Trionfo keniano alla Corribianco 2013




 

Podio_Corribianco2013Alla 12^ edizione della Corribianco, manifestazione internazionale di corsa su strada, ha vinto l'Organizzazione che è riuscita a coinvolgere nello spettacolare evento sportivo diverse migliaia di spettatori che hanno assistito alle diverse gare disputate sul lungomare di Bianco, in una magica notte estiva di fine luglio, quando il caldo e una discreta umidità hanno avuto un ruolo alquanto determinante. E' stata una grande festa, vuoi per le gare promozionali, disputate nel tardo pomeriggio e alle quali hanno preso parte tantissime giovani speranze calabresi, vuoi per tutto quello che ha rappresentato il corollario all'evento, dove le attrazioni extra sportive non sono mancate e che hanno coinvolto il numeroso pubblico.

La manifestazione è stata gestita dal Gruppo Giudici Gare della Fidal, supportato dall'equipe della TDS (Timing Data Service) nelle ultime gare riservate al settore assoluto e master. Così come alla conferenza stampa del giorno di sabato 27, presenti, durante tutto il corso delle gare, il Primo Cittadino di Bianco - Prof. Antonio Scordino, Il Consigliere Federale Francesco Pignata, il Presidente del Comitato Regionale della Fidal Calabria Ignazio Vita e, ovviamente, Mario Carone con tutto il suo staff organizzativo, impegnati fino a tarda notte a garanzia della migliore riuscita della manifestazione. In una cornice così luccicante, considerato l'evento notturno, le stelle del fondo e mezzofondo keniano hanno brillato ancor di più, grazie alla grinta che hanno messo nella gara, tanto da regalare al traguardo il miglioramento del record della corsa. Infatti, col tempo di 28:06 il keniano Emmanuel Kipsang, dopo aver condotto gli ultimi tre giri del percorso sempre in testa la gara, ma stimolato dal connazionale Wilson Kiprop, vincitore della edizione 2013 dei Campionati Mondiali di mezza maratona, riesce in un allungo estenuante, concluso con un guizzo decisivo rispetto al secondo arrivato, ad avere la meglio sul traguardo e salire sul gradino più alto del podio, anche se non è riuscito a scendere sotto il muro dei 28 minuti. Il dominio degli atleti del Kenia era scontato, tanto che hanno conquistato le prime otto posizioni, lasciando il gruppetto degli atleti top italiani a disputarsi la volata del gruppo degli inseguitori che, senza nulla demeritare, hanno onorato la competizione, producendosi in una lotta serrata che, alla fine, ha visto prevalere il calabrese Andrea Pranno, in forza alla ASD Parco Alpi Apuane a allenato da Maurizio Leone, che ha la meglio su Giovanni Gualdi (Fiamme Gialle) e Denis Curzi (G.S. Carabinieri). A seguire il quasi quarantenne Gabriele De Nard (Fiamme Gialle), che non si è lasciato certo intimorire e ha dato il meglio di se per onorare la sua partecipazione alla Corribianco. Numerosi gli arrivi che si sono susseguiti sul traguardo ad opera dei tanti atleti assoluti e soprattutto master, che hanno voluto essere presenti ad una gara così importante. Anche in campo femminile predominio netto delle atlete di colore, che hanno dato spettacolo nel corso della gara a loro riservata, ma in questa gara il predominio della keniana Kibarus Mercy è stato netto sul lotto delle avversarie, tanto da concludere solitaria al traguardo, dopo aver percorso i sei chilometri previsti senza altre atlete a farle sentire il "fiato sul collo" e fermando i cronometri sul tempo di 21:28. Scaglionate sono giunte nell'ordine Zeddi Limo Jeroy (Kenia) che chiude in 22:33; al terzo posto l'etiope Asmera Bekele Worbeka che conclude col tempo di 22:44. Dopo la quarta arrivata, la keniana Jepchire Rebecca Korir (23:01), si produce in un poderoso stacco finale Palma De Leo, valida esponente del mezzofondo calabrese che, se pur mamma di due bei pargoli, riesce a entusiasmare per la grinta in gara e chiudendo in un rispettabile 23:50, riesce ad avere la meglio sull'altra keniana Jon MassaH Cherop (24:04). Buona la prova di altre quattro calabresi in gara che seguono sulla linea d'arrivo: al settimo posto si piazza la marciatrice Alessia Costantino (Atletica Reggina) che completa la gara in 26:02; dietro di lei l'intramontabile Teresa Latella (Podistica Messina) col tempo di 27:05; seguono nell'ordine Laura Giofrè ed Elisabetta Grasso, entrambe rappresentanti dell'Atletica San Costantino che ottengono il tempo di 27:31 e 28:34. Alla fine delle gare, dopo la mezzanotte, la cerimonia di premiazione per i primi tre arrivati di ogni gara che vengono premiati dalle autorità presenti e il doveroso "arrivederci alla edizione 2014" è stato il saluto che l'eccezionale speaker della manifestazione Paolo Mutton ha voluto dare al numeroso pubblico ancora presente, nonostante la tarda ora.

(pino pignata)



Condividi con
Seguici su: