Federica Dal Ri tricolore di maratona a Verona

20 Novembre 2017

Federica Dal Ri ha raccolto a Verona il secondo titolo tricolore assoluto del 2017: vittoria nella maratona scaligera e settimo tricolore della carriera, il primo su strada.


 

Finisce con la piccola Chiara, quattro anni compiuti a luglio, che indossa la maglia tricolore. Insieme a lei c’è la mamma Federica Dal Ri: ha appena vinto il settimo titolo italiano assoluto della sua carriera, ma finora ci era riuscita nella corsa campestre (l’ultimo pochi mesi fa alla Festa del Cross di Gubbio) e su pista (all’aperto e indoor), non su strada. Anche al femminile, una donna sola al comando e in questo caso per il successo nella Veronamarathon, oltre che nella rassegna tricolore. Il termometro segna 5 gradi alla partenza, ma il cielo è sereno. Nei primi chilometri si viaggia a una media di 3:38 ogni mille metri, per una proiezione sotto 2h34. Al giro di boa l’intermedio della trentina è 1h17:25 con un buon vantaggio su Teresa Montrone (1h18:47) che precede di un minuto la coppia formata da Claudia Pinna e Anna Spagnoli (1h19:48), mentre comincia a staccarsi Elisa Stefani (1h19:59). La seconda parte di gara è meno rapida con il successo in piazza Bra alla portacolori dell’Esercito (2h37:45), bronzo a squadre nel cross corto ai recenti Mondiali militari in Ungheria e moglie della colonna azzurra Gabriele De Nard. Per la terza volta corre in meno di 2h38, come nelle ultime due maratone di Padova (2h37:05 nel 2016 e 2h37:54 quest’anno). “Vincere un titolo italiano è sempre un onore - racconta - e quello su strada mi mancava. Ho impostato una gara sui miei ritmi, speravo in un crono più basso ma dal 27° chilometro ho iniziato a sentire la fatica. Da lì in poi ho corso con il cuore e anche grazie al tifo del pubblico ce l’ho messa tutta fino alla fine. Mi sono detta: goditi il viaggio e le sensazioni che può darti, perché la maratona è un viaggio”. Dietro si migliora Teresa Montrone (Alteratletica Locorotondo, 2h38:55): la 29enne pugliese di stanza a Trieste, sorella del canottiere bronzo olimpico Domenico, aveva un personale di 2h39:04 colto in primavera a Milano. Ancora più netto il progresso della 45enne Anna Spagnoli (Edera Atl. Forlì, 2h39:09), rispetto al 2h42:33 ottenuto a Ravenna nel 2015 quando arrivò seconda nella rassegna nazionale.

 

Tra gli uomini festeggia il secondo titolo consecutivo sui 42,195 chilometri Ahmed Nasef (Atl. Desio), 42enne di origine marocchina e monzese d’adozione, in 2h16:53.

 

CAMPIONI ITALIANI MASTER 2017 DI MARATONA
UOMINI

SM35: Luca De Francesco (Atl. Mds Panariagroup Sassuolo) 2h28:46
SM40: Ahmed Nasef (Atl. Desio) 2h16:53
SM45: Cristian Cocco (Pod. Amatori Olbia) 2h33:41
SM50: Emanuele Piacentini (3,30 km Road & Trail Running Team Formigine) 2h29:55
SM55: Roberto Piazzi (Fò di Pe Valbrembo) 2h49:44
SM60: Virginio Trentin (Atl. San Biagio) 2h53:27
SM65: Carluccio Bordoni (2002 Marathon Club Sondrio) 3h06:29
SM70: Francesco Diana (Amatori Vesuvio) 3h29:05
SM75: Giovanni Ronco (Gioia Running) 4h10:15
SM80: Giulio Natale Ambruschi (Runners Bergamo) 4h09:48
SM85: Antonino Caponetto (Maratona d’Italia Sport Carpi) 4h20:11 (MPI, record europeo M85)

DONNE
SF35: Federica Dal Ri (Esercito) 2h37:45
SF40: Claudia Pinna (Laguna Running) 2h39:43
SF45: Anna Spagnoli (Edera Atl. Forlì) 2h39:09
SF50: Milena Grion (Tre Casali San Cesario) 3h11:41
SF55: Annamaria Caso (Napoli Nord Marathon) 3h18:10
SF60: Giovanna Ferrarini (Bipedi Vigolzone) 3h47:23
SF65: Rosetta Strancone (Cosenza K42) 5h06:45
SF70: Giovanna Mondini (Marathon Cremona) 4h20:32

 

File allegati:
RISULTATI/Results



Condividi con
Seguici su: