APOTEOSI ITALIA: CAMPIONI OLIMPICI 4x100

06 Agosto 2021

L'impresa delle imprese, in un'Olimpiade galattica, da potenza mondiale: Patta, Jacobs, Desalu e Tortu disintegrano il record italiano (37.50) e battono Gran Bretagna e Canada

 

di Nazareno Orlandi

Una delle imprese più incredibili e meravigliose dell’intera storia dello sport azzurro, in una Olimpiade azzurra da potenza mondiale. La staffetta 4x100 maschile sbanca lo stadio Olimpico di Tokyo con una galattica medaglia d’oro. È il trionfo di Lorenzo Patta, Marcell Jacobs, Fausto Desalu e Filippo Tortu, campioni olimpici con lo spaziale record italiano di 37.50 battendo la Gran Bretagna (37.51) e il Canada (37.70), firmando il secondo tempo di sempre in Europa e il quinto di tutti i tempi al mondo. L’Italia sfonda nel medagliere: soltanto ori, cinque in tutto, in una spedizione da apoteosi per l’atletica azzurra.

Gli dei della velocità parlano italiano. Siamo sulla luna, siamo i più veloci del mondo. È la serata che riscrive la storia dello sport italiano, probabilmente uno dei capolavori maggiori di ogni epoca (spetterà ad altri dirlo), perché ottenuto dal gruppo, quindi espressione di un intero movimento. Lasciano senza fiato gli azzurri, con tre cambi magistrali, quattro saette che incendiano la pista e divorano gli avversari. Forti, fortissimi. Dopo l’epopea della Giamaica, spunta il sogno inatteso e regale dell’Italia: lo sprint azzurro è padrone del mondo. Lorenzo Patta, a soli 21 anni, sardo doc, scatta dai blocchi con la faccia tosta di un veterano. È perfetto il cambio con il campione olimpico dei 100 metri Marcell Jacobs (oro bis!) che si distende alla meraviglia, scatena ogni energia rimasta, al proprio quinto turno di gara in questa Olimpiade, e consegna il bastoncino a Fausto Desalu in linea con tutte le big mondiali. Il cremonese si esalta, azzanna la curva, macina la sua frazione e lancia Filippo Tortu. Il resto dell’apoteosi lo completa il primo uomo d’Italia sotto i dieci secondi nella storia: testa a testa con il britannico Nethaneel Mitchell-Blake - partito leggermente avanti - e il campione olimpico dei 200 metri, il canadese Andre De Grasse, l’azzurro è travolgente, impressionante, senza limiti. L’oro olimpico è nostro. Vinciamo sempre noi. Ancora noi. Veloci come il vento.

Tutto il mondo ci guarda e applaude. Il quartetto azzurro impazzisce di gioia, esplode negli abbracci più avvolgenti, più folli, quattro amici da sballo. Una pazzia, sì, davvero. La squadra italiana è in visibilio, nello spicchio di curva riservato alle delegazioni: il “po po po po po po po” lo cantano tutti a squarciagola, poi allo stadio rimbomba, inevitabile, “Nel blu dipinto di blu”, quindi “Notti Magiche”, a suggellare la più grande giornata dell’atletica italiana (oro Palmisano, oro staffetta) insieme a quella del 1° agosto. È un'estate memorabile, tra Wembley, Wimbledon e Tokyo. Emozioni indescrivibili, un record italiano disintegrato (ieri 37.95 in batteria che batteva già il 38.11 di Doha), il compimento di un percorso di crescita che negli ultimi anni aveva sciorinato segnali, per l'atletica italiana, ma non ancora il botto. Eccolo, il botto. Ed è una deflagrazione. Per una notte siamo secondi nel medagliere, stessi ori degli Stati Uniti. Un rumore assordante. Mai così piacevole.


START LIST E RISULTATI - FOTO - ISCRITTI - ORARIO E AZZURRI IN GARA - LA SQUADRA ITALIANA - TV E STREAMING - STATISTICS HANDBOOK - TUTTE LE NOTIZIE - LE PAGINE WORLD ATHLETICS - IL SITO DI TOKYO 2020

TEAM GUIDE CON SCHEDE DEGLI AZZURRI (PDF)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate

 GIOCHI OLIMPICI