Ancona, è della Benecchi l'ottavo primato




 

Si chiudono con altri quattro primati italiani i Campionati Italiani Giovanili Indoor di Ancona, dopo i quattro di ieri. Il gran finale della rassegna tricolore lo regala Giorgia Benecchi (Cus Parma), che vince l’asta promesse con il nuovo primato di categoria a 4.36, ritoccando di un centimetro il limite stabilito da Elena Scarpellini un anno fa (4.35 a Vienna, 3 febbraio 2009). L’emiliana, allenata da Matteo Bini, esegue una gara senza errori fino a 4.25, che rappresenta già il suo record personale, due centimetri più su rispetto a quanto fatto al recente meeting di Vienna. Poi si esibisce in due prove tutt’altro che velleitarie a 4.36, prima del tentativo riuscito e di tre assalti senza fortuna a 4.41. Per la Benecchi, ex Nazionale juniores di ginnastica insieme alla campionessa iridata Vanessa Ferrari, è una stagione in crescita continua, migliorando il personale quasi ad ogni gara: in gennaio 4.10 a Modena, 4.15 a Firenze, 4.20 ad Ancona, a febbraio 4.23 a Vienna e adesso 4.36. Nel primo pomeriggio, invece, la marciatrice Antonella Palmisano, argento nel 2009 agli Europei juniores di Novi Sad, aveva realizzato 13:12.13 sui 3 chilometri, oltre due secondi meglio rispetto al precedente limite di categoria che apparteneva al bronzo olimpico Elisa Rigaudo, 13:14.41 il 20 febbraio 1999 a Genova. Il secondo record nello sprint femminile. Al Banca Marche Palas è, infatti, caduta una migliore prestazione nazionale di 26 anni fa, ovvero il 7.54 di Rita Angotzi, corso sempre ad Ancona, ma sulla pista del vecchio Palafiera, il 4 febbraio del 1984. Oggi, invece, è l'azzurrina toscana Anna Bongiorni (Cus Pisa Atl. Cascina) a diventare l'allieva italiana più veloce di sempre su questa distanza, fermando il cronometro a 7.52. Un primato che, però, non vale la medaglia d'oro per la figlia dell'ex velocista azzurro Giovanni Bongiorni. Il fotofinish dice, infatti, che per una questione di millesimi la maglia tricolore va alla nigeriana della Reggio Event's Judy Udochi Ekeh, lanciata da un'ottima partenza e al traguardo con lo stesso crono. La Ekeh - allenata da Giampaolo Cellario - è in attesa di cittadinanza italiana e lo scorso 24 gennaio era già scesa a 7.50 ad Aosta. Sale in cima alle liste italiane all-time di categoria anche staffetta 4x200 Promesse dell'Atletica Riccardi Milano con l'ex junior, bronzo europeo dei 200, Diego Marani che insieme a Gaetano Leone, Luca Demaria ed Emanuele Gelmi hanno fatto giungere il testimone al traguardo in 1:29.44. Cinquanta centesimi in meno del precedente limite nazionale del quartetto under 23 del Cus Torino che due anni fa, su questa stessa pista, aveva corso in 1:29.94.

Nelle altre finali dello sprint, il poliziotto Daniele Greco realizza anche quest’anno la doppietta 60-triplo: per lui 6.76 nella finale della velocità, mentre Martina Amidei (Cus Torino) conferma i favori del pronostico sui 60 juniores con 7.61, così come Ilenia Draisci (Esercito), che si impone nettamente tra le promesse in 7.52. Tra gli allievi, Alessandro Pino (Atl. Vicentina) sfreccia per primo in 6.87, che vale il quinto posto di sempre nelle graduatorie, a quattro centesimi dalla miglior prestazione italiana di Michele Lazazzera, datata 1985. Si conferma, quindi, campione tra gli juniores Francesco Basciani (Acsi Campidoglio Palatino), 6.81. Il miglior risultato della giornata nel lungo femminile lo firma, invece, l’allieva Anna Visibelli (U.P. Policiano Arezzo Atl.) che all’ultimo turno salta 6.13 e si pone al terzo posto delle liste italiane all-time di categoria. Botta e risposta nel finale, con la Visibelli che esordisce in gara saltando 5.83, ma alla quinta prova viene superata dal 5.87 dell’ucraina Daria Derkach (Atl. Vis Nova), prima della prodezza dell’aretina seguita da Paolo Tenti. Sulla pedana delle Promesse, la gara si decide alle ultime battute: Carlotta Guerreschi (Vittorio Alfieri Asti) atterra a 6.04 e conquista il titolo, mentre Sara Bianchi Bazzi (Atl. Lecco-Colombo Costruzioni), che guidava fino a quel momento con 5.96, risponde subito dopo con un 6.03 che non basta per tornare in testa.

Doppietta nel mezzofondo per il ventenne trentino Giordano Benedetti (Fiamme Gialle): al titolo di ieri sui 1500, aggiunge quello sugli 800 in 1:53.13, superando Giovanni Bellino (Cus Bari) che aveva provato a sorprenderlo con una volata anticipata. Galoppata solitaria del somalo Mohad Abdikadar Sheikh Ali (Fiamme Gialle G. Simoni) sui 1000 metri allievi, con un crono finale di 2:29.72, mentre fra le allieve si conferma Beatrice Mazzer (Atl. Mogliano) in 2:59.57. Negli 800 juniores, progressione vincente di Mattia Moretti (Daini Carate Brianza) con 1:52.70, al femminile la toscana Federica Soldani (Assindustria Sport Padova) ripete il successo di un anno fa in 2:17.59. Tra le promesse, oro alla bergamasca Serena Monachino (Easy Speed 2000), 2:12.09. L’aviere piemontese Marco Fassinotti si guadagna la maglia tricolore dell’alto promesse saltando 2.17 e con un percorso netto fino a quella misura, prima di tre errori a 2.23. L’astista Alessandra Lazzari (Cus Perugia), già tricolore juniores all’aperto nel 2009, fa suo il titolo indoor con 3.80 alla prima prova, dopo aver valicato il decisivo 3.70 alla terza.

Nelle altre staffette 4x200, al femminile, vincono le promesse dell’Esercito (Ilenia Draisci, Sabrina Mutschlechner, Federica De Santis, Jessica Paoletta) in 1:42.74. Titolo allievi alla Studentesca Ca.Ri.Ri (Simone Lelli, Antonio Faustini, Emanuele Fianco, Jonatan Capuano) con 1:32.61 e, tra le allieve, per la Fondiaria-SAI (Flavia Nasella, Fabiana Panei, Chiara Todini, Flavia Battaglia), 1:44.60. Chiusura con le staffette juniores: tricolore maschile alla Studentesca Ca.Ri.Ri (Stefano Colasanti, Gian Marco Pica, Tiziano Proietti, Marco Valentini) in 1:30.69 e tra le donne per l’Italgest Athletic Club (Laura Gamba, Beatrice Mazza, Claudia Lavia, Marta Maffioletti) con 1:42.88.

Successo nelle classifiche per società per gli allievi delle Fiamme Gialle G. Simoni e le allieve della Fondiaria-SAI Atletica, fra gli juniores per Studentesca Ca.Ri.Ri (maschile) e Assindustria Sport Padova (femminile) e, nella categoria promesse, di Atletica Riccardi Milano (maschile) e Italgest Athletic Club (femminile).

Luca Cassai

I NUOVI PRIMATI GIOVANILI INDOOR
Daniele Greco (Fiamme Oro): triplo Promesse, 16,95
Andrea Chiari (Atl. Saletti): triplo Juniores, 16,29
Ivan Mach Di Palmstein (Atl. Riccardi Milano): 60hs Juniores, 7.89
Michele Tricca (Atl. Savoia): 400 Allievi, 49.06
Antonella Palmisano (Atl. Don Milani): marcia 3km Juniores, 13:12.13
Anna Bongiorni (CUS Pisa Atl. Cascina): 60 Allieve, 7.52
Marani-Leone-Demaria-Gelmi (Atl. Riccardi Milano): 4x200 Promesse, 1:29.44
Giorgia Benecchi (Cus Parma): asta Promesse, 4,36

Nella foto, l'astista Giorgia Benecchi; in quella in basso l'abbraccio tra le velociste Judy Udochi Ekeh e Anna Bongiorni (Claudio Petrucci per FIDAL)

File allegati:
- RISULTATI/Results
- LE FOTO della SECONDA GIORNATA/Photos



Condividi con
Seguici su: