Cross, la piccola impresa di Silvia La Barbera




 
E\' piccola, minuta, ma ha grinta da vendere. E oggi, l\'ha finalmente dimostrato, confermando tutti quei giudizi (certamente non pochi) che da tempo la indicano come una vera e propria promessa del mezzofondo azzurro. E anche se è meglio, per tante ragioni, non esagerare con le lodi, Silvia La Barbera, 18enne di Altofonte, in provincia di Palermo (località che in atletica è già sinonimo di successo) possiamo dire senza timore di essere smentiti che oggi è stata davvero, davvero brava. Nella marea nera (intesa come onda di atlete africane) Silvia si è difesa alla grande, finendo 26esima, risultato che sembra dire poco, ma, in realtà, vale un mezzo tesoro. Intanto, va detto che la siciliana, in virtù del suo piazzamento, è stata anche la quarta europea sul traguardo, a ribaltare il 35esimo (!) posto rimediato alla rassegna continentale di Medulin, lo scorso dicembre. E poi, questo risultato è significativo nella piccola storia azzurra della specialità, considerato che è il migliore mai centrato da un\'italiana Under 20 nella rassegna mondiale. Prima di Silvia, il miglior piazzamento di sempre era il 30esimo posto ottenuto da Sara Ferrari a Città del Capo, anno del Signore 1996. Allenata da Salvatore Liga, tesserata per il Cus Palermo, la mezzofondista siciliana ha concluso gli studi di informatica quest\'anno, ed è pronta, con la sorella gemella Barbara (mezzofondista di valore nazionale anche lei) a tentare la scalata verso le vette del mezzofondo. Obiettivo - auspicabile - di stagione: gli Europei Juniores di Tampere, Finlandia, della fine di luglio. Questa scalata, del resto, l\'ha già compiuta in passato, diciamo con un certo successo, un concittadino di Silvia La Barbera: tale Totò Antibo, per chi non l\'avesse ancora capito.
Nelle due immagini, Silvia La Barbera sul circuito di Avenches (Omega/FIDAL)

File allegati:
- I RISULTATI
- LE FOTO DEGLI AZZURRI



Condividi con
Seguici su: