Mondo, Otto oltre i 6 metri

10 Settembre 2012

Björn Otto sale a 6,01. L'atletica in pista si congeda con gli ultimi meetings. Ripartono le corse su strada

di FIDAL


 

Otto a 6,01

Nel "Domspringen“ di Aachen (un meeting di salto con l'asta disputato a metà settimana) l'argento olimpico di salto con l'asta Björn Otto ha portato il record nazionale della specialità a 6,01, migliorando di un centimetro il limite detenuto da Tim Lobinger, stabilito a Colonia nel 1997. La misura rappresenta anche la miglior prestazione mondiale 2012. Otto è il terzo astista tedesco a proiettarsi oltre i sei metri. Nel 2001 anche Danny Ecker (ritiratosi dalle competizioni 15 giorni fa) superò la misura in un meeting indoor a Dortmund. Per il quasi 35enne Otto si è trattata della migliore stagione della carriera, culminata con tre medaglie d'argento nelle più importanti competizioni internazionali dell'anno: mondiali indoor a Istanbul, europei di Helsinki e Olimpiadi di Londra. Nel suo carnet si conta anche un bronzo agli Euroindoor del 2007. Otto ha poi chiuso la stagione ieri a Stettino, in Polonia, vincendo con 5,60 sul cubano Lázaro Borges (stessa misura).

Zagabria

La capitale croata ha ospitato il "Memorial Hanzekovic" (IAAF World Challenge), ultima tappa prima di quella conclusiva di Rieti. Sono stati migliorati ben sei record del meeting, giunto alla sessantaduesima edizione. Tra i migliori risultati, tutti ad opera di atleti statunitensi, il 22"35 di Allyson Felix nei 200 metri, il 21,80 di Reese Hoffa nel peso (ottima serie con 21,34-21,76-21,56-21,80-nullo-21,70 e ulteriore vittoria su Majewski) e il 13"07 di Jason Richardson nei 110 ostacoli. La stella di casa Sandra Perkovic ha vinto la gara di disco con 65,79. Nelle altre gare, 50"05 della giamaicana Whyte nei 400, e la doppietta targata UK della Proctor nel lungo (6,79) e del discobolo Okoye (67,25). Siepi a Jairus Kipchoge Birech in 8'11"80 sul bronzo olimpico Abel Mutai (8'12"47), martello al solito Pars (79,14). Nei 100 ostacoli Kellie Wells ha urtato il sesto ostacolo e ha chiuso settima (prima la Crawford in 12"68).

Gemili in progresso

Il campione mondiale junior dei 100 metri Adam Gemili ha corso in 20"38 nella finale dei campionati britannici juniores di club a Derby. La prestazione rappresenta il primato europeo stagionale junior sulla distanza, e il miglior crono ottenuto da un atleta britannico dai Campionati Europei di Barcellona (argento a Malcolm con lo stesso tempo, 20"38). Gemili si è imposto anche sui 100 metri in 10"21.

Maslák veloce

Il campione europeo dei 400 metri, il ceco Pavel Maslák, ha migliorato il record nazionale dei 200 metri a Tábor, nella fase finale dei campionati societari (vinti dal Dukla Praga, il club di Maslák, portandolo a 20"59 con due metri di vento a favore. Tra gli altri risultati, 81,14 di Petr Frydrych nel giavellotto, 20,17 di Žalský e 20,14 di Prášil nel peso.

Giovani brasiliani

Discreti risultati ai campionati nazionali under 23 di Maringa.

Due primati sudamericani "promesse" sono stati realizzati dalla eptatleta Vanessa Spinola con 6.105 punti e dal pesista Darlan Romani con un lancio di 20,48. Tra gli altri risultati, 10"20 legale e 20\"33 ventoso di Aldemir Gomes da Silva e 18,62 della pesista Geisa Arcanjo, sorpresa della finale olimpica di Londra, dove ha conquistato il settimo posto col personale portato a 19,02.

Corse su strada

Il calendario è ripreso con molte corse, prima dello Tsunami autunnale di maratone e mezze maratone (compresi i Mondiali di Kavarna, in Bulgaria, il prossimo 6 ottobre). Russia: ai campionati nazionali di maratona a Mosca, titoli a Fyodor Shutov in 2h12'09" e Natalya Sokolova in 2h30'10", per entrambi primato personale. Nella mezza maratona siberiana di Novosibirsk, vittoria di Yevgeniy Rybakov (bronzo europeo a Helsinki nei 10000 metri) in 1h05'13", stesso tempo del gemello Anatoliy, giunto secondo. Nella mezza femminile buon 1h09'56" della 38enne Mariya Konovalova-Pantyukhova. Nell'area baltica registriamo la maratona di Tallinn, vinta da John Kipkemboi Kirui in 2h15'21".

Germania: Agnes Kiprop ha corso in 1h08'38", primato della corsa, la mezza maratona di Altötting. La Kiprop in questa stagione ha vinto la maratona di Praga in 2h25'41", dopo essersi piazzata seconda alla Roma-Ostia in 1h07'22". nella 10 km di Praga successo di Henry Kiplagat in 27'51". Come anticipato la scorsa settimana, alla corsa ha preso parte, senza velleità di vittoria, il primatista mondiale di maratona Patrick Makau, che si è classificato decimo in 30'29". Nella maratona di Münster, caratterizzata da temperature estive, vittoria del 37enne marocchino Ahmed Nasef in 2h12'21" (2h10'59" quest'anno, quinto a Venezia un anno fa, vittorie a Napoli in gennaio e a Treviso nel 2011, tesserato con la Fanfulla Lodigiana), cinque secondi più veloce del kenyano Paul Kimugul Kimaiyo, all'esordio stagionale.

Anche Kimugul è noto in Italia, per aver partecipato a diverse edizioni della Stramilano (alcune anche vinte). Africa: i campionati ugandesi di mezza maratona a Kampala hanno laureato campione nazionale Nathan Ayeko, esordiente sulla distanza, in 1h01'02". Chiudiamo con vittorie kenyane: la mezza maratona francese di Auray-Vannes è stata vinta da Geoffrey Kenesi in 1h02'35" e da Gladys Kipsoi in 1h12'14". A Pila (Polonia) successo di Boniface Nduwa in 1h03'31".

News Atleti

Fine carriera per il lunghista tedesco Nils Winter (visto in settimana a Rovereto), che gareggerà per l'ultima volta domani nella Repubblica Ceca. Winter fu co-protagonista della sensazionale finale europea indoor di salti in lungo a Torino 2009, dove colse la medaglia d'argento dietro il formidabile Sebastian Bayer, che approdò al primato europeo al coperto di 8,71. Ritiro anche per la poliedrica belga 31enne Elodie Ouédraogo, originaria del Burundi, semifinalista olimpica dei 400 ostacoli (55"20), che ha disputato l'ultima gara venerdì scorso nel Memorial Van Damme di Bruxelles, ed è stata festeggiata a fine gara.

Nella carriera, ha vinto medaglie importanti quale frazionista della 4x100 belga, come l'argento ai Giochi di Pechino e il bronzo ai Mondiali di Osaka.

Elvan Abeylegesse sta per rientrare alle gare dopo la maternità. La turca ex-etiope, due medaglie ai Giochi di Pechino, potrebbe essere già al via dei mondiali di mezza maratona di Kavarna, dopo aver recuperato da un infortunio che le ha impedito di competere a Londra. Chi invece sta per intraprendere una carriera da maratoneta è l'australiano Craig Mottram, che sembra aver chiuso con le gare in pista dopo Londra 2012. In animo, una grande maratona primaverile del calendario primaverile.

Previews: il World Discus Challenge in Estonia

Venerdì prossimo a Kose (Estonia), nel summit agonistico di fine stagione dei migliori discoboli (ci saranno Gerd Kanter, l'iraniano Hadadi, il polacco Malachowski), non ci sarà il discobolo lituano Virgilijus Alekna, 40 anni, terzo nel fine settimana a Bruxelles in Diamond League, che in un primo momento era stato dato per certo in pedana, per la probabile ultima apparizione di una carriera straordinaria e con pochi eguali, che l'ha visto conquistare due ori e un bronzo olimpico, due ori e due argenti mondiali, e tutta la varietà del podio agli Europei (oro, argento e bronzo). Alekna, che ha lasciato uno spiraglio per gareggiare anche nel 2013, sta considerando la possibilità di candidarsi per la presidenza del Comitato Olimpico lituano.

Il Decastar a Talence

Nel prossimo fine settimana il classico appuntamento di Talence con le prove multiple: tra i migliori contendenti iscritti, l'olandese Sintnicolaas, il belga van Alphen, l'ucraino Kasyanov e il francese Mayer nel decathlon. Nell'eptathlon, il cast è più prestigioso, per la presenza della russa Chernova, della francese Djimou, della tedesca Schwarzkopf, della lituana Skujyté, della canadese Zelinka, delle ucraine Yosypenko e Melnychenko, e per il ritorno alle prove multiple dopo 10 anni della primatista del mondo di lancio del Barbora Špotáková.

La Great North Run con la Dibaba, la Defar negli USA

Partenza a Newcastle a traguardo a South Shields, passando per Gateshead. Questo il percorso della Great North Run che tanti grandi risultati, in passato, ha prodotto nella mezza maratona. Mo Farah, dopo aver annunciato la sua presenza, pare aver dirottato sulle gara di contorno delle due miglia. In compenso, la manifestazione godrà dell'attesissimo esordio sulla mezza maratona di Tirunesh Dibaba, che troverà al via anche un'altra olimpionica di Londra, la connazionale Tiki Gelana (oro nella maratona) e la kenyana Edna Kiplagat. Una terza campionessa olimpica di Londra, assieme a Dibaba e Gelana, sarà impegnata in una mezza maratona nel prossimo fine settimana, Si tratta dell'oro dei 5000 metri Meseret Defar, che sarà al via della Rock n‘ Roll Half Marathon di Philadelphia, dove competerà contro Firehiwot Dado (prima a New York un anno fa), la kenyana Sharon Cherop (prima in aprile a Boston) e Buzunesh Deba, altra etiope di peso nel panorama dei 42 km.



Condividi con
Seguici su: