Un grande Stefano Braga agli Assoluti Indoor con 7,75 nel lungo




 

Nella seconda giornata dei Campionati Italiani Indoor Assoltui ad Ancona grande prestazione per Stefano Braga (Atl. Piacenza) che conquista la medaglia di bronzo, con la misura di 7,75, che è il suo primato personale assoluto e il primato regionale indoor promesse.

Braga, vincitore del titolo italiano promesse 2 settimane fa ad Ancona (5° titolo nazionale vinto in carriera), ha iniziato la serie di salti con 7,57 che lo ponevano al 4° posto in classifica, dopo Stefano Tremigliozzi (Aeronautica) 7,79, Emanuele Catania (Fiamme Gialle) 7,65 e Emnuele Formichetti (Atl. Studentesca Ca.Ri.RI) 7,58. Dopo un nullo al secondo turno e 7,48 al terzo, arrivo al quarto turno il salto di 7,75, con il quale si inserisce al 3° posto dopo Tremigliozzi (8,06 al 2° turno) e il bolognese Alessio Guarini (Fiamme Oro) a 7,83. La situazione non muta nei 2 salti finali. Per Braga 7,75 migliora il suo precedente limite di 7,68, realizzato in occasione della vittoria ai Campionati Promesse. I suoi salti migliori sono stati tutti realizzati nella stagione indoor: dopo il 7,75 di oggi e il 7,68 di 15 giorni fa, ci sono 7,62 ai Campionati Juniores 2012, 7,55 ai Campionati Regionali di Modena il 2 febbraio di quest’anno e 2 volte 7,45 fra il 2011 e 2012; e finalmente troviamo il suo miglior risultato all’aperto, che è 7,42 ottenuto con il 3° posto ai Mondiali Allievi di Lille 2011, ma con vento +3,0; il suo miglior risultato outdoor “regolare” e ormai pronto per essere abbondantemente superato, è quindi 7,37 ottenuto sempre a Lille 2011, in qualificazione.

Per quanto riguarda il primato regionale promesse, il 7,75 supera di 2 cm il precedente limite di Simone Bianchi, stabilito nel 1995 ed è anche la quarta prestazione nazionale indoor promesse di sempre dopo Andrew Howe 8,30 (2007), Giovanni Evangelisti 8,10 (1982) e Stefano Dacastello 7,83 (2001).

La medaglia di bronzo di Braga non è però oggi quella più pregiata vinta da un atleta (tesserato) nella nostra regione. C’è stato infatti anche il 2° posto nel peso di Paolo Dal Soglio (Carabinieri) con 18,50, superato negli ultimi 2 lanci dal suo “allievo” Daniele Secci (18,51 e poi 18,64).

Un altro 3° posto è stato invece conquistato da Gabriele Bizzotto (Cus Parma) negli 800 metri con 1.51.86, a 1/100 dal 2° posto di Mohad Bdikadrsheika (Aeronautica), mentre il titolo è stato vinto da Giordano Benedetti (Fiamme Gialle) con 1.50.25.

Il bottino finale per l’Emilia Romagna a questi Campionati Assoluti Indoor è quindi di 2 primi posti con Schembri nel triplo e Giupponi nella marcia, un 2° posto con Dal Soglio nel peso e 3 terzi posti con Judit Varga nei 1500, Bizzotto negli 800 e Braga nel lungo.

Questi gli altri principali piazzamenti ottenuti dagli atleti della Emilia Romagna nella seconda giornata di Ancona.

Uomini. 60 metri: Lorenzo Bilotti (Atl. Imola Sacmi Avis), campione italiano promesse 2014, conquista l’accesso alla finale con 6.84 in batteria. In finale si piazza al 7° posto con 6.91.

800 metri: nutrita presenza di atleti della nostra regione, con il già citato Bizzotto al 3° posto con 1.51.86. Nella stessa terza serie c’era anche Yassine El Houdni (Fratellanza 1874 Modena), 6° con 1.52.35 e 7° assoluto, mentre nelle 2 serie precedenti, erano in gara Damiano Guerrieri (Corradini Rubiera) 13° assoluto con 1.53.02, Yassin Bouih (Atl. Reggio) 16° con 1.54.27 e Riccardo Tamassia (Fratellanza) 2° nella seconda serie con 1.52.46 e 8° assoluto.

4x200: 11° posto per la Virtus Emilsider Bologna con 1.30.90, con Andrea Pedrelli, Gabriele Hazmi, Simone Monzani e Marco Gianantoni.

Alto: nella gara in cui c’è stato il primato nazionale di Marco Fassinotti (Aeronautica) con 2,34, 6° posto per Ferrante Grasselli (Fratellanza) e 8° per Nicola Ciotti (Carabinieri), entrambi con 2,15.

Lungo: oltre al 3° posto di Braga, c’è anche il 7° di Camillo Kaborè (Carabinieri) con 7,56, mentre incappa in 3 salti nulli Riccardo Serra (Fratellanza).

Peso: 8° posto per Giacomo Drusiani (Fratellanza) con 15,60.

Donne. 60 metri: 7.63 in batteria per Federica Giannotti (Atl. Reggio) non sufficiente, sia pure per poco, per accedere alla finale.

800 metri: dopo il 3° posto di ieri nei 1500, Judit Varga (Edera Forlì) si piazza all’8° posto negli 800 con 2.10.30.

3000 metri: 10° posto per Claudia Finielli (Atl. Reggio) con 9.55.68 e 11° per Veronica Paterlini (Cus Parma) con 9.56.76.

4x200 metri: 6° posto per il Cus Parma (Ambra Gatti, Elisa Caviglia, Sara Dall’Aglio e Ayomide Folorunso) con 1.40.49, vincitrice della serie sulla carta meno veloce, che per pochi centesimi non arrivano sul podio.

Giorgio Rizzoli

 

 



Condividi con
Seguici su: