Tefera-record a Birmingham 3:31.04

16 Febbraio 2019

Nella quinta tappa del World Indoor Tour IAAF cade il record del mondo dei 1500 metri indoor. A Hicham El Guerroju (3:31.13), succede l'etiope campione del mondo Samuel Tefera in 3:31.04. Kejelcha secondo.


 

di Marco Buccellato

Tefera! Non Kejelcha. Esito clamoroso nella quinta tappa del World Indoor Tour IAAF a Birmingham. Doveva essere il giorno di Yomif Kejelcha, che dopo aver mancato di un centesimo il primato mondiale del miglio indoor di Hicham El Guerrouj ai Millrose Games, aveva messo nel mirino l'altro record del leggendario marocchino, il 3:31.18 sui 1500 metri, datato 1997. Il record è caduto, ma nella mani dell'altro etiope, campione del mondo indoor sulla distanza, Samuel Tefera, che dopo un entusiasmante testa a testa ha avuto la meglio su Kejelcha e ha firmato il 3:31.04 del nuovo limite mondiale indoor a soli 19 anni e mezzo (è nato il 23 ottobre 1999). Il record è stato costruito soprattutto negli ultimi 250 metri, alla luce dei passaggi dei pacemaker. L'olandese Som ha chiuso il primo giro più rapido del previsto (55.69 rispetto ai 56.0 dichiarati), e il neozelandese Williamsz è poi transitato al chilometro in 2:21.27 con un secondo abbondante di ritardo sui 2:20 sperati. La volata a due, e il cambio di passo di Tefera a 130 metri dall'arrivo hanno fatto la differenza. Gara sensazionale con un record del mondo, la terza prestazione di sempre di Kejelcha (3:31.58), il record nazionale dell'australiano McSweyn (3:35.10), il primato europeo stagionale del britannico Kerr (3:35.72) e ben dieci personal best a cascata. Tefera, campione del mondo proprio a Birmingham l'anno scorso, ha fatto anche meglio del personale detenuto all'aperto (3:31.63).

ECHEVARRIA E SAMUEL VINCONO IL TOUR - Lo spareggio per la vittoria di specialità nel lungo maschile, con il campione del mondo Echevarria e lo svedese Nilsson-Montler presentatisi in pedana a pari punti in classifica, ha premiato il cubano, subito in testa con 8,15 e con firma in bella calligradia all'ultimo salto di 8,21. Secondo con 8,10 il giamaicano Gayle, quarto Nilsson, preceduto anche dal campione europeo outdoor Tentoglou (7,97 contro 7,95). L'altra vincitrice del World Indoor Tour decretata oggi (già virtualmente prima) è l'etiope 20enne Alemaz Samuel, che nel rispetto dei pronostici ha vinto i 3000 donne in 8:54.60 piazzando lo spunto decisivo a un giro dalla conclusione. In tre decimi, nella sua ombra, le connazionali Embaye, Mamo e Taye. Per Echevarria e la Samuel c'è la wild card per la partecipazione al mondiale indoor di Nanchino del prossimo anno.

MUIR RECORD BRITANNICO - Laura Muir ha migliorato il record che voleva, quello britannico sul miglio, anzi lo ha disintegrato in 4:18.75, centrando la terza prestazione mondiale di sempre e la seconda europea, oltre che ovviamente il primato mondiale stagionale. Al passaggio ai 1500 metri (4:01.83) è scesa sotto il suo record nazionale di 4:02.39. Nella sua scia, si fa per dire visto il distacco, personal best a pioggia e per la marocchina Arafi anche il record nazionale fissato a 4:29.74.

SU, MONDIALE STAGIONALE - Il 60 uomini più veloce dell'anno è firmato dall'argento mondiale, su questa pista, Su Bingtian. Il primatista asiatico scappa da par suo dai blocchi chiudendo col mondiale stagionale di 6.47 e non cede un centimetro al ritorno del britannico Prescod, che eguaglia il personale in 6.53. Un soffio dietro, il solito Rodgers (6.54) e il record nazionale del giapponese Kawakami (6.54). Sui 60 donne torna in prima pagina la pluriolimpionica Elaine Thompson. Dopo un 60 corso all'aperto in Giamaica, eccola a Birmingham ancora non esente da acciacchi eppure vincente in 7.13 sulla freccia indoor Philip (7.14) e sull'argento di un anno fa, al mondiale su questa pista, Ta Lou (7.15).

BRADSHAW, NAGEOTTE, KIRIAKOPOLOU 4,81 - Una grande gara di asta donne, la seconda nella storia dell'atletica indoor con tre atlete oltre i 4,81, rimessa in piedi dalla primatista britannica Holly Bradshaw con il primo salto valido a 4,81, dopo aver superato i 4,71 alla terza prova, e con tre assalti al record nazionale di 4,88. A parità di misura, anche la statunitense Nageotte e la greca Kiriakopoulou (personale indoor eguagliato). Quarta l'ipercampionessa Stefanidi con 4,71.

LE ALTRE GARE - Sui 400 uomini l'americano Strother ipoteca in 46.45 il successo di specialità sorpassando lo sloveno Janezic, che negli ultimi 30 metri inciampa sui garretti dello statunitense rischiando di cadere. Successo netto, con Janezic in 47.04 e l'argento oimpico di Londra Santos terzo in 47.38. Nei 400 donne tutte e sei le atlete hanno chiuso sotto i 53": vittoria della giamaicana Stephenie Ann McPherson in 52.24, il miglior crono extra-europeo dell'anno, seguita dal bronzo mondiale Eilidh Doyle (52.43) e dalla olandese Lisanne De Witte (52.61). Un 800 donne UK-affair, vinto con determinazione da Shelayna Oskan-Clarke (bronzo mondiale e argento europeo indoor) in 2:01.16 resistendo al ritorno di Adelle Tracey (personale di 2:01.95), quasi ripresa sul traguardo. Solo quinta la già campionessa europea Sharp.

Una collisione sugli 800 uomini ha provocato la doppia caduta del keniano Tuwei e del britanico Learmonth, spezzando anche il ritmo del polacco Lewandowski, finito lontano dai primi. Vince l'australiano Joseph Deng in 1:47.27 (record nazionale indoor). Lungo donne alla favorita iridata e oro europeo Ivana Spanovic, che ha risolto la pratica al quinto salto con 6,78, terza prestazione mondiale stagionale, davanti alla britannica Irozuru (6,59). Close-contest sui 60hs uomini, dove il favorito Jarret Eaton ha messo una pietra di granito sul successo di specialità vincendo in 7.51, terzo crono mondiale dell'anno, davanti al sorprendente connazionale Crittenden, miglioratosi di ben otto centesimi fino a 7.53 e superando in extremis il cipriota Trajkovic di un centesimo. Sui 60hs donne vince l'altra statunitense Evonne Britton in 7.91, primato personale. Il World Indoor Tour 2019 si conclude mercoledì 20 febbraio a Düsseldorf, dove saranno decretati gli altri nove vincitori delle specialità in programma quest'anno.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results

Samuel Tefera con il display del record mondiale


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate