Lo sport italiano celebra Zauli

08 Novembre 2013

Venerdì 6 dicembre la rievocazione nel cinquantenario dalla scomparsa e la consegna dei premi Berra e Rosi

 

Saranno il presidente del CONI Giovanni Malagò e il presidente della FIDAL Alfio Giomi a fare da padroni di casa venerdì 6 dicembre per la celebrazione, a cinquant'anni dalla scomparsa, di Bruno Zauli, indimenticato dirigente sportivo mancato il 7 dicembre 1963. Zauli fu un illuminato segretario generale del CONI e poi presidente della FIDAL dal 1946 al 1957. Ricoprì anche il ruolo di Commissario Straordinario della FIGC. Ideatore della Coppa Europa per nazioni e fondatore della Scuola Nazionale di Atletica Leggera di Formia, a lui si devono la rifondazione dello sport italiano nel dopoguerra e l'introduzione della pratica sportiva nei programmi scolastici.

La cerimonia si terrà alle 12 nel Salone d’Onore del CONI a Roma alla presenza del segretario generale del CONI Roberto Fabbricini e ospiterà la consegna del Premio Bruno Zauli: assegnato come sempre ad un atleta della Federazione Italiana di Atletica Leggera e ad un atleta (o squadra) di un’altra Federazione che si siano particolarmente distinti, il riconoscimento sarà conferito sia per il biennio 2009-2010 che per quello 2011-2012. Sarà anche l’occasione per consegnare i premi giornalistici dedicati ad Alfredo Berra e a Paolo Rosi destinati alle migliori firme sportive della carta stampata e della radio o televisione.



Condividi con
Seguici su: