Breaking2: Kipchoge 42,195km in 2h00:25

06 Maggio 2017

All'Autodromo Nazionale di Monza l'olimpionico keniano corre un tempo più veloce del record del mondo di maratona. Il fiduciario GGG Verrascina: "Esibizione senza tutti i canoni regolamentari, risultato non omologabile".


 

Un uomo può correre 42 chilometri e 195 metri, la distanza canonica della maratona, in 2h00:25. Il suo nome è Eliud Kipchoge, è il campione olimpico e stamattina all'Autodromo Nazionale di Monza ha portato a termine la Nike Breaking2 in un tempo mai raggiunto da nessuno al mondo fino a questo momento. Nemmeno da Dennis Kimetto, il primatista mondiale ufficiale con 2h02:57 sulle strade della maratona di Berlino nel 2014. Oggi Kipchoge a Monza - in una prova studiata e preparata nei minimi dettagli - è stato 2 minuti e 32 secondi più veloce. Il 32enne keniano, ad una media di circa 2:51 al chilometro, ha superato anche se stesso e il 2h03:25 (terza performance alltime) con cui nel 2016 aveva trionfato alla maratona di Londra.

E' importante precisare che quello appena realizzato a Monza da Kipchoge non può essere considerato record del mondo di maratona: "Siamo sicuramente di fronte ad una grande prestazione dal punto di vista cronometrico - spiega Luca Verrascina, componente del Comitato Tecnico IAAF e fiduciario nazionale del Gruppo Giudici Gare FIDAL - ma quella di oggi è stata principalmente un'esibizione finalizzata a verificare la possibilità di superare il limite umano delle 2 ore sulla distanza della maratona. In quanto tale, non sono stati seguiti tutti i canoni regolamentari previsti. Questo in particolare si riferisce non al percorso, regolarmente misurato e certificato, ma all'azione dei pacemaker che si sono dati ripetutamente il cambio per sostenere il ritmo, alle modalità di rifornimento direttamente dalle bici che hanno affiancato la corsa e all'auto apripista in posizione troppo ravvicinata. Ragioni per cui i risultati di questa manifestazione non potranno essere omologati e quindi inseriti in nessuna graduatoria ufficiale".

L'obiettivo dichiarato dell'evento era abbattere il fatidico muro delle due ore: alla fine 26 secondi hanno fatto la differenza, lasciando intatto un confine che mai come oggi è sembrato tremare. "Ci riproverò, garantito", parola di Kipchoge al traguardo. Alle sue spalle gli altri due big che oggi all'alba (start ore 5:45) si sono schierati al via insieme a lui: l’eritreo, recordman di mezza maratona, Zersenay Tadese (2h06:51) e l’etiope, argento mondiale 2013 di maratona, Lelisa Desisa (2h14:10). Spettatori dell'impresa due campioni di sempre dell'atletica mondiale come il "figlio del vento" Carl Lewis e la primatista mondiale di maratona Paula Radcliffe.

IL RACCONTO - E' stata una corsa contro il tempo. Il bersaglio annunciato era la soglia dei 120 minuti sulla pista della Formula 1. Per 35 chilometri la tabella di marcia è rimasta in linea con l'ambizioso obiettivo della vigilia. Kipchoge è stato l'unico dei tre pretendenti a proseguire l'attacco al muro, mentre i suoi compagni di avventura Desisa e Tadese si sono staccati prima del ventesimo chilometro. L'olimpionico con la canotta rossa, scortato da un "cuneo" di sei battistrada a rotazione, ha così continuato nella sua azione di corsa fluida e costante sui 17 giri e mezzo del circuito. Il suo 5000 più veloce è stato quello tra il 10° e il 15° chilometro (14:07), mentre un piccolo cedimento del ritmo si è registrato tra il 35° e il 40° (14:27). Kipchoge, 59:57 al giro di boa, ha quindi completato la seconda metà di gara in 1h00:28. "Ero pienamente convinto di poter finire sotto le due ore, ma nell'ultimo giro ho perso 10 secondi e il tempo mi è sfuggito. E' stata dura, ci sono voluti sette mesi di preparazione e di dedizione. E' stata una lunga sfida, ma sono un uomo felice per aver corso una maratona vicino alle due ore. Ora mancano solo 25 secondi. Credo che con l'allenamento e una buona pianificazione si possa scendere ancora".

a.g.

BREAKING2 - I PASSAGGI UFFICIOSI DI KIPCHOGE
5km 14:14
10km 28:21 (14:07)
15km 42:34 (14:13)
20km 56:49 (14:15)
21,097km 59:57
25km 1h11:03 (14:14)
30km 1h25:20 (14:17)
35km 1h39:37 (14:17)
40km 1h54:04 (14:27)
42,195km 2h00:25

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it


Kipchoge al traguardo della Breaking2 a Monza (foto Colombo)


Condividi con
Seguici su: