Lanci, OK Vizzoni e Balassini, Maffeis fa 34




 
Comincia con un titolo nazionale, la stagione italiana di Nicola Vizzoni. Il martellista delle Fiamme Gialle, già medaglia d'argento ai Giochi olimpici di Sydney 2000, si è imposto oggi ad Ascoli Piceno nella seconda giornata dei Campionati italiani di lanci invernali, grazie ad un lancio di 75,90m. Il freddo non ha fermato il lanciatore toscano (che due settimane fa in Sudafrica ha già lanciato a 76,22), che è da considerarsi sulla strada del pieno recupero dopo un 2003 condizionato da diversi problemi fisici. Alle spalle di Vizzoni, seconda piazza per Loris Paoluzzi, con 72,65. Terzo, e primo della categoria Promesse, il "padrone di casa" Massimo Marussi, che ha così risolto a proprio favore (con un eccellente 69,59) il confronto di categoria con il campione d'Europa Junior Lorenzo Povegliano (settimo assoluto con 62,54). E comincia subito facendo le cose sul serio anche Ester Balassini, che nel martello al femminile si è imposta con la buona misura di 67,86. L'azzurra ha avuto ragione della rivale di sempre, Clarissa Claretti, seconda con 62,69. Disco uomini con risultato a sopresa: assente il numero uno italiano Diego Fortuna, il favorito Cristiano Andrei è giunto secondo (con la misura di 57,20), alle spalle di Stefano Lomater, che ha visto atterrare il proprio attrezzo a 58,91. Tra le donne, spicca il titolo tricolore (è il 34esimo in carriera!) centrato nel disco dall'eterna Agnese Maffeis, con 52,44. Curiosità statistica: l'eccellente 54,39 con cui Alessandro Botti si è imposto nel disco giovanile, è di nove centimetri superiore al limite stabilito da Marco Martino - quando l'attrezzo da 1,750 con cui si è disputata la gara, era valido per la categoria Allievi - il 9-10-1977. Da un paio di stagioni gli Allievi (Under 18) lanciano con il disco da 1,500 kg, ma il fatto che fino ad oggi nessuno avesse mai fatto meglio, da sostanza alla prestazione di questo giovanissimo discobolo. Altra curiosità, non prettamente statistica: alla gara di martello donne hanno preso parte anche le Junior Silvia Salis e Laura Gibilisco, protagoniste del bel duello di ieri (quallo valido per il titolo di categoria, che ha portato la Salis al record italiano). Oggi, rivincita per la siciliana Gibilisco, che ha nettamente preceduto la rivale: 59,21 contro 56,77. File allegati:
- RISULTATI



Condividi con
Seguici su: