Coppa Italia, in testa Fiamme Gialle ed Esercito




 

Una grande Chiara Rosa mette il sigillo sulla prima giornata della Coppa Italia, andata in scena allo Stadio Luigi Ridolfi di Firenze. Il suo 18,59 nel getto del peso vale la quinta prestazione europea dell’anno (l’undicesima al mondo), e la proietta sul Mondiale di Daegu con il minimo A raggiunto in pieno. In evidenza anche Raffaella Lamera nell’alto: la bergamasca timbra un bel 1,93 su quella che è senza dubbio la sua pedana preferita (lo scorso anno salì a 1,95), prima di fermarsi per un problema muscolare. Basta il primo salto a Simona La Mantia per archiviare la pratica triplo: il suo 14,25 chiude i giochi immediatamente, così come non trova problemi il corregionale Giuseppe Gibilisco nell’asta (vinta a 5,55, con tre nulli ai 5,72 del minimo per i Mondiali). Martella a dovere anche Silvia Salis: 70,98, a confermare un ottimo momento di forma. Combattutissima la prova di triplo maschile, con tre atleti in soli sette centimetri: la spunta Schembri con 16,92, davanti a Greco (16,89) e Donato (16,85). La velocità propone un bel match tra Di Gregorio e Collio, sporcato però dal vento contrario (10.46 contro 10.47); più o meno quanto accaduto a Manuela Levorato, il cui 11.71 va letto alla luce del metro e mezzo d’aria in faccia (-1.6). Chi il vento non sembra sentirlo è Marta Milani, sempre più efficace nel giro: il 52.24 è la sua seconda prestazione di sempre, dietro il 51.87 della finale europea di Barcellona dello scorso anno. La imita tra gli uomini Marco Vistalli, ancora una volta sul filo dei 46 secondi (46.01). Nella marcia Giorgio Rubino ed Elisa Rigaudo timbrano performances di valore mondiale: 21.12.73 per la piemontese, 39:43.20 per il romano, tempi che suonano come un incoraggiamento in prospettiva iridata. Vola anche la 4x100 dell’Aeronautica (Tumi, Riparelli, Di Gregorio e Torrieri), che sigla un notevolissimo 39.37. Nel computo di giornata, anche due migliori prestazioni nazionali giovanili: quella junior dei 110hs (13.87), per il bergamasco di origine ivoriana Hassane Fofana (in una prova extra per Under 20: prec. 13.91, Mark Nalocca, Firenze, 3-8-07); e quella promesse (Under 23) dei 3000 siepi per la reatina Giulia Martinelli (10:14.36; prec. 10:16.02, G. Robaudo, Rieti, 21-7-2006). Nella classifica per società, dopo undici gare, guidano le Fiamme Gialle in campo maschile (sette punti sulle Fiamme Oro e dieci sull'Aeronautica) e l’Esercito in campo femminile (di soli due punti sulla Camelot e otto sulle Fiamme Azzurre). Domani seconda e conclusiva giornata di gare: in campo, tra gli altri, Andrew Howe nel salto in lungo, Nicola Vizzoni nel martello, Anna Incerti nei 5000 metri.

Nella foto in alto, il finanziere Giuseppe Gibilisco; sotto la quatrocentista dell'Esercito, Marta Milani (Giancarlo Colombo/FIDAL)

File allegati:
- RISULTATI/Results



Condividi con
Seguici su: