Benati, Guerra, Caldarini: Lazio boom a Rieti

17 Giugno 2018

Ai Tricolori Allievi cinque titoli italiani nell'ultima mattinata del Guidobaldi. Prime le staffette 4x400 dell'Atletica Roma Acquacetosa e della Studentesca Milardi


 

Si sono conclusi i Campionati Italiani Allievi di Rieti nel migliore dei modi per l’atletica laziale con le due vittorie nelle staffette 4x400 da parte di Studentesca Milardi al femminile e Atletica Roma Acquacetosa al maschile. Grandi protagonisti di giornata sono stati Lorenzo Benati che vince due titoli nei 400 e con la staffetta 4x400, Livia Caldarini anche lei doppietta nei 1500 e nella staffetta a distanza di un’ora, e Francesco Guerra che completa la sua personale doppietta 3000-1500. Con questi 5 titoli nella giornata conclusiva la spedizione degli atleti laziali al campionato italiano di casa chiude con 7 ori, 4 argenti e 2 bronzi.

TUTTI I RISULTATI DEI CAMPIONATI ITALIANI DI RIETI

GUERRA CONCLUDE LA DOPPIETTA — L’atleta della RCF Roma Sud non lascia scampo ai suoi avversari anche nei 1500 e bissa la vittoria di ieri nei 3000. Come al femminile, gara tattica fino allo strappo decisivo di Francesco Guerra che con un ultimo 500 da urlo stacca nettamente gli avversari di oltre 4” con il suo 4:00.63. In finale con Guerra, Marco Ranucci (Studentesca Milardi) porta a casa per la Studentesca e per l’atletica laziale un'altra medaglia di legno. Il reatino infatti paga il cambio di ritmo del corregionale e si doveva accontentare del quarto posto in 4:07.55.

BENATI DOMINA I 400 — Il re tra gli under 18 nei 400 metri non poteva non essere Lorenzo Benati (Atl. Roma Acquacetosa). Il ragazzo allenato da papà Mario è partito accorto distribuendo molto bene tutta la gara. Nella seconda parte è accelerato andando a vincere con 47.51. Il suo personale di 47.08 corso a Modena alla prima uscita stagionale non è lontano e adesso agli Europei di Gyor proverà a scendere sotto il muro dei 47 secondi.

CALDARINI ORO DI GRINTA — Che gara per Livia Caldarini (Studentesca Milardi) che ricorderà per tutta la vita l’ultimo rettilineo del suo 1500.

L’atleta della società di casa in ultima serie, la più forte sotto il punto di vista dei tempi, fa tremare tutto il pubblico insieme alle sue compagne di avventura. Partite lente solo un ultimo 500 da capogiro permette alle atlete più accreditate di giocarsi le medaglie. Proprio la Caldarini prova a scappare al suo della campanella seguita da Susanna Marsigliani della Fanfulla Lodigiana, che la supera a 150 metri dall’arrivo. Rabbia, grinta e tanta voglia di vincere poi permettono alla Caldarini di spuntarla negli ultimi 30 metri sulla lombarda e di prendersi il titolo con 4:38.25.

STAFFETTE D’ORO — Si chiude in bellezza per l’atletica laziale con le maglie tricolori per la staffetta 4x400 dell’Atletica Studentesca Rieti Andrea Milardi tra le allieve e l’Atletica Roma Acquacetosa tra gli allievi. Senza storia la vittoria della Studentesca Milardi con Alexandra Le Lerre, Livia Caldarini al secondo oro di giornata, Ginevra Ricci e Chiara Gherardi che porta il testimone al traguardo in 3:51.90. Entra nelle 8 anche la squadra delle Fiamme Gialle Simoni: Noa Fiorani, Federica Tozzi, Elena Coppo e Yasmin Scirocchi chiudono settime con 3:57.97. Al maschile i ragazzi dell’Acquacetosa Michele Parisi, Luca Mastrangeli e Yared Gavrila svolgono un grandissimo lavoro per poter dare il testimone in prima posizione a Lorenzo Benati che gestisce il vantaggio, apre il gas nell’ultimo rettilineo e porta alla vittoria il sodalizio romano con 3:21.51. Quarto posto invece per la Studentesca Milardi con Claudio Bisegna, Abdelaziz Moussaoui, Michele Esposito e Luca Spizzichino che provano invano a raggiungere il terzo posto con il tempo di 3:24.78.

COLACECI AD UN PASSO DAL PODIO — Giulia Colaceci (Fiamme Gialle Simoni) nella finale del salto con l’asta dove era presente anche Chiara Verola (Atl.Roma Acquacetosa), arriva quarta ad un soffio dal terzo posto.

La Colaceci che prima di Rieti aveva un personale di 3,50 saltato ad Ancona, supera l’asticella a quota 3,55 al primo tentativo per poi provare l’attacco al podio a 3,65. Per lei tre errori a questa misura che la relegano in quarta posizione finale. Anche Chiara Verola conduce una bellissima finale di salto con l’asta dove arriva settima con il nuovo record personale di 3,50, precedente 3,40. 

OTTOVEGGIO QUARTA — Altra medaglia di legno per gli atleti laziali con Federica Ottoveggio (Fiamme Gialle Simoni) nel salto triplo. L’atleta del sodalizio di Ostia arriva quarta ma soddisfatta del suo 12,10/+0.6 saltato al quinto turno di finale. Con questo piazzamento la Ottoveggio conferma il quarto posto indoor di Ancona

BIELLA IN FINALE B — Matilde Biella (ACSI Italia Atletica) dopo la grande prova di ieri nella finale dei 400 ostacoli dove è arrivata terza, si qualifica anche per la finale B nei 100 ostacoli con il tempo di 14.50 /-0.1. Nella finale dal nono al sedicesimo posto arriva terza con 14.54/+1.2.

SFIDA LAZIALE — Nella finale del lancio del disco erano presenti Nathan Fiore (Fiamme Gialle Simoni) e Pietro Peron (Studentesca Milardi). I due sono stati i primi esclusi dagli ultimi tre lanci di finale con rispettivamente il nono ed il decimo posto. Le loro misure: 45,69 per Fiore e 44,24 per Peron.

FINALE AMARA — Andrea Frulio (Fiamme Gialle Simoni) era sicuramente atleta da finale ad 8 nel salto triplo ma non ha trovato il giusto feeling nel suo Hop-Step-Jump e non ha superato il nono posto finale con 13,65/-0.1, primo degli esclusi.

DELUSIONE PAVONI — Il favorito Francesco Pavoni (Esercito Sport&Giovani) nel salto in alto incappa nella giornata no. L’atleta romano già ieri in qualificazione aveva dimostrato di non essere in palla, con un errore alla prima prova di 1,92. Qualificazione poi per la finale che lo vede avere ancora problemi con il valicamento dell’asticella. Un errore alla misura di entrata a 1,85, poi 1,90 senza problemi e infine arrivano i tre errori a quota 1,95 che lo relegano alla settima posizione finale.

Lorenzo Bufalino


La 4x400 della Studentesca Milardi campione d'Italia (foto Maurizio De Marco)


Condividi con
Seguici su: