Europei juniores, a Hengelo una prima da ricordare




 
Quella della marcia femminile è stata l’unica finale a vedere impegnati gli azzurri nel corso della giornata inaugurale degli Europei juniores, con esiti apprezzabili: ma anche il resto del programma ha messo in mostra ragazzi decisi a far tesoro della preziosa esperienza di Hengelo, magari lasciando il segno. Sette primati personali migliorati oggi (su 18 atleti in campo) attestano del giusto spirito che ha accompagnato gli azzurri in Olanda. Naturalmente il più atteso era Mario Scapini, nelle batterie dei 1500m, e il milanese non ha tradito le attese: dominio assoluto in una gara molto nervosa, nella quale il milanese ha anche rimediato qualche chiodata e un paio di spallate. Niente di grave, perchè con un allungo imperioso ai 200m finali l’azzurro ha preso la testa e l’ha mollata solo negli ultimi metri, quando la promozione era ormai sicura: “Se devo essere sincero, temevo più questa batteria della eventuale finale di sabato – racconta Scapini a fine gara – Sapevo di dovermi guardare soprattutto da incidenti di percorso e infatti così è stato: ma ho avuto anche la riprova di essere in una condizione eccellente”. Bravo nell’altra batteria anche Merhium Crespi, pronto a infilarsi nel corridoio giusto e a cogliere la qualificazione diretta. Un altro momento da ricordare è stato l’entusiasmo con il quale la “curva” azzurra ha accolto la promozione dei due triplisti Fabio Buscella e Daniele Greco alla finale, entrambi con il primato personale (rispettivamente 15.82 e 15.54). Una prestazione affatto scontata alla vigilia e impreziosita dall’incredibile spessore tecnico della disciplina in questa stagione: basti pensare che in cinque sono stati capaci di superare la barriera dei 16 metri già nella fase eliminatoria. Domani rivedremo un azzurro in una grande finale dei 100m: Giuseppe Aita, cavese come Antonietta Di Martino, ha sorpreso tutti in batteria con un 10.50 ventoso, ma poi è riuscito a confermarsi anche in semifinale, anche qui a suon di primato personale (10.59 regolare). E che dire di Sabbio, capace di migliorarsi di quasi tre metri in una volta sola nelle eliminatorie del giavellotto? Ora il siracusano è settimo nel ranking di partenza, prima della finale di domani: si riprende per lui dal 70.60 di oggi e chissà che non sia finita qui. Su queste basi sarebbe quasi inutile segnalare i marginali motivi di rammarico, se non per dar merito ad alcune esibizioni sfortunate: come quella di Leonardo Capotosti, capace di migliorarsi nella batteria dei 400hs (52.57), ma risultando alla fine il primo degli esclusi dalla finale. O come la decisione della giuria di considerare i millesimi di secondo per togliere dalle semifinali dei 100m il nostro Davide Deimichei, a beneficio del turco Sencer: 10.73 per entrambi – tempo migliore di una qualificazione diretta – e il trentino fuori per un battito di ciglia (un solo millesimo di secondo!) dopo aver assaporato la gioia della promozione (nella prima lettura del photofinish era proprio lui il prescelto). Tra l’altro lo stadio Fanny Blankers-Koen ha nove corsie in rettilineo e, forse, ci si sarebbe potuta risparmiare una tale crudeltà sportiva. I RISULTATI DEGLI ITALIANI UOMINI - 100m: 6b1 (+0.2) Luca Berti Rigo 10.84 (18° elim.), 1b2 (+2.3) Giuseppe Aita 10.50 (pers. ventoso/2° qual.), 5b3 (+0.6) Davide Deimichei 10.73 (16° qual.); 1sf1 (+0.3) Aita 10.59 (p.p./Q); 1500m: 3b1 Mario Scapini 3:51.32 (qual.), 4b2 Merhium Crespi 3:49.40 (qual.); 400hs: 3b1 (9°) Leonardo Capotosti 52.57 (pers./elim.), 5b2 Francesco Cavazzani 53.30 (14° elim.), 5b3 Giacomo Panizza 53.29 (13° elim.); triplo: 7Q Fabio Buscella 15.82 (+1.2, pers./qual.), 12Q Daniele Greco 15.54 (+0.8, pers./qual.), 24Q Emanuele Catania 14.97 (+0.2, elim.); giavellotto: 7Q Emanuele Sabbio 70.60 (pers./qual.) DONNE - 100m: 3b1 (+0.5) Roberta Colombo 11.98 (16° qual.), 3b2 (-0.3) Ilenia Draisci 12.02 (21° elim.), 6b3 (+0.9) Martina Balboni 12.00 (20° elim.); 9sf1 (+0.5) Colombo 12.16 (el.); 400m: 5b1 Elena Bonfanti 55.31 (elim.); marcia 10km: 1.Kornikova RUS 43:27.20, 2.Shumkina RUS 46:24.74, 3.Kostromitina RUS 46:41.56, 5.FEDERICA MENZATO 47:58.07 (pers.), 6.FEDERICA FERRARO 48:16.05 (pers.) nella foto in alto (Colombo/Omega) Mario Scapini nella batteria dei 1500; nella foto in basso il triplista Fabio Buscella. File allegati:
- TUTTI I RISULTATI



Condividi con
Seguici su: