Nato a Milano il 19 dicembre 1907, deceduto a Daytona Beach negli Stati Uniti il 29 agosto 1990; alto 1.69 per 60 kg. Presenze in Nazionale: 25. Allenato da Dino Nai, primatista mondiale dei 1500 nel 1933 con 3:49.2 e 3:49.0, e delle 1000 yards con 2:10.0 il 4 novembre 1933 a Milano. Campione olimpico sui 1500 nel 1932, e campione europeo sulla stessa distanza nel 1934.

Da giovanissimo era un appassionato di ciclismo ed atletica, scelse la seconda dove, per tutta la carriera, seguì i consigli di Dino Nai, un veterinario che aveva praticato la velocità in gioventù. Stagione dopo stagione riuscì ad aumentare i carichi di lavoro, sovvertendo i canoni dell’epoca, fino a diventare — negli anni Trenta — il primo atleta italiano che si allenava anche due volte al giorno. La sua arma migliore, in gara, era lo spunto finale. È stato il primo e finora unico mezzofondista italiano (800-1500) che sia riuscito a vincere un oro olimpico, nel 1932 a Los Angeles. Alla vigilia di quei Giochi nei 1500 non era dato come favorito dagli esperti internazionali e tuttavia ha vinto in 3:51.2, suo personale e nuovo primato italiano. Ha raggiunto il massimo della forma nel 1933, quando prima ha eguagliato il record mondiale dei 1500 con 3:49.2 all’Universiade di Torino dopo un fiero duello con il neozelandese John Lovelock (3:49.8), fresco primatista mondiale del miglio; poi lo ha migliorato con 3:49.0 nell’incontro Italia-Inghilterra a Milano. Nel 1934 ha vinto sulla stessa distanza nella prima edizione dei campionati Europei, a Torino. Due anni dopo, ai Giochi olimpici di Berlino, si è piazzato terzo in 3:49.2 dietro Lovelock che in quell’occasione ha portato a 3:47.8 il primato mondiale, e l’americano Glenn Cunningham (3:48.4). Un terzo posto ai campionati Europei di Parigi del 1938 ha chiuso la sua vicenda per quanto riguardava le manifestazioni “globali”. Emigrato negli Stati Uniti, ha continuato tuttavia a gareggiare con discreto successo, soprattutto al coperto. È stato pure primatista italiano degli 800 metri con 1:50.6 (Firenze, 1933), succedendo ad Emilio Lunghi. Sul miglio ha corso in 4:09.0 durante una riunione indoor in America nel 1937.

Curriculum
Titoli italiani: 1500 1928, 1929, 1930, 1931, 1934, 1935, 1936, 1938 - 5000 1935
Giochi Olimpici: 1/1932 1500, 3/1936 1500
Campionati Europei: 1/1934 1500, 3/1938 1500

Performances 1500 metri
3:49.0 (1) Milano 17-9-33
3:49.2 (1) Torino 9-9-33
3:49.2 (3) Berlino 6-8-36
3:49.6 (1) Torino 15-10-33
3:50.6 (1) Budapest 14-6-36
3:51.2 (1) Los Angeles 4-8-32
3:51.3i (2) New York 27-2-37
3:52.1/5 (1) Milano 15-5-32
3:52.6 (1) Milano 10-6-34
3:52.8 (1) Milano 29-5-38

i = indoor

Condividi