi) con 4285.  Nota a margine: l'Atletica Vicentina, lo scorso anno capace di conquistare entrambi i titoli, non era presente in quanto ha rinunciato a partecipare alla finale. RISULTATI/Results

Cesare Rizzi (CR FIDAL Lombardia)



Condividi con
Seguici su: