200: a Fossano 20.46 per Demonte

13 Settembre 2014

L’azzurro vince anche i 100 metri in 10.52 (-1.3). Sui 200 20.96 (-0.1) per Marani e 21.04 per Obou

 

La II edizione del Meeting Internazionale di Atletica Leggera di Fossano non ha tradito le attese di chi si aspettava un pomeriggio di grande atletica. L'evento, organizzato da ASD Nuova Olimpia e Atl. Fossano ’75,  quest’anno era legato a quattro grandi campioni piemontesi della storia dell'atletica leggera: Livio Berruti, campione olimpico di Roma 1960 sui 200m, Franco Arese, campione europeo dei 1500m a Helsinki nel 1971, Maurizio Damilano, campione olimpico dei 20km di marcia nelle Olimpiadi di Mosca 1980, e Elisa Rigaudo, unica ancora in attività, bronzo nella 20km di marcia alle Olimpiadi di Pechino 2008, appena divenuta mamma per la seconda volta. Proprio per onorare questi grandi campioni, espressione del territorio e stimolo per i giovani piemontesi e non che si affacciano al mondo dell’atletica, il Meeting di Fossano ha inserito nel suo programma tre gare top di livello internazionale: i 200m e i 1500m maschili e la 5km di marcia maschile e femminile.

Nel 200m maschile brilla Enrico Demonte (Fiamme Oro) che si aggiudica la gara con un ottimo 20.46 (-0.1) ad un solo centesimo dal primato personale; per lui doppietta visto che in apertura di riunione si era aggiudicato i 100m in 10.52 (-1.3). Al secondo posto il finalista di Zurigo Diego Marani (Fiamme Gialle) con 20.96 (-0.1); ritorno alle gare per lui dopo la rassegna continentale che gli aveva lasciato qualche problemino fisico, si appresta ora a concludere la stagione prima di iniziare a lavorare per i mondiali di Pechino del 2016. Terza piazza infine per un felice Delmas Obou (Fiamme Gialle), campione italiano dei 100m, con 21.04 (-0.1), suo nuovo primato personale. Completano i risultati Davide Manenti (Aeronautica) con 21.40, Francesco Cappellin (Aeronautica) con 21.54, Isalber Juarez (Fiamme Oro) con 21.86. È l'Africa a dominare sui 1500m maschili dove l'azzurro Soufiane El Kabbouri (CUS Torino) è lepre di lusso. Il Kenya porta a casa il primo posto con Geofrey Barusey in 3:41.68 e il terzo con Ismael Kombich Kipngetich in 3:45.88; in mezzo a loro si inserisce il senegalese dell'Atl. Monza Mor Seck con 3:41.72. Primo degli italiani Christian Obrist (Carabinieri) con 3:46.06 (primato stagionale migliorato di un secondo), seguito da Enrico Riccobon (Athletic Club Belluno) con 3:46.16 e Giovanni Bellino (Fiamme Gialle) con 3:46.94.

Nella 5km di marcia maschile Wang Zhen (Atl. Canavesana) è un fulmine e chiude il suo test in 18:49.10 (rispettate in pieno le indicazioni del suo tecnico Sandro Damilano che gli aveva chiesto di scendere sotto i 19:00.00). Alle sue spalle ancora Cina con il giovane Cai Zelin (Roata Chiusani) con 19:35.00 e, ottimo terzo e primo degli azzurri, Federico Tontodonati (CUS Torino) con 20:02.14 (tornerà in pista per la finale dei CdS). Alle spalle del torinese ancora Cina con Wang Zhendong in 20:06.65 davanti ai portacolori delle Fiamme Oro Massimo Stano (20:17.45), Vito Minei (20:35.27), Riccardo Macchia (20:51.97) e a Vito Di Bari (Fiamme Gialle) con 21:14.58. Nella prova femminile successo di Federica Curiazzi (Atl. Bergamo 1959) con 23:26.04 davanti a Anna Clemente (Fiamme Gialle) con 23:41.03 e a Nicole Colombi (Atl. Brescia 1950) con 24:25.41. A premiarle Elisa Rigaudo (Fiamme Gialle) che, dopo la pausa per maternità, ha annunciato che tornerà ad allenarsi a inizio 2015 per puntare a qualificarsi per i Mondiali del prossimo anno.

Buoni risultati anche dalle altre gare in programma. Sui 400m maschili successo per Michele Tricca (Fiamme Gialle) che, sul rettilineo finale, ha la meglio sul compagni di club Marco Lorenzi: 47.09 e 47.37 i rispettivi tempi. Terzo gradino del podio per Luca Galletti (Carabinieri) con 48.06 davanti a Domenico Fontana (Fiamme Oro) con 48.48 e al campione italiano,allievi Brayan Lopez (Atl. Pinerolo) con 49.06. Sempre in campo maschile detto della vittoria sui 100m di Demonte c'è ancora da segnalare il secondo posto di Marcell Lamont Jacobs (Fiamme Oro) con 10.87 (-1.3) e il terzo di Alessandro Bramafarina (Athletic Club 96) con 11.16 (+0.8) mentre 11.18 (-1.3) il tempo di dello junior Ferdinando Mulassano (Atl. Mondovì). Nel salto in alto sale a 2,20m Andrea Lemmi (Fiamme Gialle) con Nicola Ciotti (Carabinieri) fermo a 2,09m; mentre nel peso il successo va all'inossidabile Paolo Dal Soglio (Carabinieri) con 17,35m. In campo femminile buon 11.63 (-1.3) sui 100m per la bulgara semifinalista a Zurigo Inna Eftimova. In chiave italiana 53,98m nel disco per Laura Bordignon (Fiamme Azzurre) davanti a Ambra Julita (Atl. Firenze Marathon) con 45,54m e alla junior Daisy Osakue (Sisport) con 43,34m. Nel salto in lungo torna in pedana Giulia Liboà (CUS Pisa) con 5,84m (-0.8) davanti alla peruviana Paola Mautino con 5,72m (-1.0) e a Laura Oberto (Atl. Canavesana) con 5,61m (+0.8). Da segnalare ancora sui 1500m il successo di Chiara Ferdani (Carispezia) con 4:37.53 e sui 400m di Aurora Casagrande Montesi (Sisport) con 58.48. 

(Myriam Scamangas/CR FIDAL Piemonte)

RISULTATI/Results

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia | Facebook: www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: