Festa dell'Atletica valdostana 2011




 

Al Palaindoor, sabato 9 aprile alle 16.00, premieremo i nostri giovani più promettenti e i nostri master più titolati. In mezzo, nelle categorie assolute, stiamo lentamente e faticosamente ricostruendo.

Progetto "Dalla quantità alla Qualità", ricerca dei talenti, formazione permanente mediante corsi, seminari e convegni, aggiornamento tecnologico del parco apparecchiature di cronometraggio, misurazione, supporto videografico ai Giudici, sofisticati dispositivi di controllo del training, non si può certo dire che Comitato, tecnici e dirigenti di società stiano fermi.

Basterà?

Un vertice molto alto della piramide presuppone una base ampia, ma non è vero il contrario. Allargare la base non offre nessuna garanzia della nascita di campioni. E quand'anche ne affiorasse qualcuno, serve la capacità di accorgersene per tempo, di seguirlo nel modo giusto, di saperlo accompagnare in un lungo e difficile percorso tecnico. Soprattutto non si deve aver fretta né pensare che le sue prestazioni, i suoi risultati, siano sicuramente merito nostro. In particolare, bisogna saper accettare i propri limiti tecnici e culturali e vincere la tentazione delle scorciatoie. Allenare un giovane di grande talento è come leggere un bel libro, non come scriverlo. Leggerlo e capirlo, trattarlo con delicatezza, evitare con cura di rovinarlo con annotazioni deturpanti sui margini. E' già un gran merito leggere, meglio ancora è capire ciò che si legge, infine essere in grado di apprezzare ciò che si è capito e, solo a questo punto, trarne insegnamento. Attenzione alle crisi d'identità: l'autore non siamo noi, non giochiamo al gioco di Dio. I nostri migliori atleti non sono una proiezione del nostro ego o uno strumento per la nostra affermazione personale, sono l'obiettivo della difficile e disinteressata missione dell'allenatore.

Va di moda parlare per fattori. A noi interessa che il fattore R cresca sano di mente e di corpo e sviluppi in modo corretto il fattore U, evitando i danni dei nostri fattori E e I, che si sommano nel fattore P.

Buona Festa dell'Atletica a tutti.



Condividi con
Seguici su: