Cross: le rivali mondiali di Battocletti e Mattevi

28 Marzo 2019

Nella rassegna iridata di sabato 30 marzo ad Aarhus, in Danimarca, le due azzurre nella gara under 20 che vede favorite la keniana Chebet e l’ugandese Chelangat. Il keniano Kamworor per il tris al maschile.


 

di Luca Cassai

Scatta l’ora dei Campionati Mondiali di corsa campestre, sabato 30 marzo ad Aarhus. La città danese ospita l’edizione numero 43 dell’evento, che attende 67 nazioni tra cui l’Italia che sarà al via con due atlete nella gara under 20 di 6 chilometri: l’oro europeo di categoria Nadia Battocletti e l’altra trentina Angela Mattevi, campionessa continentale juniores di corsa in montagna. Favorite le africane con in prima fila la keniana Beatrice Chebet, iridata U20 dei 5000 metri, e l’ugandese Sarah Chelangat, vincitrice alle Olimpiadi giovanili. Su un percorso impegnativo, caratterizzato dalla salita sul tetto del museo Moesgaard, la rassegna promette spettacolo e annuncia tanti pretendenti al successo finale. Tra gli uomini nella prova senior di 10 km il keniano Geoffrey Kamworor cerca il terzo successo consecutivo ma dovrà respingere l’assalto degli sfidanti con in testa il 18enne ugandese Jacob Kiplimo, dominatore della stagione di cross. Al femminile in pole position due portacolori del Kenya, la campionessa iridata dei 5000 metri Hellen Obiri e la primatista mondiale dei 3000 siepi Beatrice Chepkoech. Nella gara under 20 maschile curiosità per vedere in azione il norvegese Jakob Ingebrigtsen, due volte d’oro agli Europei di Berlino, opposto ai talenti africani e nella staffetta mista il Kenya parte da campione in carica. La manifestazione punta a rivitalizzare una specialità di grande fascino e tradizione, su un terreno ricco di insidie con settori di fango, sabbia e un passaggio nell’acqua. Inserite nel pomeriggio alcune gare aperte agli amatori nello stesso tracciato dei Mondiali, oltre a quelle che partiranno immediatamente dopo le competizioni senior.

DIRETTA STREAMING - I Campionati Mondiali di cross saranno trasmessi in diretta video streaming su RaiSport web sabato 30 marzo dalle ore 10.50 alle 15.30.

ISCRITTI/Entries - ORARIO/Timetable - LA PAGINA IAAF SUI MONDIALI DI CROSS

U20: AZZURRE AL VIA - "Siamo pronte a dare il massimo", hanno assicurato le due azzurre prima di volare verso la Danimarca. La prova under 20 partirà alle ore 11.35 con 6 chilometri da percorrere.

La campionessa europea in carica Nadia Battocletti è già stata la migliore del vecchio continente nell’ultima edizione, 34esima nel 2017 a Kampala quando era ancora allieva. Ad affiancarla ci sarà un’altra 18enne trentina, Angela Mattevi (Atl. Valle di Cembra), che nella scorsa stagione ha vinto il titolo europeo juniores di corsa in montagna e tre settimane fa, nella rassegna tricolore al parco della Mandria, è arrivata a soli nove secondi dalla mezzofondista delle Fiamme Azzurre. Sul podio U20 donne l’ultima europea è stata la finlandese Annemari Sandell, argento nel 1996 dopo l’oro della stagione precedente, mentre nella storia il miglior risultato di un’italiana porta il nome di Federica Bevilacqua, ventunesima nel 2010. Nel team del Kenya spicca l’iridata under 20 dei 5000 metri Beatrice Chebet, per riconquistare il titolo a squadre vinto nel 2015 e 2017 dall’Etiopia che propone in prima linea la campionessa africana Girmawit Gebrzihair. L’azzurra Battocletti ritroverà la svizzera Delia Sclabas, argento agli Europei di Tilburg, ma una pretendente alle medaglie sarà anche l’ugandese Sarah Chelangat, oro alle Olimpiadi giovanili di Buenos Aires.

KAMWOROR VUOLE IL TRIS - L’uomo da battere nella gara senior maschile (10 km, ore 14.00) non può che essere Geoffrey Kamworor. Il 26enne keniano, padrone delle ultime due edizioni, aspira alla tripletta in questo evento dopo averla già raggiunta ai Mondiali di mezza maratona. Nella rassegna nazionale, vinta dal siepista Amos Kirui, si è piazzato quinto ma il suo obiettivo è ovviamente quello iridato. In tanti proveranno a spezzare l’egemonia a cominciare dall’ugandese Jacob Kiplimo, 18 anni compiuti da quattro mesi, nel 2017 campione under 20 di fronte al pubblico di casa. Stavolta il portacolori dell’Atletica Casone Noceto, re incontrastato della stagione con quattro successi nel massimo circuito, ha scelto la gara senior. In caccia della rivincita il connazionale Joshua Cheptegei, argento mondiale dei 10.000 metri, che andò in fuga a Kampala prima di crollare nell’ultimo giro. L’Etiopia, oro a squadre nelle tre occasioni più recenti, schiera un altro classe 2000 come Selemon Barega, autore di un formidabile 12:43.02 sui 5000 metri nella scorsa estate ma battuto al cross di Elgoibar dal keniano Rhonex Kipruto, e il campione nazionale Mogos Tuemay, senza dimenticare l’eritreo Aron Kifle.

DONNE: KENYA PER RIPETERSI - Clamoroso en plein del Kenya due anni fa, con sei atlete davanti a tutte. Anche qui (partenza ore 13.00 per 10 km) la nazione africana presenta una squadra molto agguerrita guidata da Hellen Obiri.

La campionessa mondiale dei 5000 metri, che in questa stagione si è imposta a Elgoibar, potrebbe diventare la prima donna ad aggiudicarsi in carriera il titolo iridato senior su pista all’aperto, indoor e nella campestre. Dovrà guardarsi prima di tutto dalle compagne di team Lilian Kasait Rengeruk, bronzo a Kampala, e Agnes Tirop, oro nel 2015, ma anche dalla primatista mondiale delle siepi Beatrice Chepkoech, vincitrice al cross di Siviglia. Una formazione giovane ma competitiva per l’Etiopia: al via Letesenbet Gidey, campionessa U20 nelle ultime due edizioni, e Dera Dida, seconda tra le juniores nel 2015, insieme all’argento under 20 di due anni fa Hawi Feysa. Nella scorsa edizione sul terzo gradino del podio è salito il Bahrain che si affida alla campionessa del mondo di maratona Rose Chelimo e a Winfred Yavi, leader nell’ultima Cinque Mulini, mentre l’emergente Uganda mette in campo tra le altre Stella Chesang.

INGEBRIGTSEN CONTRO L’AFRICA - Da 25 anni un europeo non entra nei primi dieci, al maschile tra gli under 20, e l’ultima medaglia del vecchio continente in questa gara risale al 1984. A smentire la storia (8 km, ore 12.10) ci prova il 18enne norvegese Jakob Ingebrigtsen, già vincente a livello assoluto con due ori (1500-5000) agli Europei di Berlino. Dopo aver completato la tripletta di categoria nella rassegna continentale di cross, è stato protagonista anche della stagione indoor battendo il recordman mondiale dei 1500 metri Samuel Tefera al meeting di Dusseldorf prima di due medaglie europee a Glasgow, oro nei 3000 e secondo nei 1500. Il podio, tutto africano da 13 edizioni, è nel mirino del Kenya con il campione nazionale Samuel Chebolei e con Leonard Bett, argento iridato U20 dei 3000 siepi. In assenza di Jacob Kiplimo, che ha optato per la gara senior, da seguire tra gli altri Tsegay Kidanu dell’Etiopia che difende il titolo a squadre e l’ugandese Oscar Chelimo, bronzo olimpico giovanile nel mezzofondo.

TORNA LA STAFFETTA - Confermata la staffetta mista 4x2 chilometri, con due uomini e due donne in ordine libero, che aprirà la mattinata di gare 11.00. Per replicare il successo dell’edizione inaugurale di due anni fa, nel quartetto del Kenya saranno in gara due campioni mondiali su pista: Conseslus Kipruto, oro nei 3000 siepi anche ai Giochi di Rio, ed Elijah Manangoi, iridato dei 1500 metri. Tra le sfidanti Etiopia e Marocco, con il siepista argento mondiale Soufiane El Bakkali e al femminile una specialista dei 1500 come Rababe Arafi.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: