Coppa Europa lanci, prime le azzurre!




 
Storico risultato della Nazionale femminile di lanci che a Spalato conquista, per la prima volta, davanti a Germania e Romania, la Coppa Europa Invernale. Determinanti per il successo delle azzurre la vittoria di Assunta Legnante nel peso con 18,98 (terza Chiara Rosa con 18,05), il bronzo di Zahra Bani nel giavellotto (59,42) e i piazzamenti della discobola Laura Bordignon, nona con 56,60, e della martellista Silvia Salis, settima a pochi centimetri dal personale con 67,17. Giornata no, invece, per Cristiana Checchi (55,00) ed Ester Balassini (66,59). Dopo due giorni interi trascorsi tra gabbie e pedane con la calcolatrice sempre a portata di mano per verificare in tempo reale il punteggio e la posizione in classifica, hanno potuto finalmente esultare le lanciatrici azzurre. La Coppa Europa di lanci invernali va all’Italia! Dietro i 4.220 punti della nostra squadra femminile sono arrivate - col fiato veramente sul collo – la Germania, distanziata di appena 16 punti, e la Romania (4.094). A pochi minuti dall’ufficializzazione del risultato della squadra azzurra, il responsabile tecnico nazionale del settore lanci, Domenico Di Molfetta, può finalmente svelare l’esito del pronostico che aveva sigillato in una busta alla vigilia della partenza per Spalato: “Ero fiducioso di una prova vincente delle nostre ragazze e il risultato ottenuto è in linea con le aspettative iniziali. Del resto, combattere tra le grandi è sempre gratificante, ma batterle è qualcosa di più. Già l’anno scorso a Yalta la nostra Nazionale si era ben comportata. Stavolta abbiamo uguagliato il numero delle medaglie vinte nel 2007, ma con due primi posti in più. Le nostre atlete erano tutte nelle condizioni migliori e certe controprestazioni non possono che essere un semplice fatto di testa.” Quale ricordo si porta a casa da questa trasferta? “Il momento che ricorderò con più emozione è sicuramente l’avere sentito, sabato pomeriggio, per ben due volte di seguito l’inno d’Italia suonare in occasione delle premiazioni di Marco Lingua e Assunta Legnante. Per il resto, sono soddisfatto per questa storica vittoria che ci è servita anche per testare la preparazione in vista della stagione estiva che culminerà con l’appuntamento olimpico.” E al maschile? “Ho visto buoni segnali con Lingua che ha colto un risultato che spero serva a fargli capire quale sia la strada da seguire per poter veramente esprimere il suo valore e il suo potenziale anche a livello internazionale. L’importante – e questo è un discorso che vale per tutti – è che i nostri atleti raggiungano la consapevolezza che non hanno nulla da temere. I nostri lanciatori e le nostre lanciatrici possono giocarsela e ambire ad un posto nelle finali che contano. L’Italia dei lanci c’è. Basta crederci.” GLI ALTRI RISULTATI DI SPALATO Nel martello femminile successo a suon di personale per la polacca Anita Wlodarczyk che dal dodicesimo posto della entries-list (69,07) "sbuca" in cima a tutte con un'ottima serie di lanci con cui ritocca per tre volte di seguito (70,35 - 71,38 -71,84) il suo accredito, battendo anche la superfavorita tedesca Betty Heidler (71,10). L'olandese Rutger Smith e il russo Ilya Korotov si aggiudicano, invece, rispettivamente il peso (20,77 - miglior risultato maschile) e il giavellotto (81,52). Puntualmente insuperabili i dischi dell'estone Gerd Kanter (65,25) e della rumena Nicoletta Grasu (60,25). LE CLASSIFICHE FINALI Donne: 1. ITALIA (4.220) - 2. Germania (4.204) - 3. Romania (4.094) - 4. Russia (4.065) Uomini: 1. Germania (4.312) - 2. Russia (4.261) - 3. Bielorussia (4.243) Nel medagliere l'Italia con 4 medaglie (2 ori e 2 bronzi) è seconda dietro alla Russia (7) e davanti alla Gran Bretagna (2). Alessio Giovannini Nella foto, la pesista Assunta Legnante (Giancarlo Colombo per Omega/Fidal) File allegati:
- RISULTATI/FULL RESULTS



Condividi con
Seguici su: