Giorgi test ok: 35km di marcia in 2h45:21

27 Gennaio 2019

A San Giorgio di Gioiosa Marea (Messina), la lombarda delle Fiamme Azzurre completa il test sulla distanza intermedia in vista del prossimo debutto nella 50 chilometri. Tra gli uomini 2h35:03 per Stano.


 

Eleonora Giorgi si rimette in marcia. All’esordio stagionale sulle strade di San Giorgio di Gioiosa Marea (Messina), nella tappa inaugurale dei Societari, la 29enne delle Fiamme Azzurre ha portato a termine il test sui 35 chilometri con il tempo di 2h45:21. Era la prima volta che la lombarda affrontava in gara una distanza così lunga, per iniziare l’anno in cui ha programmato il debutto agonistico nella 50 km di marcia che avverrà nella Coppa Europa di Alytus (Lituania, 19 maggio). Intanto l’azzurra ha condotto la prova come previsto, nella terra dell’indimenticabile Anna Rita Sidoti, incrementando l’andatura nella parte finale: primi dieci chilometri in 47:50, poi crono di passaggio al 20° km di 1h35:17 con un parziale di 47:27, quindi un breve stop di una decina di secondi al 25° km per un microprelievo ematico, utile per la valutazione funzionale, e un tempo di 2h22:20 al 30° km (47:03 nella terza frazione di gara). Gli ultimi cinque chilometri sono stati coperti in 22:59, i tre conclusivi in progressione a una media intorno ai 4:30 ogni mille metri, per un passo complessivo più veloce rispetto al ritmo-gara sulla 50 km. A titolo di curiosità statistica, l’intermedio della portoghese Ines Henriques, campionessa mondiale, è stato di 2h50:52 ai 35 km nel 2017 alla rassegna iridata di Londra, ma le due gare non sono direttamente paragonabili per la differenza di lunghezza. Tre anni fa, a Catania, la Giorgi aveva invece marciato per 30 km in 2h19:43.

“Sono soddisfatta del risultato - commenta l’azzurra - e anche di come ho gestito la gara. Mi sentivo bene e nella prima parte sono andata un po’ più forte delle intenzioni della vigilia. Ma soprattutto sono consapevole che la 50 chilometri inizia realmente dopo il 40° km e allora la affronterei con un avvio più cauto. Riparto qui con una bella iniezione di fiducia, anche se nei prossimi mesi mi troverò di fronte a una preparazione che per me è tutta da scoprire. È un punto di partenza, c’è ancora molto da lavorare e ora riprenderò dopo qualche giorno di recupero. Poi la gara di oggi era importante per il luogo, sul percorso dove ha marciato Anna Rita Sidoti, una persona splendida e una campionessa non solo nello sport ma anche nella vita. Ho avuto il piacere di conoscerla ed era venuta a farmi il tifo in una delle gare che ho disputato in Sicilia, quella su pista del 2014 a Misterbianco. Ieri qui ho conosciuto le sue sorelle e poter vedere le persone a lei vicine è stato emozionante, uno stimolo in più”.

“Non è ancora iniziata la preparazione specifica per la 50 chilometri - commenta Gianni Perricelli, tecnico di Eleonora Giorgi - ma abbiamo già un riscontro confortante. Ha chiuso senza dare segni di stanchezza e probabilmente avrebbe potuto continuare per un altro tratto. Significa che Eleonora sta iniziando a orientarsi su questa distanza, soprattutto dal punto di vista mentale che fa davvero la differenza, pur non trascurando quella più breve”.

Al maschile, sui 35 km, il migliore è Massimo Stano. Il pugliese delle Fiamme Oro, quarto nella 20 km europea di Berlino a un secondo dal podio, si impone nettamente con 2h35:03 davanti a Federico Tontodonati (Aeronautica, 2h36:14), Andrea Agrusti (Fiamme Gialle, 2h37:39) e Marco De Luca (Fiamme Gialle, 2h38:30).

Luca Cassai

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results


Condividi con
Seguici su: