Super Eleonora Marchiando: 56"58 sui 400 metri a Orvieto, nella gara di selezione per i mondiali...!




 

Per comporre la squadra dei Mondiali Allievi di luglio a Donec'k la Fidal ha inserito nei Campionati Nazionali Libertas di Orvieto una gara di selezione sui 400m femminili, per la quale ha convocato tutte le allieve che hanno realizzato o sfiorato il minimo (57"60).

L'altro ieri, sabato 21, Eleonora Marchiando (Atletica Sandro Calvesi, classe 1997), con uno spettacoloso finale, ha conquistato il secondo posto in 56"58, migliorando di quasi un secondo quel 57"51 che a Torino, in maggio, le aveva assicurato il minimo e il nuovo primato valdostano di categoria.

La gara è stata vinta di pochi centimetri da Eleonora Vandi (Atletica Avis Macerata, classe 1996) in 56"07, primato stagionale.

Nella graduatoria stagionale Eleonora Marchiando è ora terza, dietro alla Vandi e a Elena Bellò (Atletica Vicentina, unica assente a Orvieto), che aveva corso a Roma l'8 giugno in 56"10.

Ai Mondiali Allievi l'Italia dovrebbe schierare due atlete. La situazione è interessante poiché Eleonora Vandi e Elena Bellò sono anche prima e seconda nella graduatoria degli 800 metri (rispettivamente con 2'09"88 e 2'10"23) e la loro partecipazione su questa distanza porrebbe Eleonora Marchiando in pole position per il posto in squadra sui 400.

La decisione finale spetta al responsabile del settore giovanile Stefano Baldini (indimenticabile campione olimpico di maratona ad Atene 2004), che, come ha dichiarato, sceglierà sulla base di motivi tecnici oggettivi.

Gli appassionati valdostani che frequentano il Campo Tesolin conoscono bene Eleonora Vandi, che ogni estate si allena qui con noi con i genitori a la sorellina Elisabetta. Eleonora è figlia di Valeria Fontan (a suo tempo nazionale nei 400m) e del mezzofondista Luca Vandi (anche lui in nazionale). Il suo nonno è perciò quel Felice Fontan, aostano, che nel 1960, per i colori della Cogne corse gli 800 in 1'50"4.

Per partecipare alla selezione Eleonora Marchiando ha dovuto rinunciare ai concomitanti campionati italiani di prove multiple, dove poteva legittimamente puntare alla zona medaglie.



Condividi con
Seguici su: