Kinder+Sport Cup si scaldano i motori

30 Settembre 2014

I principali risultati dei cadetti a due settimane dal Campionato Individuale e per regioni Cadetti di Borgo Valsugana (TN) in agenda l'11 e 12 ottobre

 

A due settimane dall’appuntamento che vale una stagione, la Kinder+Sport Cup -  Campionato Individuale e per regioni Cadetti, l’attività agonistica degli under16 ferve in tutta Italia. Con i titoli tricolori e la Kinder+Sport Cup per la miglior rappresentativa regionale in palio l’11 e 12 ottobre su piste e pedane di Borgo Valsugana (TN), i Cadetti Italiani scaldano i motori, ponendo le premesse per un’altra grande rassegna giovanile. Sabato 27 e domenica 28 settembre, nel fine settimana dei Campionati di Società Assoluti, la vetrina per la categoria sono stati i campionati regionali andati in scena in diverse sedi nella penisola.

In quelli lombardi di Chiari (BS), spiccano le prove d’autorità con cui Marta Zenoni (Atl. Brusaporto) e Sydney Giampietro (Metanopoli) vincono le rispettive specialità. Zenoni si limita ai 1000 metri ma il suo assolo è devastante: 1:06 ai 400, 2:12 agli 800 e un poco di sofferenza in chiusura per chiudere in un 2:46.44 conclusivo, a poco più di 2 secondi dalla MPI Cadette stabilita a Milano lo scorso 24 aprile. Alle sue spalle scende sotto i 3 minuti anche Camilla Bossi (Cantù Atletica) con 2:56.18. Giampietro in una manciata di minuti fa tremare le proprie MPI: con 16,43 resta a poco più di una spanna dal limite nel peso poi con 42,71 trionfa per distacco nel disco. La freccia di Lombardia è come da previsioni Camilla Maestrini (Atl. Rodengo Saiano): 9.93 (+1.0) in batteria e 9.89 (vento nullo) in finale, a un decimo dall’annosa MPI di Erica Marchetti. Brescia in generale domina lo sprint: Giulia Curone (Atl. Brescia 2010) è seconda negli 80 con 10.09, Alessandra Bonora (Atl. Rodengo Saiano) vince i 300 in 41.54. Il mezzofondo laurea campionesse lombarde anche Vanessa Campana (Vighenzi Padenghe) nei 2000 (6:43.82) e Arianna Locatelli (Pol. Novate) nei 1200 siepi (3:54.06). Al femminile spiccano anche le gare di 80 ostacoli e pentathlon: Camilla Rossi (Cairatese) si prende le barriere alte in 11.73 (+1.3); nella prova multipla sfida di ottimo livello tra Sofia Montagna (Cento Torri&Vigevano Atl. Young) e Rebecca Gennari (NA Varese) con la pavese a vincere 4201 punti contro 3949.

Infine la grande prova di Elena Riva (Libertas Cernuschese) nell’alto: il suo 1.67 vale la seconda prestazione italiana Cadette 2014. Al maschile l’acuto arriva dall’alto: merito di Andrea Motta (Atl. Cassano d’Adda), con le misure di 1.70, 1.80, 1.90 e 2.00 superati tutti alla prima prova prima di tentare (senza riuscirci) la nuova MPI Cadetti a 2.08. Capitolo mezzofondo: in copertina va Matteo Masolini (GP Valchiavenna), che vince i 1200 siepi con 3:26.83, a 7 secondi dalla MPI di Stefano Ciallella del 1989. Di qualità anche il 2000 vinto dal campione nazionale di cross Abdelhakim Elliasmine (Brembate Sopra) in 5:42.84. RISULTATI/Results

Ha fatto passerella a Caprino Veronese (VR) invece il movimento under 16 del Veneto: in palio i titoli regionali e anche una maglia nella selezione per la Kinder+Sport Cup. Tra i risultati di maggior rilievo, gli acuti siglati nell’alto dal vicentino Riccardo Miglietta (del Marconi Cassola, 1,91, due centimetri meglio di Francesco Ruzza della Biotekna Marcon) e dalla veneziana Laura Beatrice Moschetta (1,68, La Fenice 1923 Mestre) in una gara in cui si è molto migliorata (sette centimetri) la rodigina Rachele Bovo (1,66, Podisti Adria). Applausi per il vicentino Mattia Zagotto (Csi Fiamm), autore di un’accoppiata inedita: 50,27 nel giavellotto e 6,55 nel lungo. Il suo conterraneo Andrea Marin (Marconi Cassola) si è confermato nell’asta (3,75). Bene le trevigiane Teresa Gatto (Nuova Atl. San Lazzaro) nel triplo (11,64, ampio personale) e Nikol Marsura (Trevisatletica) nei 1000 (2:57:39). La vicentina Emma Peron (Vimar Marostica) ha avvicinato i 13 metri nel peso (12,81), dopo aver lanciato il disco a 33,89. Senza rivali Moillet Kouakou (Atl. Ovest Vicentino) nella velocità (con un notevole 40.84 nei 300), e Gloria Gollin, protagonista nel lungo e negli 80 ostacoli. RISULTATI/Results

A Bologna, sede dei regionali dell’Emilia Romagna, la campionessa Tricolore cadette Zaynab Dosso (Corradini Rubiera) vince sia gli 80 metri con 10.02, che i 300 metri in 40.82.

Tra i pari età solo centesimo separa Gabriele Floriddia (Corradini Rubiera) e Riccardo Pedrelli (Acquadela Bologna) negli 80 metri, 9.56 contro 9.57. I due sono protagonisti anche della sfida sui 300 metri, con Pedrelli che si presenta all’entrata del rettilineo finale con un paio di metri di vantaggio sull’avversario, il quale però riesce a recuperare e sul traguardo precede di 2/100 il bolognese: per Floriddia anche il personale con 37.08, Pedrelli con 37.10 segna il suo secondo tempo di sempre, mentre il terzo posto è di David Palladini (Atl. Cinque Cerchi) con 37.86. Bis del titolo regionale anche per Giulia Leonardi (Corradini Rubiera), vincitrice dei 1200 siepi (senza riviera) con il primato regionale di 3:49.19 (un progresso di 10 secondi, e il miglior crono italiano dell’anno nella nuova distanza delle siepi) e dei 2000 piani con 6.48.59, migliorandosi di quasi 2 secondi. Desola Oki (Avis Fidenza) si mette in evidenza sia sugli 80 hs che sui 300 hs. Nella distanza più lunga, dove vanta un crono di 44.66 siglato a Jesolo un anno fa, ottiene 45.10, mentre negli 80 con barriere sigla 11.67 (-0,3). RISULTATI/Results

I campionati regionali cadetti di Trentino e Alto Adige sono andati in scena nel fine settimana tra Merano (sabato 27 settembre) e Trento (domenica 28). Tra i tanti risultati si segnalano la doppietta sulle medie distanze di Nadia Battocletti (Valli di non e di Sole), pronta a dominare i 2000 meranesi alla pari dei 1000 trentini, coperti rispettivamente sul piede del 6:35.19 e del 2:57.23, riferimenti che le consentono di "alzare la voce" a due settimane dall'impegno tricolore di Borgo Valsugana. In archivio anche ben due record regionali di categoria, vale a dire l'1,65 nell'alto di Pamela Croce (US Dolomitica, eguagliato il primato detenuto da Martina Giovanetti dal 2002) e quello della 4x100 dell'Atletica Trento cadetti (44.39). Notevole anche il 40.10 che ha consentito ad Elia Campestrini (Gs Valsugana Trentino) di primeggiare nei 300hs, così come il 35"74 che sabato ha consentito al sudtirolese Michael Albrecht di precedere lo stesso valsuganotto (37.31) sulla distanza piana. RISULTATI/Results: TrentoMerano

(Da comunicati stampa Mauro Ferraro/CR FIDAL Veneto, Giorgio Rizzoli/CR FIDAL Emilia Romagna, Cesare Rizzi/CR FIDAL Lombardia, CR FIDAL Trentino)



Condividi con
Seguici su: