Ginevra, Fofana al nuovo assalto negli ostacoli

14 Giugno 2019

Sabato 15 giugno in Svizzera l'azzurro nei 110hs a pochi giorni dal 13.44 di Turku. Re e Corsa nei 400, Infantino e Hooper nei 200, lungo per Randazzo


 

di Nazareno Orlandi

Tanta Italia anche quest’anno al meeting di Ginevra di sabato 15 giugno e secondo appuntamento internazionale in pochi giorni per Hassane Fofana, l’ostacolista delle Fiamme Oro che martedì a Turku si è migliorato nei 110hs fino a 13.44, diventando il sesto azzurro di sempre nella specialità. Il 27enne lombardo va alla ricerca di un altro buon tempo in Svizzera: “Speriamo che le condizioni meteo siano buone - l’auspicio di Fofana, con un occhio alle previsioni che non escludono pioggia per domani pomeriggio -. Cerco una gara più pulita di quella di Turku, vorrei soltanto correre con la mente libera senza dover rincorrere nulla. Ho saltato tutta la stagione indoor e adesso ho bisogno di gareggiare, perché ci metto un po’ a carburare”. L’atleta che da quest’anno si allena a Formia con il coach Santiago Antunez incontrerà tra gli altri il forte francese Garfield Darien (13.09 nel 2017) all’esordio stagionale, e altri due ostacolisti con accrediti migliori: l’altro transalpino Ludovic Payen (13.38) e lo svizzero da 13.39 Jason Joseph. Ostacoli, ma sul giro di pista, anche per José Bencosme (Fiamme Gialle) che vuole decollare dopo il 50.36 del Golden Gala, evento dal quale ritrova l’estone Rasmus Magi, finito alle sue spalle.

RE UN ANNO DOPO - Due azzurri nei 400 metri. In gara Davide Re (Fiamme Gialle) e Daniele Corsa (Fiamme Oro), entrambi protagonisti con la staffetta 4x400 alle World Relays di Yokohama. Proprio sulla pista svizzera, Re ottenne nel 2018 una delle migliori performance della carriera (45.31, a oggi il suo secondo tempo) e punta a fare decisamente meglio del 45.72 di domenica scorsa a Hengelo, ritoccando magari lo stagionale di 45.51 corso a Rieti il 24 maggio. Si mette alla prova anche Corsa che quest’anno ha aperto con 46.53 in aprile a Grosseto.

Il quadro degli iscritti elegge tra i favoriti l’olandese Liemarvin Bonevacia, già battuto da Re a Hengelo, e il portoghese Ricardo Dos Santos.

200: INFANTINO+HOOPER - C’è attesa anche per la nuova uscita di Antonio Infantino (Athletic Club 96 Alperia) nei 200 metri, distanza sulla quale è piombato a 20.41 a Londra nel mese di maggio (a un centesimo dallo standard per Doha), nono azzurro di sempre, dopo i progressi negli States sui 100 metri (10.26). Il parterre degli avversari comprende lo svizzero bronzo continentale Alex Wilson e l’olandese Churandy Martina, PB 19.81, già campione europeo nel 2012 a Helsinki e poi dei 100 metri ad Amsterdam 2016. È la prima volta in questa stagione sui 200, invece, per Gloria Hooper (Carabinieri) che fin qui si è qualificata con la 4x100 ai Mondiali di Doha nel contesto delle World Relays di Yokohama e in chiave individuale ha disputato un paio di volte i 400 metri e di recente un 100 a Gillingham, in Gran Bretagna (11.74).

RANDAZZO IN PEDANA - Savona l’ha di nuovo accostato agli otto metri. Filippo Randazzo (Fiamme Gialle) va in pedana per migliorare il 7,98 di fine maggio e, se possibile, superare di nuovo la barriera dopo quasi due anni dall’ultima volta: 8,04 a Bydgoszcz nelle qualificazioni degli Europei U23. Si confronterà tra gli altri con l’ungherese da 7,99 Laszlo Szabo.

GIAVELLOTTO IN FRANCIA - Trasferta d’oltralpe per la giavellottista Sara Jemai (Esercito). Al meeting di Saint-Louis, nella Francia orientale, la campionessa italiana si è piazzata quarta con 52,75. [RISULTATI/Results]

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- ISCRITTI/Entries
- ORARIO/Timetable
- STREAMING


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate

 FOFANA HASSANE