Trieste: Siragusa 11.41, a segno Fofana

07 Luglio 2021

Al Triveneto Meeting la staffettista azzurra pareggia lo stagionale nei 100 metri, l'ostacolista vince nei 110hs con 13.62. Mangione migliore delle italiane nei 400: 52.68

 

C’era attesa per gli azzurri con il biglietto per Tokyo, al Triveneto Meeting di Trieste. E nello sprint, sulla pista dello stadio Grezar, non tradisce la primatista italiana della staffetta 4x100 Irene Siragusa (Esercito), seconda nei 100 metri con lo stagionale eguagliato di 11.41 (-0.2), battuta soltanto dalla giamaicana Shockoria Wallace (11.32) e davanti all’altra jam Kasheika Cameron (11.48) e all’australiana Jacinta Beecher (11.54). Quinta Alessia Pavese (Aeronautica, 11.62), sesta Johanelis Herrera (Aeronautica, 11.70, dopo l’11.65/+0.4 della batteria). La velocista senese pareggia il proprio miglior risultato dell’anno che aveva realizzato a Kladno, in Repubblica Ceca, nella stessa giornata del 22.99 nei 200 metri, e si prepara a volare alle Olimpiadi dove farà parte del gruppo-staffetta. Nei 110hs, un altro dei convocati azzurri per i Giochi, Hassane Fofana (Fiamme Oro), si aggiudica la gara con 13.62 (-0.7), nell’ultima uscita pre-Tokyo: l’azzurro si lascia alle spalle il colombiano Yohan Chaverra (13.71) e lo statunitense Jarret Eaton (13.78). Alice Mangione (Esercito) è la migliore delle italiane nei 400 metri: la tricolore chiude al terzo posto con il tempo di 52.68, dietro a Sada Williams (Barbados, 51.60) e Junelle Bromfield (Giamaica, 51.77). La sudafricana Dalene Mpiti (52.96) mette in fila le altre italiane: quinta Virginia Troiani (Cus Pro Patria Milano, 53.48), sesta Raphaela Lukudo (Esercito, 53.62), settima al rientro dopo quattro mesi Rebecca Borga (Fiamme Gialle, 53.70), ottava Ayomide Folorunso (Fiamme Oro, 53.77). Nella serie meno quotata, 53.44 per Alexandra Troiani (Cus Pro Patria Milano). 

Nelle altre gare sul rettilineo, non demerita Alex Zlatan (La Fratellanza 1874 Modena), terzo nei 100 metri con 10.38 (+0.1), superato dal sudafricano Chederick Van Wyk (10.24) e dal nigeriano Jerry Jakpa (10.33). Vittoria per Giada Carmassi nei 100hs: la friulana della Brugnera Friulintagli si impone con 13.26 (+0.9) ai danni della sudafricana Taylon Bieldt (13.40), della portoghese Catarina Queiros (13.41) e di Giulia Latini (Carabinieri, 13.50). Negli 800 ancora una buona prova di Catalin Tecuceanu (Silca Ultralite Vittorio Veneto), davanti a tutti con 1:46.48, e si migliora di nuovo Abdelhakim Elliasmine (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) con 1:46.81. Il doppio giro al femminile premia l’irlandese Katie Kirk (2:03.14), i 400 al maschile sono territorio di conquista per Luka Janezic (46.05), con il secondo posto e il primato personale di Emanuele Grossi (Atl. Biotekna), sceso a 46.87 con oltre due decimi di progresso. 

A differenza di quanto annunciato dagli organizzatori, non è in gara il campione olimpico dell’asta Thiago Braz: basta il 5,35 di Robert Renner (Slovenia) per la prima piazza. Nel lungo, di poco oltre gli otto metri l’australiano Darcy Roper (8,02/-0.2). Un solo partecipante nel triplo maschile (forfait del cubano Cristian Napoles): lo sloveno Jan Luxa 15,79 (-0.4). Alla brasiliana Andressa De Morais il primo posto nel disco con 62,41 davanti all’azzurra Stefania Strumillo (Fiamme Azzurre, 55,47). 

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate

 XIV^ Triveneto Meeting Int.le