Master, scudetti a OlimpiaRimini e Romatletica

22 Settembre 2013

Ai Campionati italiani di società master di Montecassiano si confermano le capitoline. Quarto tricolore per i romagnoli

 

Nei Campionati italiani di società master su pista a Montecassiano, in provincia di Macerata, i titoli nazionali vanno all’Olimpia Amatori Rimini tra gli uomini e alla Romatletica in campo femminile. Un ritorno e una conferma: infatti i romagnoli conquistano il quarto scudetto, dopo quelli ottenuti nel triennio 2008-2010, mentre le capitoline ripetono l’affermazione della passata stagione e centrano il terzo successo, visto che si erano imposte anche tre anni fa. Questi i verdetti di un week-end appassionante, ricco di sfide combattute, con una lotta incerta fino alla gara conclusiva dell’ultima giornata, che ha fatto segnare cinque primati italiani: in tutto quindi il bilancio è di nove record tricolore e un primato mondiale. Al maschile, l’Olimpia Amatori Rimini precede i campioni uscenti dell’Atletica Virtus Castenedolo e gli umbri dell’Athlon Bastia, poi Daini Carate Brianza, Gs Tortellini Voltan Martellago e Masteratletica Vicenza. Tra le donne invece la Romatletica ha la meglio sulle altoatesine del Südtirol Team Club, con il terzo posto dell’Assi Giglio Rosso Firenze, davanti a Liberatletica Roma, Marathon Trieste e Atl. Santamonica Misano. Anche la seconda giornata si disputa in condizioni meteo favorevoli al polo sportivo San Liberato, sotto un sole ancora estivo. Un record italiano maschile arriva per merito dell’intramontabile Antonio Nacca (Amatori Masters Novara), che al suo primo anno di categoria MM90 migliora di nuovo il suo limite degli 800 metri con 4:07.63, circa tre secondi in meno rispetto alla rassegna tricolore individuale “over 35” di Orvieto. Ma sulla pista di Montecassiano la protagonista al femminile è la sprinter Graziella Cermaria (Atl. Santamonica Misano), che al record di ieri sui 100 MF55 aggiunge quello dei 200 metri con 29.99 (-0.4). Mamma e casalinga, ha scoperto l’atletica quasi per caso: “Fino a sei anni fa praticavo soltanto un po’ di jogging - racconta - ma dopo la segnalazione di una conoscente ho iniziato a far parte della società romagnola, per specializzarmi in seguito nella velocità. Adesso mi alleno tutto l’anno, tre volte a settimana, con risultati che mi danno sempre più soddisfazione. E poi è bellissimo condividere l’atletica con il gruppo delle compagne di squadra”. Altri due primati italiani nei concorsi: Ingeborg Zorzi (Sc Meran Forst Volksbank) lancia il giavellotto MF65 a 23,85 e nel triplo Maria Grazia Rafti (Liberatletica Roma) eguaglia il suo record MF60 con 8,56 (+0.6). Nella 4x400 metri, l’Assi Giglio Rosso Firenze (Ivana Fognani, Lucia Samuelli, Daniela Aldrovandi, Gianna Lanzini) corre in 4:35.30 e ottiene la miglior prestazione nazionale MF50. Ma sono tanti i risultati di rilievo salutati da un tifo caloroso, come il 27.70 (-0.2) dell’ex azzurra Marinella Signori (Atl. Virtus Castenedolo) sui 200 MF50 e il 32.41 di Erika Niedermayr (Südtirol Team Club) nei 200 ostacoli della stessa categoria. Due le doppiette di successi al femminile: la mezzofondista Waltraud Egger (Sc Meran Forst Volksbank/MF60) si aggiudica 1500 e 3000 metri, invece Maria Luisa Fancello (Assi Giglio Rosso Firenze/MF70) abbina la vittoria nel disco a quella del martello.
Tra gli uomini scende di nuovo in pedana Carmelo Rado (Olimpia Amatori Rimini), colosso di 186 centimetri per 100 chili, che dopo il record mondiale nel disco vince il peso MM80 lanciando 12,13. Entusiasmanti anche le volate sui 200 metri maschili, con Vincenzo Felicetti (Athlon Bastia) capace di 26.08 (+1.6) sui 200 MM60, invece il martellista Nicola Sundas (Amsicora Cagliari) fa atterrare il suo attrezzo a 58,76 nella categoria MM45. In definitiva lo scudetto per l’Olimpia Amatori Rimini guidata da Werter Corbelli matura non solo per le prodezze di Rado, ma anche grazie alla vittoria di Marco Segatel nel salto in alto, poi altri quattro piazzamenti sul podio. Le donne della Romatletica contano una vittoria individuale (Elvia Di Giulio nel lungo), due seconde posizioni (la capitana Anna Micheletti nei 200 metri e la polacca Ewa Kepa sugli 800), più sette quarti posti che portano un importante bottino di punti nella classifica. Presenti anche oggi fra gli altri Giacomo Leone, consigliere nazionale FIDAL; Giulio Farina, vicesindaco di Montecassiano; gli assessori comunali Paola Del Dotto e Gianfranco Del Re, insieme a Luciano Luzi, delegato allo sport del Comune di Montecassiano, che ha patrocinato l’evento organizzato dall’Atletica Montecassiano del presidente Luciano Camilletti, con grandi numeri di partecipazione: 1415 atleti-gara iscritti, 24 società maschili e altrettante femminili. RISULTATI/Results

Luca Cassai (CR FIDAL Marche)



Condividi con
Seguici su: