Due primati italiani giovanili nella giornata conclusiva della prima fase regionale dei Campionati Italiani di Società Assoluti su pista. A Rieti, l'astista, classe 1994 Sonia Malavisi (Acsi Italia Atletica) sale a quota 4,36, un centrimetro sopra il 4,35 saltato dalla coetanea, primatista nazionale assoluta indoor Roberta Bruni (4,60, ndr), nel 2012 a Misano Adriatico. La Malavisi diventa così la terza performer italiana di sempre della specialità all'aperto. A Lodi, invece, Nicole Reina (CUS Pro Patria Milano) riscrive la migliore prestazione italiana Allieve dei 5.000 metri correndo in 16:53.85. Battuto il precedente limite, 16:55.48 di Patrizia Ritondo, datato 7 settembre 1991. Tornando a Rieti, il lunghista Emanuele Catania (Fiamme Gialle) atterra a 7,92 (+2.0), 7 centimetri più in là del suo personale outdoor del 2011 e 4 in meno del suo miglior salto al coperto (7,96) ottenuto a febbraio ad Ancona.  Nei 200 metri, il più veloce in assoluto è Davide Manenti (Aeronautica/Atl. Piemonte) che a Torino corre in 20.81 (-0.4), suo secondo miglior tempo di sempre dopo il personale di 20.76. A Palermo, la triplista, bronzo degli Euroindoor di Goteborg, Simona La Mantia (Fiamme Gialle/CUS Palermo) sceglie il lungo per il suo esordio stagionale all'aperto dove chiude facilmente il discorso con 6,09 (+1.7). Capitolo lanci: nel disco, bene la tricolore invernale Valentina Aniballi (Esercito CaRiRi) che a Rieti arriva a 56,84.  A Campi Bisenzio (FI), invece, il maltempo fa rinunciare Nicola Vizzoni all'impegno nel martello e tiene a freno l'atteso debutto di  Yadisleidy Pedroso (CUS Pisa Atl. Cascina) nei 400hs, comunque vincitrice in 56.32. A Trento nessun problema per il siepista azzurro Yuri Floriani (Fiamme Gialle/ Atletica Trento CMB) leader dei 5.000 in 14:22.82.

SEGUICI anche su Facebook Twitter (@atleticaitalia) - YouTube

ABRUZZO –  A Pescara il finanziere Leonardo Capotosti, in gara per l’Asd Bruni Pubbl. Atl. Vomano, conclude i 400 a ostacoli in 51.07. Katim Toure, dell’ U.S. Aterno Pescara, vince i 200 in 21.63 (+2.9).         

CAMPANIA - A Marano di Napoli, continuano i successi delle compagini dell'Enterprise Sport & Service. Nel lungo l'aviere Stefano Tremigliozzi salta 7,55 (+1.0), mentre nell'alto il figlio d'arte Roberto Azzaro supera i 2 metri. 67,11 per il martellista Pellegrino Delli Carri (Aeronautica) con la discobola junior Maria Antonietta Basile capace di 48,02. Nei 5000 metri, infine, Angelo Iannelli (Fiamme Azzurre) taglia il traguardo in 14:49.07. 400hs in 52.51 per Lorenzo Veroli

FRIULI-VENEZIA GIULIA - A Casarsa della Delizia (PN), si registra un'altra vittoria per il finanziere Patrick Nasti (Marathon Trieste) con 14:32.36 nei 5000 metri. Al femminile in luce due giovani: la junior Joyce Mattagliano (Brugnera Friulintagli) 2:10.18 negli 800 metri, e l'allieva Elisa Rovere (Udinese Malignani) 1:03.23 nei 400hs. 

EMILIA ROMAGNA - Ad Imola, Giorgia Benecchi (Esercito/CUS Parma) conquista il salto con l'asta valicando quota 4,20 e poi tentando senza fortuna 4,30. Seconda è la promessa Miriam Galli (Mollificio Modense) che con 4,00 supera lo standard di iscrizione per gli Europei Under 23 di Tampere. Altrettanto, ma nei 400hs, fa Davide Piccolo (SEF Emilsider Bologna) primo in 51.56. Sui 200 metri, invece, i più veloci sono anche oggi due juniores: Silvia Corbucci (CUS Bologna) 24.52 (-0.4) e Eseosa Desalu (Fiamme Gialle) 21.30 (+1.0). Per il giovane finanziere è anche lo standard di iscrizione per Rieti 2013. Junior anche il vincitore del lungo, Stefano Braga (Atl. Piacenza) con 7,12 e vento nullo.

LAZIO - A Rieti cade il record italiano junior di salto con l'asta femminile. L'artefice è l'ancora 18enne Sonia Malavisi (ACSI Italia Atletica) che oggi sulla pedana del Stadio "Raul Guidobaldi" ha innalzato il limite nazionale di categoria a 4,36. Un centimetro sopra il 4,35 che la coetanea Roberta Bruni (Studentesca CaRiRi) - attuale primatista italiana assoluta indoor con 4,60, ma che non ha ancora fatto il suo esordio stagionale outdoor - aveva realizzato il 16 giugno dello scorso anno a Misano Adriatico. A livello assoluto, grazie a questa misura, la Malavisi diventa la terza italiana di sempre all'aperto al pari di Elena Scarpellini, dietro solo al 4,60 record di Anna Giordano Bruno (2009) e al 4,42 di Anna Farfelletti Casali (2008). Romana classe 1994, ex ginnasta, la Malavisi è allenata dal tecnico Enzo Brichese. Già questo inverno era stata protagonista di un notevole progresso presonale, salendo a quota 4,20 nel corso degli Assoluti Indoor di Ancona, mentre all'aperto aveva finora al suo attivo il 4,05 centrato ai Mondiali Juniores di Barcellona 2012. Questa la sua progressione di salti nella gara odierna: 3,60/I - 3,80/III - 4,00/II - 4,10/I - 4,25/II - 4,36/II - 4,40/xxx.  Nello stesso concorso da segnalare anche il 3,95 di Eleonora Romano (CaRiRi) che raggiunge così lo standard di iscrizione per gli Europei under 23 di Tampere (Finlandia, L'altro risultato della giornata arriva sempre dalle pedane dei salti ad opera del lunghista Emanuele Catania. Il finanziere romano atterra, infatti, a 7,92 (+2.0), 7 centimetri più in là del suo personale outdoor del 2011 e 4 in meno del suo miglior salto al coperto (7,96) ottenuto a febbraio ad Ancona.  Al femminile, 6,06 (+1.8) di Dariya Derkach (ACSI Italia Atletica). Nei 200 metri, invece, il più veloce in 21.14 (-0.4) è, come ieri  nello sprint, la promessa Francesco Basciani (Fiamme Gialle/ACSI Campidoglio Palatino). Lo seguono a ruota Lorenzo Valentini (Fiamme Gialle/CaRiRi) 21.15, Valerio Rosichini (Fiamme Gialle) 21.49 e lo junior Enrico Nobili (CaRiRI) che con 21.49 strappa il "minimo" di iscrizione per gli Europei Juniores di Rieti. Al femminile, invece, Benedicta Chigbolu (CaRiRi) dopo il personale nei 400 metri di ieri, ferma il cronometro a 23.83 (+1.3). Nei 400hs 57.96 in solitaria dell'ex eptatleta Francesca Doveri (Esercito) Capitolo lanci: nel disco, bene la tricolore invernale Valentina Aniballi (Esercito CaRiRi) che  arriva a 56,84, mentre la junior calabrese Monia Cantarella (CaRiRi) fa 46,50 e aggiunge un altro standard di partecipazione agli EuroJuniores oltre a quello già centrato nel peso. Nel peso 17,34 di Daniele Secci (Fiamme Gialle) su 15,16 dell'allievo Sebastiano Bianchetti (CaRiRi). I 5000 metri, infine, vedono il ritorno alle competizioni dopo oltre quattro mesi della siepista azzurra Giulia Martinelli (Forestale/CaRiRi) che oggi si aggiudica i 5000 metri in 16:50.31.

LIGURIA – A Genova si mette in evidenza Mario Baldoni, grossetano del SS Trionfo Ligure che scaglia il martello a 62,13. Simone Calcagno, del Cus Genova, dopo il lungo si aggiudica anche il triplo in 15,32 (+2,1). Nei 5.000 si impone Emma Quaglia (Cus Genova) in 16:52.83 mentre le allieve della Spectec Atl.

Nicole Reina (foto Colombo/FIDAL)Nicole Reina (foto Colombo/FIDAL)

Carispezia corrono una staffetta 4x400 da 3:56.79.

LOMBARDIA donne – Un altro primato per Nicole Svetlana Reina. La quindicenne allieva di Giorgio Rondelli, nella seconda giornata dei Societari Lombardi a Lodi, fa suo il primato italiano Allieve dei 5.000 metri correndo in 16:53.85. La precedente MPI apparteneva a Patrizia Ritondo (PAF Verona) e risaliva addirittura al 7 settembre 1991 (16:55.48). Reina così dopo il titolo italiano di categoria di cross, l’eccellente esordio sui 2.000 siepi e la MPI sui 20’ di corsa fornisce un’ottima impressione anche sui 5km in pista. L’atleta del Cus Pro Patria Milano, che ha percorso l’ultimo km sul piede di 3:17,  è arrivata al primato al termine di un testa a testa con la tricolore assoluta di cross Touria Samiri (Atletica Fanfulla Lodigiana) che chiude in 16:57:70 con la promessa Sara Galimberti (Bracco Atletica) terza in 17:01.74. Sempre a Lodi la junior Irene Morelli (Osa Saronno Lib.) corre i 400 metri a ostacoli in 1:00.07, migliorandosi di oltre un secondo e confermando ampiamente lo standard per gli EuroJuniores di Rieti. Il doppio giro di pista è terreno di Serena Monachino (Easy Speed 200) che corre in solitaria in 2:07.31, mentre i 200 metri se li aggiudica Elena Bonfanti (Atletica Lecco) che con 24.22 (-1,8) arriva vicina (8 centesimi) al personale sulla distanza. dietro di lei Marta Maffioletti (Bracco Atletica, 24.51), Flavia Battaglia (Bracco Atletica, 24.72) e la junior Sabrina Galimberti (Atletica Rovellasca, 24.81). Nell’altra serie (vento +0,6) Laura Gamba (Bracco Atletica) chiude in 24.74. Passando ai concorsi sono da registrare il 5,94 (-0,2) di Gaia Giuriato della Bracco Atletica nel lungo, il 3,90 di Tatiane Carne (Fiamme Azzurre/ Atl. Bergamo 59 creberg) e Sara Bruzzese (Bracco Atletica) nell’asta e nel disco il 47,19 di Natalina Capoferri (Atletica Brescia) davanti alla junior Silvia Zanini (Nuova Atletica Varese) a 46,68. Curioso l’abbinamento scelto da Sara Jemai (Esercito) che interrompe i lanci dalla pedana del giavellotto, da cui centra un pregevole 50,64 (confermando lo standard per gli Europei Promesse di Tampere), per correre una frazione della staffetta 4x400 con le compagne dell’US Sangiorgese.

LOMBARDIA uomini - Partecipazione record a Saronno (VA) dove i più veloci delle 25 serie dei 200 metri sono Fabio Squllace (Atl. Riccardi Milano) 21.29 (-0.9) e Isalbet Juarez (Atl. Bergamo 1959 Creberg) 21.64. Nei 5000 metri, dopo quella di ieri nei 3000 siepi, un'altra vittoria per Jamel Chatbi (Atl. Riccardi Milano), 13:49.14 nei 5000 metri. Giacomo Panizza (Fiamme Oro/Lecco-Colombo Costruzioni) si aggiudica i 400hs in 51.16, mentre nel lungo Federico Chiusano(Atl. Riccardi Milano) salta 7,54 (+0.5) con lo junior Andrea Esposito (ABC Progetto Azzurri) terzo a 7,22 (+2.1) dietro la promessa Dominiq Rovetta Gasigwa (Virtus Castenedolo) 7,36 (+0.7). Nell'alto 2,21 del finanziere Andrea Bettinelli (Bergamo 1959 Creberg). Al termine della prima fase regionale i campioni d'Italia dell'Atletica Riccardi Milano sono saldamente in testa con 16.533 punti.

MARCHE - Nel getto del peso, allo stadio Helvia Recina di Macerata, il campione italiano under 20 al coperto Lorenzo Del Gatto (Tecno Adriatletica Marche) realizza un miglior lancio di 16,10 che vale il primato personale con l’attrezzo senior da 7,260 kg e anche il minimo di partecipazione per gli Europei juniores di Rieti. Alle sue spalle si piazza un altro atleta della stessa categoria, Alessandro Cavalieri (Atl. Avis Macerata) che è secondo con 15,10. Sui 200 metri, il duello fra portacolori dell’Atletica Avis Macerata si risolve in favore di Alessandro Berdini in 21.61 (-0.7) davanti a Lorenzo Angelini, 21.63. Anche nell’alto prevale un giovane: lo junior Manuel Nemo (Tecno Adriatletica Marche) riesce infatti a superare la quota di 2,00, mentre il lungo vede il successo di Marco Vescovi (Atl. Avis Macerata) con un salto a 6,85 (0.0). Nel mezzofondo, due affermazioni dell’Atletica Civitanova grazie alla promessa Leonardo Zucchini, 1:53.64 sugli 800, e Dario Santoro, 14:52.75 nei 5000 metri, invece Stefano Mancinelli (Asa Ascoli Piceno) fa atterrare il martello a 52,55. Sfida equilibrata sui 200 femminili, con la junior elpidiense Roberta Del Gatto (Atl. Avis Macerata) che si impone in 25.20 (0.0) nei confonti di Francesca Ramini (Sport Atl. Fermo), 25.26, poi Mita Delia (Atl. Avis Macerata), 25.44, seguita dalla junior Martina Piergallini (Sef Stamura Ancona), 25.47, e dall’allieva Annalisa Torquati (Tecno Adriatletica Marche) al personal best con 25.58. Dopo le due giornate di sfide, è l’Atletica Avis Macerata a guidare tra gli uomini a quota 14.199 punti e anche al femminile con uno score di 13.748.

PIEMONTE/VALLE D'AOSTA – A Torino sale subito alla ribalta Davide Manenti (Aeronautica/Atl. Piemonte) che corre i 200 metri in 20.81 (-0.4), suo secondo miglior tempo di sempre dopo il personale di 20.76. Segue Michele Tricca (Fiamme Gialle/Atl. Susa) con 21.66. L’azzurro Kevin Ojiaku (Fiamme Gialle/Atl. Canavesana) atterra nel salto in lungo a 7,69 metri (-0.80), nuovo primato stagionale all'aperto. Brilla Marco Lano (Cus Torino) che sugli 800 metri ottiene il miglior tempo italiano stagionale e centra lo standard per i mondiali allievi con 1:52.79; taglia il traguardo davanti a lui il compagno di club Soufiane El Kabbouri con un buon 1:51.18. Da segnalare ancora il 56,97 metri nel martello della promessa Lorenzo Puliserti (Atl. Piemonte), il 50,89 metri di Ilaria Marchetti (Cus Torino) nel disco, i 2,00 metri nell'alto dello junior Alberto Franceschi (Novatl. Chieri) e il 24.37 sui 200 metri di Francesca Roattino (Cus Torino). Helen Falda (Sisport) nell'asta sale fino a 3,60 metri a soli 10 cm dal minimo per Donestk.

PUGLIA/BASILICATA – La prima stagionale, a Bari, sui 400hs di Eusebio Haliti vale 51.66, un tempo che per l’atleta della Polisportiva Rocco Scotellaro risolve la formalità dello standard per gli Europei under 23 di Tampere. Il compagno di squadra al primo anno promesse Alessandro Laurano supera l’asticella dell’alto a 2,06 mentre la coetanea Chiara Centofanti, dell’Alteratletica Locorotondo, lancia il disco a 47,04. Infine gli 800, vinti da Loredana Di Grazia (Alteratletica Locorotondo) in 2:11.51. 

SARDEGNA – Anche la seconda giornata dei CdS sardi è all’insegna del vento che spazza ininterrottamente lo Stadio dell’Atletica di Cagliari. Gianmarco Pira (Atl. Oristano) dopo il successo di ieri nei 400 metri si impone nei 200 in 21.71 (+2.4) precedendo il compagno di società Luca Lai (22.43) e lo junior del Cus Cagliari Francesco Ermellino. Doppietta oristanese anche nei 400 ostacoli con Marco Spanu (54.05) davanti a Andrea Corda (56.21). Raffiche di vento anche nelle pedane, con lo junior Eugenio Meloni all’esordio stagionale che valica l’asticella dell’alto a 2,10 ed il lunghista oristanese Antonmarco Musso, una settimana fa balzato a 7,61, che atterra a 7,37 metri nonostante un generoso +3.60 di vento alle spalle. Tra le donne successo di Daniela Lai (Cus Cagliari) con 5,58 (+2.1).

