Moroni sfreccia, pioggi di record

15 Gennaio 2017

La velocista della Libertas Arcs Cus Perugia è la seconda in Italia nei 200 con 24"49. Le alfiere dello Csain ottengono il primato junior negli ostacoli e nell'alto, Pagnini domina i 400


 

Fine settimana super per l’atletica indoor umbra. Dalla Francia arrivano le notizie di due temponi da parte di Micaela Moroni (Lib. Arcs Cus Perugia) che dopo aver migliorato con 7”65 lo storico primato regionale di Beatrice Alfinito nei 60, ha corso i 200 in un sensazionale 24”49 (secondo crono assoluto dell’anno in Italia).

Ma i primati regionali non sio fermano qui. Ad Ancona Martina Mazzola (Csain Perugia), fresca del limite ottenuto la settimana precedente nel pentathlon (junior e assoluto), si è presa anche il limite nel salto in alto con 1.61. E’ durato appena una settimana il primato regionale junior dei 60 ostacoli: sette giorni fa aveva migliorato il suo limite Nadine Santificetur (Lib. Arcs Cus Perugia) portandolo a 9”33. Questa volta ci ha pensato Francesca Castellani (Csain Perugia), che già una settimana fa si era fermata ad un centesimo dal limite, ad abbassarlo a 9”30, con la Santificetur che si è confermata su suoi livelli correndo in 9”34: sotto il minimo per i campionati italiani anche Aurora Gori (Lib. Arcs Cus Perugia, 9”45).

Nella stessa gara al maschile terzo posto con 9”68 per l’altro junior dello Csain Jernie Pasahol.

Dopo il bell’esordio nei 200, Alex Pagnini (Atl. Capanne) si conferma dominando i 400 metri ad Ancona con il crono di 49”06 e correndo in un ottimo 7”01 la batteria dei 60 metri. Qui brilla anche l’allievo della Winner Foligno Giovanni Bianchi (7”14 e 7”16 in finale) che ottiene il minimo per gli italiani. Nei 200 bene i suoi compagni di squadra con Jacopo Cerquaglia che si conferma il più in forma con 23”66 ma positivi anche i riscontri di Alessandro Ricci (23”98) e Marco Angelucci (24”02).

Buoni riscontri anche dal mezzofondo con Giulia Giorgi (Lib. Srcs Cus Perugia) che ha corso gli 800 metri in 2’19”38.

Non solo Ancona: da Roma ecco i bei balzi di Federico Conti (Atl. Capanne), capace con 13.93 di ottenere la seconda misura in carriera nel salto triplo (non distante dal 14.10 che rappresenta il minimo per i campionati italiani promesse), ed Eleonora Schertel (Libertas Arcs Cus Perugia) che nel salto in alto ha valicato l’asticella posta a 1.70. Da segnalare anche l’esordio in maglia Libertas Arcs Cus Perugia di Francesca Zafrani (3.20 nell’asta) e di Delia Bordonaro (8”07 in finale nei 60 dopo l’8”08 in batteria).  

 

 


Francesca Castellani


Condividi con
Seguici su: