La fucilata di Ulisse: 6.68, secondo U20 di sempre

16 Gennaio 2022

Sui 60 di Ancona lo junior delle Fiamme Gialle aggancia Pavoni ed è a quattro centesimi da Tortu tra gli U20. La stagione inizia al top dopo il bronzo nella 4x400 a Tallinn e il record a Nairobi

 

Miglioramento di un decimo in un anno, ma anche secondo junior alltime dietro a grandissimi nomi dell’atletica azzurra: parliamo del pontino Angelo Ulisse, portacolori delle Fiamme Gialle allenato da Claudio Licciardello che ad Ancona, al PalaIndoor dove va in scena il consueto meeting al coperto, ha corso la finale dei 60 in 6.68: è il secondo di sempre, pareggiato Pierfrancesco Pavoni, e a soli quattro centesimi da Filippo Tortu (il già primatista italiano dei 100 e Pavoni sono gli unici due azzurri in finale ai Mondiali nella distanza regina).

Già baciato da un’annata, quella passata, eccezionale - col bronzo nella 4x100 a Tallinn e il primato italiano della staffetta veloce col quarto posto ai Mondiali U20 di Nairobi - Ulisse cresce a vista d’occhio e ad Ancona apre alla grande la stagione 2022, evidentemente già pronto per gli appuntamenti di rilievo, su tutti i tricolori al coperto e all’aperto.

Nella stessa gara di Ancona, bene Marco Ricci della Nissolino Sport con 6.71 cancella il vecchio 6.98 e fa gioire la sua squadra e il tecnico. 

Tra gli altri risultati del meeting, nel lungo 5,94 della triplista azzurra Ottavia Cestonaro (Carabinieri) e nell’alto 2,08 per l’allievo Mattia Furlani (Studentesca Rieti Milardi) che poi sbaglia due volte a 2,12, prima di un ultimo errore alla quota di 2,16 con cui avrebbe superato la migliore prestazione italiana under 18 al coperto.

ch.di.




Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate