Tobia Bocchi con 14,54 al 1° turno nel triplo, mette già un piede sul gradino più alto del podio




 

Tobia Bocchi (Fmi Parma Sprint) è campione italiano cadetti di salto triplo, con la misura di 14,61 (+1,3), ottenuta al secondo salto, che è anche il primato regionale, migliore di 1 cm rispetto alla misura che Tobia aveva realizzato a Cremona l’8 settembre scorso. Gara senza storia, talmente netta era la superiorità stagionale del giovane parmense che comunque ha posto subito le cose in chiaro già con il primo salto, a 14,54 (+1,2), misura al di fuori delle possibilità degli altri cadetti. Buoni anche gli altri salti, dopo i 2 iniziali: 14,35 (+1,0) al terzo e 14,22 (+0,9) al quinto, con 2 nulli al quarto e sesto turno. Il 2° classificato, il sardo Paolo Caredda, è arrivato a 13,77 (+1,3), mentre per gli altri cadetti le misure sono state inferiori ai 13 metri. Fra i piazzati anche l’altro emiliano Enea Colombi (Atl. Piacenza), 5° posto con 12,85 (+0,6), primato personale.

Nella graduatoria all time nazionale cadetti Bocchi si conferma al 3° posto con 14,61, dopo Andrew Howe 15,10 (24/10/2000) e Leonardo Bruno 14,82 (20/10/2007). Nella graduatoria regionale cadetti ovviamente Bocchi ha misure nettamente superiori a quelle degli altri under 16, a parte Marco Lambertini 14,33 nel 2000, mentre è ben piazzato anche in quelle allievi (al limite dei 18 anni) dove è preceduto solo dai sedici-diciassettenni Marco Lambertini 15,31 (1981), Lorenzo Franzoni 15,27 (2005) e Daniele Ragazzi 14,64 (2011).

 

Giorgio Rizzoli



Condividi con
Seguici su: