Trofeo delle Regioni: Master protagonisti

17 Luglio 2018

A Misano Adriatico (Rimini), nella terza edizione della rassegna per rappresentative “over 35”, vincono gli uomini dell’Emilia-Romagna e le donne della Toscana


 

Alla sua terza edizione, il Trofeo delle Regioni Master su pista si conferma ormai un appuntamento fisso del calendario. Quest’anno nel pieno della stagione estiva a Misano Adriatico, in provincia di Rimini, per la vittoria al maschile dell’Emilia-Romagna mentre le donne della Toscana festeggiano il secondo urrà dopo quello del 2016. Tra gli uomini i padroni di casa con 49,5 punti chiudono davanti a Marche (53) e Veneto (55), più distanti Puglia (84), Toscana (84,5) e la Lombardia (91,5) che aveva fatto l’en plein nell’ultima occasione. Al femminile il successo si decide per un solo punto con il Veneto al secondo posto (60,5 contro 61,5), poi terza l’Emilia-Romagna (70) seguita da Lombardia (73), Alto Adige (97) e Marche (106).

In chiave individuale applausi per Emma Mazzenga (Atl. Insieme Verona). L’intramontabile padovana torna in gara a distanza di due anni e diventa la prima donna italiana a mettersi alla prova sui 100 metri SF85 con il tempo di 21.58 (-0.3). E potrebbe provare a riscrivere nuovamente i record internazionali dopo aver compiuto gli anni, tra un paio di settimane, visto che è nata il 1° agosto. Le altre migliori prestazioni nazionali stabilite in questo evento portano la firma di Anna Maria Camoletto (Atl. Canavesana) con 35,18 sulla pedana del martello SF60, nella gara vinta in base alle tabelle di punteggio da Maria Luisa Fancello (SF75/Assi Giglio Rosso Firenze) grazie a un lancio di 33,27, ma anche delle marciatrici Elena Cinca (SF45/Atl. Brugnera Friulintagli, 15:06.20) e Maria Luisa Mazzotta (SF80/Running Club Lecce, 27:55.21) con il successo in questo caso per Daniela Ricciutelli (SF60/Liberatletica Roma, 17:16.05) sui 3000 metri dedicati agli specialisti del tacco e punta, caratterizzati da una notevole partecipazione.

Tanti i risultati di spicco, come quelli dei 1500 metri al femminile con l’ennesima cavalcata di Gloria Marconi (SF50/La Galla Pontedera Atletica), che in 4:48.54 avvicina il limite realizzato appena una settimana prima a Firenze (4:48.20) però fa meglio rispetto al crono-record della rassegna tricolore di Arezzo (4:49.32) per lasciarsi alle spalle Enrica Carrara (Atl. Lumezzane, 4:55.37). Sempre più veloce la quattrocentista Lucia Pollina (Cus Palermo): al penultimo anno di categoria SF40, correndo in 57.66, si porta a un soffio dal primato di Emanuela Baggiolini (57.54).

Nelle gare maschili ancora in grande spolvero Livio Bugiardini (SM70/Sef Macerata) con 13.20 (+0.6) sui 100, preceduto dall’ex iridato Mauro Graziano (SM50/Atl. Canavesana, 11.65/+0.7), e quindi sui 400 in 1:01.88. Per il celebre portiere Lamberto Boranga (Olimpia Amatori Rimini) arriva a quota 1,35 la vittoria nell’alto sfiorando di un centimetro il primato SM75, invece sui 1500 metri 4:36.97 di Alfredo Bonetti (SM60/Atl. Biotekna Marcon). Doppietta in famiglia con i fratelli Costantini (Gs Atl. Effebi Fossombrone): Paolo spedisce a 40,31 il disco SM70 e Giuliano atterra a 10,63 (+1.1) nel triplo SM65. La manifestazione, alla presenza del consigliere federale Gerardo Vaiani Lisi e per l’organizzazione dall’Atletica Santamonica Misano guidata dalla presidente Francesca Mantellato e da Licia Pari, ha visto in gara ben 15 squadre tra cui per la prima volta quella della Sicilia, a dimostrazione di come questo confronto tra rappresentative sia sempre più sentito a livello nazionale.

l.c.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results


Condividi con
Seguici su: