Disco tricolore per Faloci e Bordignon

26 Febbraio 2012

L'allieva Maria Antonietta Basile realizza la migliore prestazione italiana di categoria nel disco, 50,06

 

Ancora all’insegna del bel tempo la seconda giornata dei Campionati italiani invernali di lanci al campo scuola Moreno Martini di Lucca (organizzazione Virtus Cassa Risparmio Lucca – Pro Sport Lucca – ASD Parigi Camigliano). Laura Bordignon (Fiamme Azzurre) con 54,29 e Giovanni Faloci (Fiamme Gialle) con 59,95 sono i nuovi campioni italiani assoluti di lancio del disco, mentre al mattino – in contemporanea con la cerimonia d’inaugurazione del nuovo pistino indoor da 50 metri – la campana Maria Antonietta Basile (Enterprise Sport Service) realizza la nuova miglior prestazione italiana allieve del disco con 50,06.

Il disco assoluto maschile vede confermato il pronostico con il titolo già saldo nelle mani di Giovanni Faloci fin dal secondo lancio, una miglior misura di 59,95 e nel complesso tre lanci oltre i 59 metri. L’umbro delle Fiamme Gialle ricorda dopo la premiazione che, pur non avendo scaricato in vista dell’appuntamento odierno, è giunta una buona misura. Come gran parte dei nuovi campioni italiani assoluti, Faloci ha in programma la partecipazione alla Coppa Europa invernale di lanci (17-18 marzo, Bar, Montenegro), e nella stagione obiettivo puntato ai 62,90 del minimo per gli Europei di Helsinki.

Completano il podio assoluto il ventenne Eduardo Albertazzi (Fiamme Gialle), che con 58,26 si prende la maglia tricolore delle promesse e avvicina il personale (58,70), mentre al terzo posto si piazza Fabio Cuberli (Atletica Udinese Malignani), 54,97. Alle spalle di Albertazzi, tra le promesse medaglia d’argento per Daniel Compagno (Assindustria Sport Padova), 53,09, e bronzo a Pietro Caselli (A.S. La Fratellanza 1874), 44,19.

Anche la gara assoluta femminile vede confermata l’aspettativa della vigilia, con il successo di Laura Bordignon, 54,29 al secondo lancio, e una vittoria mai insidiata dalle altre avversarie (assente una delle possibili favorite, Tamara Apostolico). La trentenne delle Fiamme Azzurre conquista così la decima maglia tricolore in carriera. “Soddisfatta per la vittoria, ovviamente non troppo per la misura – conferma la vicentina – ma l’inverno è stato duro, dato il maltempo e alcuni problemi fisici. Nelle prossime settimane cercherò di migliorare ancora in vista della Coppa Europa, poi per il resto della stagione l’obiettivo sono gli Europei di Helsinki (58,00), e se possibile il minimo per le Olimpiadi. Questo sarà comunque il mio ultimo anno di grandi impegni agonistici”. Alle sue spalle finiscono la ventenne Ilaria Marchetti (CUS Torino), che con 50,76 conquista anche il titolo italiano under 23, e Giorgia Baratella (Fiamme Oro Padova), 50,52.

Il podio delle promesse si completa invece con Elisa Boaro (Libertas Friul Palmanova), argento con 48,87, e Valentina D’Urzo (Atletica Studentesca CaRiRi), bronzo con 45,73.

A livello giovanile, la mattinata si era aperta nel miglior dei modi, con Maria Antonietta Basile (Enterprise Sport Service) vittoriosa nel disco giovanile, siglando al primo lancio la nuova miglior prestazione italiana allieve con 50,06, superando quindi il precedente 49,36 siglato da Tamara Apostolico a Fano nel 2006. La campana allenata da Angelo Zagaria è raggiante e al termine della gara conferma con soddisfazione di aver raggiunto una misura già ampiamente testata in allenamento. Con ancora alcuni dettagli tecnici da migliorare nella fase di chiusura del lancio, la studentessa liceale classe ’95 guarda all’imminente impegno con la nazionale giovanile (incontro internazionale giovanile di lanci lunghi, 3 marzo, Val de Reuil, Francia) e a una stagione estiva in cui questo primato potrà essere ancora migliorato. Al secondo posto Chiara Centofanti (Audacia Record Atletica), 39,85, e al terzo Elisa Galzignato (Valsugana Trentino), 39,03.

La prova maschile assegna il titolo giovanile del disco allo junior friulano Stefano Petrei (Atletica Udinese Malignani) che, dopo il secondo lancio a 55,18, al terzo suggella la vittoria con 56,23, nuovo personale con l’attrezzo da 1,750kg e ancora ampiamente oltre i 55 metri richiesti come minimo di partecipazione per i prossimi campionati mondiali juniores (10-15 luglio, Barcellona), già superati a fine gennaio a Gorizia. Alle sue spalle conquista la medaglia d’argento Martin Pilato (Atletica Ravenna), 53,26, e il bronzo va a Giacomo Grotti (Libertas Runners Livorno).

Andrea Bruschettini (CR FIDAL Toscana)

File allegati:
- RISULTATI/Results
- Le FOTO/Photos


Condividi con
Seguici su: