Tamberi in crescita, stagionale a 2,27

09 Febbraio 2019

Il marchigiano è secondo a Banska Bystrica, aggiungendo un centimetro al risultato della scorsa settimana a Karlsruhe. Almeno due buoni salti tra quelli falliti a 2,30


 

Secondo posto con personale stagionale per Gianmarco Tamberi a Banska Bystrica. L’azzurro supera i 2,27 nella gara slovacca e aggiunge un centimetro al proprio limite 2019 fissato la scorsa settimana nell’esordio di Karlsruhe; fallendo poi di poco, in almeno due dei tre tentativi a disposizione, l’appuntamento con i 2,30. A vincere è il giapponese Naoto Tobe, il capolista mondiale stagionale, che dopo aver rischiato l’eliminazione a 2,27 (ok solo al terzo tentativo) è perfetto a 2,30 e 2,33. Dietro di lui, a pari merito, Tamberi e il messicano Edgar Rivera, ma ci sono altri tre atleti (il greco Konstadinos Baniotis, il bahamese Donald Thomas e il cinese Wang Yu) che terminano la prova a 2,27, più indietro in classifica per il computo degli errori.

La gara della fiamma gialla è priva di macchia fino alla quota che fa risultato: l’azzurro supera senza difficoltà l’asticella alla prima prova a 2,20, poi a 2,24 e 2,27 (in questo caso con un lieve contatto che non si conclude in un errore). L’unico a fare altrettanto è il messicano Rivera, mentre pagano dazio tutti gli altri, a cominciare da Tobe, che spende tutti e tre i tentativi per rimanere in corsa. Il gruppo di nove atleti che aveva superato i 2,24 si riduce a sei quando si sale tre centimetri più su: con Tamberi e Rivera, anche il greco Baniotis (2,27 alla prima prova, ma indietro in classifica per errori sulle misure precedenti), il bahamense Thomas (alla seconda), il cinese Wang Yu e il già citato Tobe. A 2,30 la conclusione della gara: Tobe rimette le cose in ordine superando l’asticella al primo tentativo. Tutti gli altri devono arrendersi, compreso Tamberi, che colleziona almeno due ottimi salti, falliti per un contatto con le gambe in fase di richiamo. Il giapponese non si limita a vincere: fa aggiungere tre centimetri ancora e supera l’asticella al secondo salto, per poi arrendersi a 2,36.

Tamberi dimostra di essere cresciuto rispetto a Karlsruhe, e probabilmente già maturo per il primo 2,30 della stagione. L’appuntamento è con i Campionati Italiani Assoluti della prossima settimana ad Ancona: le due gare di alto si svolgeranno venerdì pomeriggio (le donne alle 17, gli uomini alle 19), e nella gara maschile sono annunciati due ospiti - ovviamente fuori classifica del campionato nazionale - di tutto rilievo, entrambi in gara a Banska Bystrica questa sera: il messicano Rivera e il greco Baniotis.

"Se vali una misura e non la salti, non puoi essere contento - il commento di Gimbo - quindi io non posso esserlo. Certo, se guardo con più freddezza al risultato, devo dire che terminare da secondo in una gara di altissimo livello come questa, e primo degli europei, non è affatto male. Ho sentito molta più confidenza rispetto a Karlsruhe: credo di essere in progresso rispetto a sette giorni fa, ma finché non salterò quello che sento, non sarò in pace. Ci sono ancora difetti nella mia azione, ma grazie a queste due gare sappiamo dove andare ad intervenire: per dirne uno, correvo più veloce della scorsa settimana, e per questo finivo molto sotto allo stacco, anche se non basta aggiungere qualcosa alla rincorsa per risolvere. Ci vuole equilibrio, e lavoro. Spero di farcela ad Ancona, anche contando sulla presenza di due avversari-amici come Rivera e Baniotis. Avrò bisogno del supporto del pubblico di Ancona per riuscire a batterli".

m.s.

RISULTATI

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate