Yeman Crippa tricolore e altre 3 medaglie



Il titolo italiano di Yeman Crippa è il risultato principale della spedizione trentina: accanto a lui anche l'argento di Lorenzo Pilati ed i bronzi dei siepisti Cont e Grimaz; ben tre quarti posti a firma di Prandi, Battistoni e Ndimurwanko

 

Il titolo italiano di Yeman Crippa è il risultato principale della spedizione trentina: accanto a lui anche l'argento di Lorenzo Pilati ed i bronzi dei siepisti Cont e Grimaz; ben tre quarti posti a firma di Prandi, Battistoni e Ndimurwanko
 

L'ultima gara della stagione regala l'ennesimo sigillo della carriera di Yeman Crippa: sabato pomeriggio a Jesolo il diciassettenne di Passo Daone ha messo le mani sul quarto titolo italiano su pista consecutivo, trionfando nei 1500 metri della rassegna tricolore under 18 al termine di una intensa sfida con l'altro giovane di origine etiope Yohannis Chiappinelli, allievo senese.

Un duello che ha finito col fiaccare la resistenza del toscano, calato nel finale e costretto a cedere il fianco allo spunto veloce del noneso Lorenzo Pilati (Atletica Valli di Non e Sole) che è così andato a conquistare la medaglia d'argento per completare la speciale doppietta trentina: 3'57"99 il tempo di Crippa, 3'59"73 il riferimento dell'allievo di Stefania Endrizzi. Ennesimo successo per Yeman, dunque. A diciassette anni ancora da compiere il campioncino allenato da Massimo Pegoretti può vantare in bacheca già 4 titoli italiani su pista, altrettanti nel cross più altri allori nella corsa in montagna e soprattutto il primato italiano dei 1500 (3'45"02) colto nello scorso luglio in occasione del sesto posto ai Mondiali under 18 di Donetsk. Un ruolino di marcia davvero impressionante. Ma l'argento di Jesolo vale una stagione anche per Pilati: una partenza lenta nei mesi primaverili aveva privato il clesiano della possibilità di partecipare alla rassegna iridata giovanile. Nel freddo autunnale il noneso ha quindi potuto sorridere, chiudendo in scia all'amico Yeman per cogliere il miglior risultato possibile, poi rinforzato dal sesto posto negli 800 metri del giorno successivo. Ma il mezzofondo trentino ha saputo regalare altre due perle, due medaglie di bronzo arrivate nei 2000 siepi e finite al collo dell'aquilotto Luca Grimaz (Atletica Trento cmb) e della lagarina Cumy Cont (Lagarina Crus Team). Entrambi si presentavano sull'anello dello stadio Picchi di Jesolo nel ruolo di possibili outsider ed entrambi sono riusciti a mettere un piede sul podio, completando nel migliore dei modi il proprio cammino di confidenza con le siepi.

Nella prova femminile, la vittoria non poteva sfuggire a Nicole Reina, ma la diciassettenne di Nogaredo ha trovato lo spunto per infilarsi nella scia dell'argento Eleonora Curtabbi per chiudere con il nuovo personale di 7'21"85 per essere poi imitata dal "rosso di Aldeno" Luca Grimaz, a sua volta protagonista del nuovo personale con 6'14"79 in una gara che ha registrato anche il sesto posto del giudicariese Alberto Vender (Atletica Valchiese), a sua volta veloce come non mai con 6'17"89. Quattro medaglie dal mezzofondo, tre legni dalle altre specialità, con i due gardesani Gabriele Prandi e Saskia Battistoni (Atletica Alto Garda e Ledro) a mancare di un nulla il podio pur al termine di eccellenti gare nei 400hs (55"11, nuovo personale) e negli 800 metri (2'18"33) e con la valsuganotta Noa Ndimurwanko (Gs Valsugana Trentino) costretta a rinunciare ad una (meritatissima) medaglia nel lancio del martello, concorso nel quale è mancata la brillantezza dei mesi primaverili che l'hanno condotta all'azzurro: per lei 59,23, un metro esatto in meno rispetto al bronzo.

Discorso analogo per Michele Nabacino (Lagarina Crus Team): la condizione non è quella di Donetsk ed il sesto posto nel mezzo giro di pista (22"81) è comunque risultato da salutare con un sorriso. A diciassette anni non si può certo pensare di essere al top per cinque mesi filati. Chi invece a Jesolo è arrivato in gran forma è l'altro noneso Francesco Odorizzi (Atletica Valli di Non e Sole), ottavo nei 1500 metri di Crippa-Pilati. Già, è stato proprio un mezzofondo ricco.

 

 

Tutti i risultati

 



Condividi con
Seguici su: