Lambrughi ancora sotto i cinquanta: 49.98

23 Luglio 2020

A Modena sui 400 ostacoli l’azzurro toglie un centesimo al crono di esordio. Folorunso 57.86 dopo aver colpito l’ultima barriera, Dal Molin 13.77 al debutto nei 110hs

 

La seconda gara dell’anno sui 400 ostacoli di Mario Lambrughi è una conferma. A Modena l’azzurro scende di nuovo sotto i 50 secondi e con 49.98 ritocca di un centesimo il 49.99 siglato a Rieti nel debutto di un paio di settimane fa. Un’altra buona prova per il 28enne brianzolo dell’Atletica Riccardi Milano 1946, terzo al mondo nelle fresche liste stagionali oltre che quarto italiano di sempre con il 48.99 da lui realizzato nel 2018 prima di una serie di infortuni. Al secondo posto 50.98 di Eusebio Haliti (Esercito). Tra le donne all’esordio Ayomide Folorunso (Fiamme Oro) corre in 57.86. La 23enne delle Fiamme Oro, vincitrice nella scorsa estate alle Universiadi di Napoli, viene frenata dall’urto con la barriera conclusiva ma si lascia alle spalle le compagne di club Linda Olivieri (58.24), vicecampionessa europea under 23 della specialità, e Rebecca Sartori (58.52), quarta Valentina Cavalleri (Esercito, 58.75).

Scatta anche la stagione nei 110hs di Paolo Dal Molin (Fiamme Oro) con 13.77 (-0.2) in quella che è la sua prima uscita agonistica in assoluto del 2020, visto che non aveva gareggiato nell’attività indoor durante l’inverno. Al femminile la 21enne Desola Oki (Fiamme Oro) chiude in 13.65 (+0.1) al debutto sui 100 ostacoli. Nuovo test per Tobia Bocchi (Carabinieri) che nel triplo atterra a 16,05 (+0.1) dopo il 16,02 con cui a Rieti aveva iniziato la stagione outdoor. La sfida dei 200 metri va a Diego Pettorossi (Sef Virtus Emilsider Bologna) in 21.26 davanti al 21.35 di Andrea Federici (Atl. Biotekna Marcon). Cresce nell’alto la ventenne Marta Morara (Atl. Lugo) con 1,80 al primo tentativo, un centimetro in più del personale in sala e due rispetto al proprio limite outdoor che aveva pareggiato una settimana fa. Missione compiuta sui 400 anche per la junior Laura Elena Rami (Cus Bologna), tricolore allieve nel 2019, che lima di un centesimo il suo primato con 56.13. Nell’asta il 22enne Jacopo Mussi (La Fratellanza 1874 Modena) sale per la prima volta a 5,00, nel triplo 12,83 (0.0) per l’altra portacolori della società di casa Costanza Gavioli, mentre sui 110hs juniores 14.32 (+0.9) di Samuele Maffezzoni (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter). [RISULTATI/Results]

NAPOLI - Allo stadio San Paolo di Napoli, debutta il campione italiano del triplo Samuele Cerro (Enterprise Sport & Service) che sfiora più volte i 16 metri e finisce con 15,95 (-0.1). Ancora una gara con rincorsa ridotta per Daniele Greco (Fiamme Oro), oggi secondo con 15,68 (+0.2) dopo aver rotto il ghiaccio sabato a Molfetta dove aveva saltato 15,89, invece al femminile Dariya Derkach (Aeronautica) non va oltre 12,59 (-0.2). Negli 800 metri 1:52.07 per Andrea Romani (Atl. Riccardi Milano 1946). [RISULTATI/Results]

l.c.

VIDEO | MODENA: LAMBRUGHI 49.98 SUI 400HS

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: