Mersin: sorrisi d'oro per le 4x400

29 Giugno 2013

Catania terzo nel lungo con 7,92. L'Italia chiude i Giochi del Mediterraneo con 27 medaglie: 12 ori, 6 argenti e 9 bronzi

 

L'undicesima e la dodicesima medaglia d'oro dell'atletica italiana ai XVII Giochi del Mediterraneo di Mersin (Turchia) arrivano delle staffette 4x400 che vincono anche la sfida contro il cronometro, raggiungendo entrambe lo standard di partecipazione per i Mondiali di Mosca (10-18 agosto). Il primo squillo è ad opera della formazione femminile con Maria Enrica Spacca, Elena Bonfanti e le due medagliate della prova individuale Maria Benedicta Chigbolu (argento) e Chiara Bazzoni (oro). Le azzurre conducono il testimone al traguardo in solitaria con il tempo che si ferma a 3:32.44. Altrettanto fa il quartetto maschile composto da Lorenzo Valentini, Isalbet Juarez, Michele Tricca e Matteo Galvan, ieri già autore di un imbattibile 45.59. Proprio al finanziere vicentino tocca l'ultima frazione che lanciato da un Tricca in gran forma chiude il discorso in 3:04.61 e consegna agli azzurri il pass per la rassegna iridata.

Un combattivo Emanuele Catania si mette, invece, al collo la medaglia di bronzo nel lungo. Il 23enne finanziere, reduce da un problema fisico, conferma "al centimetro" il personal best all'aperto stabilito a metà maggio a Rieti: 7,92 (+0.5) al quinto salto. Nella serie dell'azzurro anche un 7,79 (+0.2) e un 7,90 (+0.5), a conferma di aver ormai trovato una certa stabilità in prossimità del fatidico "muro" degli 8 metri. Meglio di lui oggi fanno i greci Louis Tsatoumas (8,14/+1.1) e Georgios Tsakonas (7,97/+1.3).

I 5000 metri sono, come da copione, gara tattica che giocano d'attesa fino allo scoccare dell'ultimo giro. C'è anche Daniele Meucci nel quartetto in corsa per le medaglie, ma il pisano dell'Esercito negli ultimi 200 metri perde contatto dalla pattuglia nordafricana che monopolizza il podio con l'algerino Aboud (13:38.01) e i marocchini El Goumri (13:38.24) e Lahbabi (13:40.33). Niente da fare nemmeno per il tricolore della specialità Stefano La Rosa (Carabinieri) che esce di scena a metà gara. 

Eusebio Haliti conclude la sua seconda esperienza in azzurro con il quinto posto nei 400hs vinti in 48.31 dal serbo Emir Bekric.

50.51, invece, il crono del portacolori della Rocco Scotellaro Matera, a 5 centesimi dal primato personale che l'azzurro avrà nuovamente occasione di provare a migliorare agli Europei Under 23 di Tampere (Finlandia, 10-14 luglio). Stesso piazzamento per l'ottocentista dell'Esercito Marta Milani (2:04.01), mentre sul podio è doppietta marocchina con Akkaoui (2:00.72) e Hilali (2:00.79) davanti alla turca Koyuncu (2:01.74). Nel disco dominato dall'olimpionica croata Sandra Perkovic con 66,21, settima Laura Bordignon (Fiamme Azzurre), 51,35.

27 MEDAGLIE - Al termine delle quattro giornate di gare l'Italia dell'atletica svetta nel medagliere con 27 metalli: 12 ori, 6 argenti e 9 bronzi. Alle spalle degli azzurri 16 medaglie per la Grecia (6/4/6) e 19 per i padroni di casa della Turchia (5/7/7). 

a.g.

XVII Giochi del Mediterraneo - Mersin 2013
Il medagliere azzurro (27)

ORO (12): Chiara Bazzoni (400m - 52.06), Marzia Caravelli (100hs - 12.98), Ilenia Draisci (100m - 11.53), Matteo Galvan (400m - 45.59), Giuseppe Gibilisco (asta - 5,70), Eleonora Giorgi (marcia 20km - 1h39:13), Daniele Greco (triplo - 17,13), Valeria Straneo (mezza maratona - 1h11:00), Cattaneo-Paoletta-Draisci-Alloh (4x100 donne - 44.66), Collio-Riparelli-Manenti-Tumi (4x100 uomini - 39.06), Spacca-Bonfanti-Chigbolu-Bazzoni (4x400 donne - 3:32.44), Valentini-Juarez-Tricca-Galvan (4x400 uomini - 3:04.61);

ARGENTO (6): Veronica Borsi (100hs - 13.05), Silvano Chesani (alto - 2,28), Maria Benedicta Chigbolu (400m - 52.66), Libania Grenot (200m - 23.20), Ruggero Pertile (mezza maratona - 1h07:07), Silvia Weissteiner (5000m - 15:44.53);

BRONZO (9): Emanuele Catania (lungo - 7,92), Manuela Gentili (400hs - 55.89) Giorgio Piantella (asta - 5,50), Silvia Salis (martello - 62,52), Fabrizio Schembri (triplo - 16,62), Elena Romagnolo (5000m - 16:11.17), Michael Tumi (100m - 10.25), Tania Vicenzino (lungo - 6,38), Nicola Vizzoni (martello - 74,86).

SEGUICI su Twitter [@atleticaitalia] | Facebook


Gli azzurri della 4x400. Da sinistra: Michele Tricca, Lorenzo Valentini, Isalbet Juarez e Matteo Galvan (foto Colombo/FIDAL) 

File allegati:
- RISULTATI/Results


Condividi con
Seguici su: