Montagna: titoli assoluti per Maestri e Ghelfi

14 Agosto 2021

A Pian delle Betulle (Lecco) terzo tricolore consecutivo del trentino, secondo Baldaccini. Doppietta delle sorelle piemontesi: Francesca davanti a Erica. U23: vincono Merli e Scaini, tra gli U20 Mattio e Falchetti

 

di Cesare Rizzi (FIDAL Lombardia)

Sono il trentino Cesare Maestri e la piemontese Francesca Ghelfi a conquistare i Campionati italiani assoluti di corsa in montagna. A incoronarli è la prova di sola salita di Pian delle Betulle, a Margno, in Valsassina e in provincia di Lecco, dove l’alfiere dell’Atletica Valli Bergamasche Leffe ribalta l’esito della prima tappa che aveva visto il successo di Davide Magnini. La portacolori della Podistica Valle Varaita si prende la vittoria anche nel secondo round, dopo quella del 30 maggio a Roncone, e precede sul traguardo la sorella maggiore e compagna di colori Erica Ghelfi.

UOMINI (10,2 km - 1160 metri di dislivello positivo) - Cesare Maestri fa la voce grossa e si conferma padrone, per il terzo anno di fila, del titolo italiano assoluto della corsa in montagna. Dopo il terzo posto alla Sierre-Zinal l’ormai ex “cucciolo” della Nazionale azzurra domina l’ascesa di Pian delle Betulle e si prende “tappa” e “giro”: il trentino, battente bandiera Atletica Valli Bergamasche Leffe, chiude in 53:37 davanti a un pimpante Francesco Puppi (Atl. Valle Brembana), che regola per soli cinque secondi (54:42 a 54:47) l’ex compagno di squadra (ora di rientro al Gs Orobie) Alex Baldaccini. Quarto posto di giornata per il campione europeo 2017 Xavier Chevrier (Atl. Valli Bergamasche Leffe) in 55:19 nei confronti di un ottimo grimpeur come Tiziano Moia (Gemonatletica), quinto in 55:22 e dodici secondi di vantaggio sul vincitore del primo round nelle Valli Giudicarie, Davide Magnini (Atl. Valli di Non e Sole), oggi sesto. Settima piazza per Martin Dematteis (Sportification) in 55:48 mentre ottavo in 56:29 è il primo under 23 Luca Merli (Valchiese), subito davanti a uno scalatore di rango come Henri Aymonod (Us Malonno). Nella classifica generale trionfa Cesare Maestri che totalizza 159 punti. Con due terzi posti in due gare Alex Baldaccini è secondo, mentre Davide Magnini a quota 155 “salva” il terzo posto per un punto su Xavier Chevrier (154) e tre su Francesco Puppi (152). Undicesimo a Roncone, ottavo oggi a Pian delle Betulle, sempre il migliore tra le promesse (in Valsassina con quasi quattro minuti di margine sugli inseguitori): Luca Merli è meritatamente campione italiano di categoria con 60 punti. Alle sue spalle Isacco Costa (Gs Quantin Alpenplus), secondo in entrambe le prove per sommare 58 punti. Il terzo posto di tappa va a Giovanni Dedivitiis (Team Pasturo), mentre quello della classifica generale vede terminare appaiati a quota 52 punti Alessandro Rossi (Atl. Alta Valtellina), oggi quarto, e Manuel Zani (Gs Orobie), settimo nella seconda prova: sul podio sale Zani perché in possesso del miglior piazzamento (la terza moneta di Roncone).

DONNE (8,04 km - 1028 metri di dislivello positivo) - Giornata trionfale per la famiglia Ghelfi e la Podistica Valle Varaita: Francesca ed Erica, regine in coppia dei tricolori di staffette a Lanzada (Sondrio), a Pian delle Betulle sono prima e seconda, davanti persino alla keniana iridata “only up” nel 2018 Lucy Wambui Murigi (Atl. Saluzzo), in gara per i Campionati di Società, e fanno doppietta anche nella classifica generale. Francesca Ghelfi, classe ’96 e già prima a Roncone, trionfa in 57:11. Erica Ghelfi, meno giovane di un anno e campionessa italiana di chilometro verticale, è seconda in 57:32 e raddoppia la festa. Detto di Murigi terza al traguardo (58:07), la terza piazza a livello di tappa tricolore va ad Alessia Scaini (Atl. Saluzzo) in 58:35 su Camilla Magliano (Podistica Torino, 59:59), Cecilia Basso (Orecchiella Garfagnana, 1h00:26), Alice Gaggi (La Recastello Radici Group, 1h01:35) e Vivien Bonzi (Gruppo Escursionisti Falchi Olginatesi, 1h01:55). Francesca Ghelfi, prima in entrambe le tappe, trionfa per la prima volta nel Campionato italiano assoluto con 120 punti. Sul secondo gradino del podio c’è proprio Erica Ghelfi con 115, mentre terza è Alice Gaggi a 114 davanti a Cecilia Basso (quarta a 113) e Alessia Scaini (quinta a 112).

Nella sfida combinata delle promesse, Alessia Scaini e Vivien Bonzi chiudono appaiate a quota 39 punti ma la somma dei tempi premia decisamente la portacolori dell’Atletica Saluzzo, battuta dalla rivale per 24 secondi a Roncone ma oggi giunta davanti di oltre 3 minuti. Il terzo posto va a Katia Nana (La Recastello Radici Group) con 33 punti mentre quello “di tappa” è di Elisa Pastorelli (Atl. Lecco Colombo Costruzioni).

JUNIORES UOMINI (5,4 km - 800 metri di dislivello positivo) - In una giornata spettacolare per lo scenario naturale offerto, assegnati anche i titoli italiani juniores nella manifestazione organizzata dal Cs Cortenova che mantiene in vetta i due trionfatori del round inaugurale di Roncone (Trento), Martina Falchetti ed Elia Mattio: lei fa due vittorie su due, lui mette il sigillo grazie al secondo posto di giornata. L’impresa di oggi porta la firma di Samuel Demetz, alfiere dello Sportclub Merano: sesto a Roncone, già a Lanzada si era mostrato in palla siglando il secondo crono under 20 di frazione e a Pian delle Betulle si mette tutti dietro, compreso il vincitore della prima tappa tricolore Elia Mattio (Podistica Valle Varaita), 36:08 contro 36:21. Ancora per la Valle Varaita corre il terzo di giornata, Simone Giolitti, al traguardo in 36:41 su Davide Curioni (Gp Valchiavenna, 37:21), Pietro Cambianica (Atl. Valle Brembana, 38:00) e Devid Caresani (Atl. Valle di Cembra, 38:03). La Podistica Valle Varaita, come nel settore assoluto femminile, ha tanto da celebrare: Elia Mattio è campione d’Italia con 79 punti e Simone Giolitti, già quarto a Roncone, è terzo con 75, appaiato da Samuel Demetz e superato (in chiave secondo posto) solo in virtù del successo odierno dell’altoatesino. Quarto e quinto sono Davide Curioni e Devid Caresani, entrambi a quota 71.

JUNIORES DONNE (4 km - 380 metri di dislivello positivo) - Vince ancora Martina Falchetti (Sportclub Merano) ma i distacchi sono più contenuti rispetto alla tappa in Trentino. La portacolori del club meranese si impone in 27:15 battendo un’azzurrina di Tallinn, Luna Giovanetti (Atl. Valle di Cembra), al traguardo in 27:31 dopo aver saltato la prima tappa e aver corso i 5000 agli Europei under 20. Piuttosto vicine chiudono anche Manuela Pedrana (Atl. Alta Valtellina) e Aurora Bado (Freezone), che ha gareggiato in Estonia sui 3000 siepi: per loro rispettivamente 27:40 e 27:46. Passano quasi due minuti poi per completare la top five: quinta è Lisa Kerschbaumer (Sportclub Merano) in 29:33 sul 29:40 di Irene Aschieris (Atl. Susa Adriano Aschieris) e sul 29:59 di Sveva Della Pedrina (Gp Valchiavenna). Martina Falchetti è campionessa d’Italia con 60 punti, Manuela Pedrana conquista la seconda posizione a quota 57, per la terza Irene Aschieris e Lisa Kerschbaumer terminano appaiate a 53 ma è il terzo posto di Roncone a consegnare il podio alla piemontese, poi quinta Noemi Bouchard (Atl. Saluzzo) a 47.

SOCIETARI - La seconda prova del Campionato italiano individuale ha assegnato anche i titoli dei Campionati di Società assoluti, seniores-promesse e juniores della corsa in montagna. A centrare gli scudetti più prestigiosi sono l’Atletica Valle Brembana maschile e l’Atletica Saluzzo femminile. I bergamaschi trionfano con 746 punti totali precedendo i bresciani dell’Unione Sportiva Malonno (731 punti) e i trentini della Valchiese (729). Le piemontesi conquistano il successo con 551 punti e ampio margine sulla Podistica Valle Varaita (425 punti) e l’Atletica Trento (332). Nella categoria seniores-promesse vittorie per gli uomini dell’Atletica Valli Bergamasche Leffe su Valchiese e Us Malonno e per le donne dell’Atletica Saluzzo davanti a La Recastello Radici Group e Podistica Valle Varaita. Tra gli juniores riescono a imporsi i club per cui gareggiano i tricolori individuali: la Podistica Valle Varaita maschile di Elia Mattio (davanti a Gp Valchiavenna e Atletica Lecco Colombo Costruzioni) e lo Sportclub Merano femminile di Martina Falchetti (Atletica Saluzzo seconda, Atletica Trento terza).

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI


Condividi con
Seguici su: