TRICOLORI JUN-PRO | 2^ GIORNATA: ORO PER NALOCCA E ALESIANI




 

 

Poco importa che la pioggia avesse reso la gara un’autentica prova di acrobazia, perché nemmeno questo è bastato a fermare John Mark Nalocca. Primatista e campione d’Italia juniores nel 2007, quest’anno l’ostacolista della Collection Atletica Sambendettese allenato da Francesco Butteri, ha ampiamente ribadito il concetto anche al suo debutto tra gli under 23. Dopo la vittoria, due settimane fa a Pisa del titolo nazionale universitario, Nalocca ha così nuovamente regolato la scomoda concorrenza del finanziere Stefano Tedesco (14.28), divorando i 110hs in 14.14 e ritoccando di 2 centesimi il già suo freschissimo primato regionale. Ma dalle gambe e dall’incontenibile energia dell’italo-ugandese c’è da aspettarsi ancora qualcosa di meglio sotto l’aspetto cronometrico. Infatti, il 10.89 da lui corso sui 100 una settimana fa a San Benedetto del Tronto lascia presagire una potenziale di velocità che, a causa del condizioni non ottimali della pista, Mark non ha ancora potuto esprimere. Che l’occasione giusta per farlo sia, tra sette giorni, il “Trofeo Marche 9,14” di Osimo? Appuntamento a cui non mancherà nemmeno lo junior Giovanni Mantovani (Sport Atl. Fermo), reduce da uno stop per problemi fisici e prossimo agli esami di maturità, che a Torino, dopo batteria (14.79) e semifinale (14.63), nella finalissima ha chiuso al quinto posto in 14.48. 15.22 in semifinale, invece, per Iacopo Palmieri (Atl. Montecassiano – 15.22). In campo femminile, quindi, sulle barriere alte dei 100hs quinta la junior Ornella Oluwole (Atl. Montecassiano – 14.88) e sesta la promessa Jennifer Massaccisi (Tecno Adriatletica Marche – 14.98)

 

E mentre è ancora il maltempo a farla da padrone, la pedana del triplo maschile ritrova, dopo una lunga serie di problemi fisici, due dei suoi più validi interpreti: le promesse ascolane Vanessa Alesiani ed Edoardo Vanni. L’Alesiani (Esercito) salta 12,80 e atterra in cima al podio delle under 23. Una vittoria che fa bene soprattutto al morale. Al maschile, invece, il ventenne saltatore dall’ASA si suda la sua medaglia d’argento contro lo storico rivale Fabio Buscella (Aeronautica), già protagonista con lui di diversi duelli tricolori. Tra i due stavolta finisce 15,77 a 15,46 per il piemontese, ma con entrambi sospinti da un bel soffio di vento (+2.40 e + 3.20). Da segnalare anche l’ottimo sesto posto della determinatissima sangiorgese Silvia Del Moro (Tecno Adriatletica Marche) con 11,97 m.

 

Nei 400 promesse bronzo in 55.38 per la fermana dell’Assindustria Sport Padova, Alessia Tomassetti , mentre lo junior Luca Santori (Atl. Sangiorgese) corre in finale in 49.32 piazzandosi tra i primi otto d’Italia. Nona per un solo centesimo la staffetta 4x100 juniores dell'Atletica Montecassiano composta da Pigliapoco, Mogianesi, Palmieri e Smorlesi (43.84).

 

Un argento e tre bronzi arrivano invece dai lanci. Il primo vola, anzi veleggia sul giavellotto dello junior Gianluca Tamberi (ASA), secondo a 64 metri (PB migliorato di 16 cm), superato soltanto da uno strepitoso Emanuele Sabbio (Bruni Pubbl. Atl. Vomano) in grado di far infilzare il suo attrezzo ai 71,77 m della seconda MPI all-time. Dopo il nono posto (39,89) nel martello di ieri, la campionessa d’Italia indoor 2008 Aurora Narcisi (Tecno Adriatletica Marche), all’aperto deve, invece, “accontentarsi” del terzo posto con il 12,40 del suo primo lancio grazie a cui era rimasta a lungo prima in classifica. Stesso piazzamento per il ventunenne ascolano Andrea Botti (Atl. Cento Torri) a 50,33 con il disco da 2 kg con Alessio Dolciami (Atl. Avis Macerata) sesto con 45,50 m. Nel martello femminile la promessa Eleonora Zappitelli (Atl. Avis Macerata) sfodera una serie di lanci tutti abbondantemente “over 50” culminati con i 53,45 m del bronzo. Identico metallo conquistato nell’asta juniores dalla sua compagna di squadra Giulia Micozzi a quota 3,50, dieci centimetri sotto il suo recente primato regionale.

 

Buone prove anche dalle siepi ad opera della promessa di Fossombrone Matteo Olivi (Atl. Avis Macerata) e dello junior di Mondavio Andrea Gargamelli (Atl. Marche Ancona), quinto (9:28.32) e settimo (9:42.32) nelle rispettive categorie.

 

Nei 400hs, infine, qualifica facile in 1:01.63 per la junior Erica Marziani (Sport Atl. Fermo) che domani in finale, oltre alla riconferma del titolo vinto nel 2007, dovrà cercare di non superare i 60 secondi del minimo di partecipazione per i prossimi Mondiali Juniores di Bydgoszcz. Finalista nei 200 promesse anche Alessandro Berdini (Atl. Avis Macerata - 22.01).


CLICCA QUI PER I RISULTATI COMPLETI DELLA MANIFESTAZIONE.



Condividi con
Seguici su: