Tanti atleti al Memorial Cavulli a Imola




 

Grande partecipazione di atleti, provenienti anche da fuori regione, al 17° Memorial Claudia Cavulli, meeting che ricorda la forte mezzofondista imolese degli anni ’70. Sono ovviamente nel mezzofondo le gare dedicate a Claudia Cavulli, con gli 800 uomini e i 1500 donne, per allievi e assoluti. Negli 800 allievi si impone Marco Zanni in 1.56.22, autore di una bella progressione nel 2° giro di pista: purtroppo il tempo ottenuto da Zanni, a mezzo secondo dal suo limite di 1.55.71, non gli consente ancora di ottenere il minimo stabilito dalla Fidal per la convocazione ai Mondiali Allievi che si svolgeranno il prossimo mese a Bressanone. Alle spalle di Zanni si piazzano il veneto Falconi in 1.57.63 e il reggiano Luca Paterlini in 1.58.17. Negli 800 assoluti vittoria del senegalese Abdulaye Wagne in 1. 51.24, che regola Mohamed Moro di 18/100; il primo fra gli emiliano romagnoli è Luca Galletti, 4° in 1.52.71. Nei 1500 allieve vittoria e altro primato personale per Alice Cherciu in 4.53.63, con un buon margine di vantaggio su Francesca Bertoni (5.02.13) e sulla compagna di club Elena Rango (5.03.43, primato personale). Nei 1500 assoluti donne, netta vittoria per la veneta Arianna Morosin in 4.28.09, davanti alla carabiniera Eleonora Riga in 4.38.65 e a Sara Palmas in 4.43.72.

Le gare del Memorial Cavulli si erano aperte di pomeriggio con le gare del settore giovanile: i migliori risultati tecnici degli atleti della nostra regione sono stati ottenuti da Paolo Loconsole negli 80 cadetti con 9.43, Damiano Guerrieri nei 1000 cadetti con 2.41.54, Silvia Corbucci negli 80 cadette con 10.43. Le gare serali erano invece per gli atleti assoluti: nei 110 hs juniores primato personale per 1/100 per Nicola Lucchi Casadei con 14.71.  Ben 11 le serie di 200 uomini: la più veloce è per Matteo Ramalli in 21.99, davanti a Mario Brigida con 22.22  Nei 3000 vince il carabiniere Fabio Cesari con 8.26.17.  Nell’asta 5,20 per Matteo Rubbiani, nel lungo 7,40 per Alessio Guarini, nel disco 52,87 per Cristiano Andrei, nel martello allievi 57,59 per Wagner Scorzoni, a 1 metro esatto dal suo personale, mentre si migliora Francesco Campoli con 44,88. Nei 100 donne vittoria per l’allieva Federica Giannotti in 12.31, nei 400 si impone la cubana Santiusti Caballero con 55.80 (primato master w45 e w50 per Angela Pachioli con 1.08.46, 14/100 più veloce rispetto a sabato scorso sempre a Imola), nel triplo 12,61 per Elena Zaniboni, nel giavellotto 45,14 per la veneta Elena De Lazzari. 

Giorgio Rizzoli 



Condividi con
Seguici su: