di FIDAL Giovannini

Giornata straordinaria, storica, la seconda dei Campionati Italiani Assoluti Indoor di Ancona. Oggi, tra pista e pedane del Banca Marche Palas, vengono, infatti, riscritti nel giro di un'ora e mezza ben tre primati nazionali assoluti. Il primo, in ordine di tempo, è quello di Silvano Chesani (Fiamme Oro) con 2,33 nell'alto, seguito poco dopo dalla junior Roberta Bruni (Studentesca CaRiRi) salita a 4,60 nell'asta, ad appena 3 centimetri dal record del mondo under 20 della svedese Angelica Bengtsson (4,63 nel 2011). La tribuna tiene quindi a freno l'entusiasmo giusto il tempo di concedere il dovuto silenzio alle finali dello sprint. E qui arriva una nuova esplosione: Michael Tumi (Fiamme Oro) è un missile sui 60 metri: 6.51 e ancora record. Ad impreziosire la giornata da guinness ci sono anche i risultati di due atlete delle categorie giovanili. Il primo è della triplista Ottavia Cestonaro (Atl. Vicentina), argento assoluto e due volte primato italiano junior (13,43 e poi 13,47) alle spalle di Simona La Mantia (Fiamme Gialle), oro con 14,06. Proprio alla finanziera siciliana, campionessa europea indoor in carica, apparteneva il vecchio limite di 13,42 (Ancona, 4 febbraio 2001). La seconda è l'ex cadetta Nicole Reina (CUS Pro Patria Milano), che a 16 anni chiude i 3000 metri al nono posto in 9:48.90 facendo sua la migliore prestazione italiana Allieve di sempre che resisteva dal 10 marzo 1990, quando Marika Mainelli a Torino fermò il cronometro in 10:05.86. Titolo assoluto all'azzurra Silvia Weissteiner (Forestale), 9:03.29 al debutto stagionale in sala. E poi tre record italiani nelle staffette 4x200: promesse femminile con 1:40.21 per le lombarde della Bracco Atletica (Laura Gamba, Beatrice Mazza, Flavia Battaglia, Marta Maffioletti), promesse maschile in 1:27.13 delle Fiamme Gialle (Lorenzo Valentini, Michele Tricca, Francesco Patano, Marco Lorenzi) e juniores maschile della Studentesca CaRiRi con 1:29.02 (Gianluca Martino, Enrico Nobili, Jonatan Capuano, Vincenzo Vigliotti).

CHESANI: "IL RECORD CE L'AVEVO IN TESTA" - Silvano Chesani è il nuovo primatista italiano indoor di salto in alto. Oggi, il 24enne trentino delle Fiamme Oro ai Campionati Italiani Assoluti di Ancona salta 2,33 alla prima prova e manda in archivio il 2,32 del precedente limite nazionale di Alessandro Talotti  (Glasgow, 29 gennaio 2005). Questa misura, tra l'altro, eguaglia anche il record italiano all'aperto di Marcello Benvenuti (2,33 a Verona nel 1989). Per lui un progresso personale di 2 centimetri; nel 2012 sempre qui ad Ancona si era, infatti, laureato tricolore assoluto con 2,31. Grazie a questo risultato, Chesani si pone al terzo posto delle liste europee stagionali, il quinto di quelle mondiali. La medaglia d'argento va, invece, ad un determinato Marco Fassinotti (Aeronautica) che conferma il 2,27 dello stagionale. Prima Promessa è Davide Spigarolo (GA Bassano) con 2,13. "Questo 2,33 ce lo avevo in testa dal 6 febbraio a Banska Bystrica - dichiara Chesani con il volto pieno di soddisfazione - Lì avevo fatto 2,28 e poi avevo provato 2,32. Purtroppo, non ci ero riuscito, ma quello che stavo facendo in allenamento mi faceva essere più che ottimista. Qui oggi non mi bastava il titolo, volevo assolutamente il record. Erano giorni che avevo la progressione in testa. Me la ripetevo dentro di me e sapevo che, stando bene, potevo raggiungere quella misura. Un risultato che dedico al mio tecnico Giuliano Corradi, maestro di questa specialità, che ora può finalmente avere anche un primatista italiano assoluto tra i suoi atleti".  

BRUNI: "A TRE CENTIMETRI DAL RECORD DEL MONDO JUNIOR" - E' record italiano, di nuovo, anche per Roberta Bruni (Studentesca CaRiRi). La junior, classe 1994, supera 4,60 nel salto con l'asta e aggiunge così altri 9 centimetri al suo precedente limite di 4,51 realizzato a Fermo lo scorso 2 febbraio. L'ancora 18enne della Studentesca CaRiRi oggi ha commesso un solo errore a 4,30, poi tre misure in tre salti: 4,40, 4,50 e il 4,60 del record valicato con ampiezza.

Silvano Chesani (foto Colombo/FIDAL)Silvano Chesani (foto Colombo/FIDAL)

La giovane astista laziale, bronzo dei Mondiali juniores 2012, eguaglia così anche il primato nazionale outdoor della specialità ottenuto da Anna Giordano Bruno agli Assoluti di Milano il 2 agosto del 2009. La misura appena realizzata ne fa la quarta europea e l'ottava al mondo nel 2013. Oggi intanto, dietro di lei crescono anche Giorgia Benecchi (Esercito), argento con 4,40, e un'altra junior, Sonia Malavisi (ACSI Italia Atletica), bronzo a quota 4,20. Campionessa under 23 con 4 metri è Chiara Rota (Bergamo 59 Creberg). "Per come ho superato 4,60, se l'asticella fosse stata a 4,65 ora starei festeggiando il record del mondo junior! - esclama carica di energia la Bruni a fine gara - Ma sono felice lo stesso e con me anche il mio tecnico Riccardo Balloni con il quale stiamo davvero facendo un grande lavoro. Conosco personalmente la primatista mondiale junior Angelica Bengtsson e l'anno scorso al meeting di Rieti, in amicizia, mi aveva detto che essendo lei passata di categoria, sperava che potessi essere io a ritoccare quel primato. Oggi, alla terza gara dellanno, ci sono andata veramente vicina. Rifare 4,60 agli Europei di Goteborg significa essere in finale. Spero di ripetermi lì e, chissà, magari anche migliorare. Penso di tornare in gara ad Ancona domenica prossima per i Giovanili Indoor. Stasera, intanto, lasciatemi godere questo momento incredibile".

TUMI: "OGGI IL RECORD, A GOTEBORG UNA MEDAGLIA" - Non finisce la giornata dei record agli Assoluti Indoor di Ancona. Dopo il 2,33 di Chesani nell'alto, il 4,60 della Bruni nell'asta, il terzo primato italiano assoluto arriva dallo sprinter Michael Tumi (Fiamme Oro) che vince i 60 metri 6.51. Due centesimi meglio del 6.53 di cui lui stesso era stato artefice a Magglingen (Svizzera) lo scorso 2 febbraio. Il 23enne vicentino, al terzo titolo tricolore consecutivo indoor nello sprint,  conquista così la leadershipe europea stagionale della specialità. Al mondo quest'anno, ha fatto meglio di lui solo lo statunitense Darvis Patton, 6.50 ieri a New York.  Oggi sul podio lo seguono i finanzieri Fabio Cerutti (6.68) e Simone Collio (6.69). Titolo Promesse a Giovanni Galbieri (Atl. Riccardi) in 6.87 (PB 6.77 in semifinale). "Sapevo di stare bene e che potevo migliorare il 6.53 del mio precedente primato - dichiara orgoglioso il poliziotto veneto - Non ho detto niente per scaramanzia. In più certi discorsi che sono girati nei giorni seguenti sulla regolarità dell'impianto di Magglingen non hanno fatto altro che caricarmi. Ecco perchè ci tenevo così tanto a ripetermi qui. Oggi nei turni eliminatori mi sono risparmiato perchà sapevo bene di avere il colpo in canna. Così in finale sono partito meglio dell'altra volta (reazione 0.140, ndr), ma penso di poter fare ancora meglio. Nel 2012 è stato difficile  dover vedere le Olimpiadi in tv. La stagione invernale era iniziata bene poi un infortunio e una recidiva hanno compromesso il resto di un'annata così importante. Eppure quell'esperienza negativa mi è servita per trovare la giusta cattiveria negli allenamenti. E' stata una spinta in più ed oggi mi sento cresciuto fisicamente e di testa. E tutto questo grazie anche al lavoro quotidiano con il mio gruppo di allenamento diretto dal tecnico Umberto Pegoraro che qui ha visto vincere anche il mio compagno di club Isalbet Juarez nei 400. Se qui ho corso in 6.51, perchè non posso pensare di fare anche 6.49? Magari agli Euroindoor di Goteborg. A questo punto ci vado con l'obiettivo di una medaglia che, non lo nascondo, vorrei che fosse quella del metallo più prezioso. In base alle liste stagionali i miei principali rivali dovrebbero essere il francese Vicaut e lo spagnolo Rodriguez, ma non sottovaluterei nemmeno uno come Chambers. Poi, archiviata la stagione indoor, vedremo che cosa potrà succedere all'aperto. Scendere sotto i 10.10 sui 100 metri potrebbe essere il mio prossimo grande traguardo".    

SEGUICI su Facebook - Twitter (@atleticaitalia)

File allegati:
- RISULTATI/Results
- Le FOTO della SECONDA GIORNATA/Photos
- Campionati Italiani Assoluti e Promesse M/F Indoor
- Assoluti: Alloh-Draisci 7.37, La Mantia 14,06

Roberta Bruni (foto Colombo/FIDAL)Roberta Bruni (foto Colombo/FIDAL)
Condividi