Davide Manenti (foto Colombo/FIDAL)Davide Manenti (foto Colombo/FIDAL)

Claudia Pinna (Cus Cagliari) si impone nei 5000 in 16:52.42 mentre lo junior Raffaele Nonne si aggiudica la serie extra degli 800 metri in 1:58.70 (per i societari successo di Giannicola Mula, Gonone Dorgali, in 2:00.86). 

SICILIA - Allo Stadio delle Palme "Vito Schifani" di Palermo, la triplista, bronzo degli Euroindoor di Goteborg, Simona La Mantia sceglie il lungo per il suo esordio stagionale all'aperto. La saltatrice delle Fiamme Gialle, oggi in maglia CUS Palermo, ha chiuso il discorso con 6,09 (+1.7). Al maschile 7,21 per la promessa Antonino Trio (Atl. Villafranca). Nei 5000 metri, quindi, affermazione di Silvia La Barbera (Forestale/CUS Palermo) nel tempo di 16:36.20.

TOSCANA - A Campi Bisenzio (FI), un vero e proprio nubifragio si abbatte sullo stadio "Emil Zatopek" poco prima dell'inizio della seconda giornata, facendo ritardare lo svolgimento delle competizioni. Pioggia che ha costretto il capitano azzurro Nicola Vizzoni (Fiamme Gialle) a rinunciare a cimentarsi nel lancio del martello per i colori dell'Atletica Livorno. Causa maltempo, l'atteso esordio stagionale nei 400hs di Yadisleidy Pedroso (CUS Pisa Atl. Cascina) si è risolto in un per lei tranquillo 56.32. Nei 200 metri, 24.17 (-0.1) sotto la pioggia per la promessa Irene Siragusa (Atletica 2005), davanti ad Anna Bongiorni (Forestale/CUS Pisa Atl. Cascina) 24.58 con l'allieva Alessia Niotta (Atl. Sestese Femminile) quarta in 25.31 (standard per Mondiali U18). 800 metri a Giulia Aprile (Atl. Firenze Marathon), junior al primo anno di categoria che vince in 2:11.38. Tra gli uomini sul doppio giro di pista 1:54.71 per l'allievo Marco Scantamburlo (Atl. Grosseto Banca di Maremma) che ottiene così anche lo standard di iscrizione per la rassegna iridata under 18. Nei 5000 metri, infine, alle spalle del quartetto africano guidato dal ruandese Sylvain Rukundo (Toscana Atl. Caripl) in 13:52.21, finiscono rispettivamente quinto e sesto i 18enni Lorenzo (14:16.21) e Samuele Dini (14:27.39). I due gemelli dell'Atletica Livorno portano così a casa il "minimo" di iscrizione agli Europei Juniores di Rieti. Per Lorenzo, inoltre, si tratta del primato personale, limato di 6 secondi.

TRENTINO-ALTO ADIGE – A Bressanone Elisa Scardanzan (GS Valsugana Trentino) corre i 400hs in 58.94 davanti alla junior Valentina Cavalleri BZ008 (SSV Bruneck Brunico Volksbank) che sigla un 1:01.99, non lontano dallo standard per gli EuroJunior di Rieti.  Coly Fatoumata (GS Valsugana Trentino) si impone nei 200 in 24.62 (+2.4) davanti alla compagna di società Marinella Maggiolo (24.64) e a Doris Tomasini (U.S. Quercia Trentingrana, 24.66), mentre al maschile vince Davide Deimichei dell’US Quercia Trentingrana in 21.32 (+1.2). Lorenza Canali (Fiamme Azzurre/GS Valsugana Trentino) vince gli 800 in 2:10 netti su Eleonora Berlanda (Fiamme Oro/Quercia Trentingrana, 2:10.48) mentre nei 5.000 c’è il bel 15:53.04 di Zakia Mrisho Mohamed (GS Valsugana Trentino) ed Elisa Zanei (GS Valsugana Trentino) si aggiudica il lungo arrivando a 6.20 (anche se l’anemometro segna +3,8) davanti a Giada Palezza (6,11 con +1,6 di vento). Nessun problema per Yuri Floriani (Fiamme Gialle/ Atletica Trento CMB) vincitore dei 5.000 in 14:22.82.

UMBRIA – La due giornate di Orvieto registra il 14:00.00 di Paul Kipchumba Sugut (Ass.Atl.Libertas Orvieto) nei 5.000, il giorno successivo alla sua vittoria nei 1.500 in 3:55.64. Ed è doppietta anche per Elena Ricci, dell’Atl. Libertas Arcs Cus Perugia, che vince i 400hs in 1:00.67 e i 100hs 15.66 (-0,3) e per Gloria Guerrini, della stessa società, che sigla 57.17 nei 400 metri e 2:11.70 nel doppio giro di pista. Alessandra Lazzari, sempre dell’Atl. Libertas Arcs Cus Perugia, valica 3,90 nel salto con l’asta.

VENETO – Oggi, a Marcon (Venezia), nella seconda giornata della rassegna regionale dei Societari arriva vicino alla soglia dei 50 metri  Maddalena Purgato dell’Assindustria Sport Padova che lancia 49,96 nel giavellotto. I due azzurrini Enrico Tirel (Atl.Biotekna Marcon) e Paolo Spezzati (G.A.Bassano) si danno battaglia fino all’ultima barriera nei 400 ostacoli e alla fine decide il fotofinish: 53.91 per il bellunese, 53.95 per il bassanese. La junior d’origine dominicana Johanelis Herrera Abreu (Fondazione Bentegodi) vince i 200 in 24.68 (-1,3), precedendo Amy Fabè Dia del G.A. Aristide Coin Venezia 1949 (24.85 con -1,3). La seconda giornata dei CdS ha offerto anche tre standard per i Mondiali allievi di Donetsk (10-14 luglio). Li hanno conquistati il veronese Leonardo Vanzo (Atl. Insieme New Foods VR) nei 200 (22.19 alle spalle di Diego Zuodar della Biotekna Marcon in 22.03), il compagno di società Leonardo Tesini, quinto (1:54.95) negli 800 vinti da Emiliano Nerli Ballati (Biotekna Marcon, 1:52.65) e la vicentina Rebecca Sartori del G.A.Bassano seconda nei 400 ostacoli (1:02.76) alle spalle di Eleonora Morao (1:02.09) dell’Atletica Silca Conegliano. Al termine della prima fase guidano la classifica di società l’Atletica Biotekna Marcon fra gli uomini e l’Atletica Vicentina tra le donne.

(hanno collaborato: Carlo Carotenuto, Luca Cassai, Mauro Ferraro, Alessandro Floris, Lorenzo Magrì, Enzo Miceli, Alberto Milardi, Cesare Rizzi, Myriam Scamangas)

SOCIETARI ASSOLUTI 2013 - FASE REGIONALE 1ª PROVA - ELENCO SEDI (ISCRITTI/RISULTATI): ABRUZZO: Pescara; CALABRIA: Cosenza; CAMPANIA:  Marano; EMILIA ROMAGNA: Imola (BO); FRIULI-VENEZIA GIULIA: Casarsa delle Delizie (PN); LAZIO: Rieti; LIGURIA: Genova; LOMBARDIA:Lodi e Saronno; MARCHE: Macerata; PIEMONTE/VALLE D’AOSTA: Santhià (VC) e Torino; PUGLIA/BASILICATA: Bari; SARDEGNA: Cagliari; SICILIA: Palermo; TOSCANA: Campi Bisenzio; UMBRIA: Orvieto (TR); TRENTINO-ALTO ADIGE. Bressanone; VENETO: Marcon

File allegati:
- Criteri di partecipazione eventi internazionali
- C.d.S. Assoluto su Pista - Prova Regionale
- CdS Assoluti: Cattaneo 13.02

Emanuele Catania (foto Colombo/FIDAL)Emanuele Catania (foto Colombo/FIDAL)
Condividi