TRICOLORI GIOVANILI INDOOR | 14 MEDAGLIE PER LE MARCHE




 

 

 

 

 

 

Aurora Narcisi nel peso, Lorenzo Catasta, Riccardo Lelii e Giulia Micozzi nell’asta, Enrica Cipolloni nell’alto, Andrea Giuliodoro nel triplo, Alessandro Berdini nei 400 m, Mark Nalocca nei 60hs, Massimiliano Strappato nei 1000 m, Michele Pruscini nell’alto. E poi, ancora Federica De Santis nel triplo e nel lungo, così come la sua concittadina Vanessa Alesiani. Ovvero, 3 titoli italiani, 7 argenti e 4 bronzi per un totale di 14 medaglie conquistate tra corse, salti e lanci.

 

 

 

 

Insomma, le Marche dell’atletica hanno fatto nuovamente furore ai Campionati Italiani Giovanili Indoor, di scena nel week-end appena trascorso al Palaindoor di Ancona, invaso dagli oltre 1200 atleti in gara, un flusso di presenze che, unito a quello di accompagnatori e addetti ai lavori, ha fatto registrare, tra sabato e domenica, il tutto esaurito negli alberghi di Ancona e dintorni.

 

 

 

 

Ad aprire le danze è stata, sabato mattina, Aurora Narcisi (Tecno Adriatletica Marche) con un lancio da 12,43 m, grazie a cui si è aggiudicata il titolo juniores del getto del peso. Ma la prima giornata è iniziata e finita altrettanto bene con uno strepitoso Lorenzo Catasta (Sport Atl. Femo) capace di superare quota 5 metri nel salto con l’asta e mettersi al collo il titolo Promesse, davanti all’ascolano Riccardo Lelii (ASA) che ha chiuso la sua gara a 4,80 m. In mezzo a questi due ori sono arrivati anche l’argento nell’alto juniores con 1,72 m di Enrica Cipolloni (Tecno Adriatletica Marche) bissato da un fenomenale Andrea Giuliodoro (Atl. Castelfidardo RC), in grado di insidiare un gigante del triplo come Leonardo Bruno, con un hop-step-jump da 14,17, misura che gli vale anche il nuovo primato regionale di categoria.

 

 

 

 

Ha, invece, un sapore diverso e sembra un po’ uno strano scherzo del destino l’argento, sempre nel triplo, di Federica De Santis (ASA Ascoli), “ripagata con la stessa moneta” con cui un anno fa a Genova aveva battuto all’ultimo salto la sua storica rivale, la piemontese Eleonora D’Elicio. In realtà, ad Ancona, questo week-end alla De Santis deve essere sembrato di rivivere “il film” della rassegna tricolore outdoor 2007 di Bressanone con lei argento nel triplo e la consolazione, nemmeno troppo magra, di un altro titolo conquistato nel lungo. Stavolta è stata più o meno la stessa identica cosa: nel triplo D’Elicio batte De Santis 12,90 a 12,79 e De Santis vince, poi, nel lungo con 5,89. Doppia medaglia d’argento, invece, per la sua concittadina ed ex-compagna di allenamenti Vanessa Alesiani (Esercito), seconda tra le Promesse sia nel triplo (12,53) che nel lungo (5,89).

 

 

 

 

Restando ai salti, medaglia di bronzo nell’alto juniores con la misura di 2,04 m per Michele Pruscini (Atl. Sangiorgese Tecnolift) e nell’asta juniores per Giulia Micozzi (Atl. Avis Macerata) volata a 3,50 m. Dalle corse arriva, invece, il bell’argento di Alessandro Berdini (Atl. Avis Macerata), al suo esordio tra gli under 23 con qualche problema fisico che gli ha impedito di essere ancora più competitivo e puntare ad un riscontro cronometrico sotto il muro dei 49 secondi. Problemi fisici hanno rallentato la corsa anche dell’ostacolista John Mark Nalocca (Collection Atl. Sambenedettese) comunque in gara nei 60 hs e capace di mettere a segno un ottimo terzo posto (8.14), con una spalla ancora dolorante. Dai 1000 m arriva, quindi, il bronzo dell’allievo Massimiliano Strappato (Atl. Amatori Osimo), al traguardo in 2:31.90.

 

 

 

 

Tra gli altri risultati della rassegna tricolore giovanile, performance cronometrica decisamente convincente per l’allieva Yessica Stortini Perez (Sport Atl. Fermo), quinta in finale, dopo aver centrato un eccellente 7.76 in semifinale. Quarta tra le promesse la sua compagna di squadra, Francesca Ramini con un 7.73 che evidenzia un’ottima condizione di forma per la velocista fermana. Nei 400 m juniores, promettente quinto posto di Lara Corradini (Atl. Montecassiano) con il tempo di 57.61.

 

 

 

 

Parecchi i marchigiani rimasti, per una questione di centesimi o di centimetri, ad un passo dal podio come l’ostacolista allieva Daniela Spadoni (CUS Urbino) che, dopo il 9.02 corso in batteria, in finale è stata “vittima” del photofinish che ha assegnato il bronzo alla rivale Lara Giovanelli, come lei al traguardo in 9.04. Analogo risultato per la promessa Lucia Santini (Atl. Fabriano-Osimo), quarta tra le Promesse nei 60 hs in 9 netti, e per l’allieva Medith Paoletti (Apos Corridonia) nei 3 km di marcia conclusi con il tempo di 15:25.71.

 

 

 

 

Ma la quarta piazza del podio ha visto una gran folla di staffette marchigiane a partire da un’ottima 4x200 juniores femminile dello Sport DLF Ancona, formata da Caterina Paladini, Francesca Renzi, Silvia Micheletti e Lucia Marchetti all’arrivo in 1:44.94. Nella stessa gara, sesto e settimo i quartetti di Sport Atletica Fermo (Varricchione-Piergentili-Giretti-Marziani - 1:46.75) e Atletica Avis Macerata (Giustozzi-Evangelisti-Ripani-Cippitelli - 1:55.90). Quarte anche le quattro Promesse femminili della Tecno Adriatletica Marche (Massaccisi-Tulli-Del Moro-Serena – 1:49.40) e quelle maschili dell’Atletica Avis Macerata (Fineschi-Gattari-Vescovi-Berdini – 1:32.67) davanti alla staffetta dello Sport Atletica Fermo (Catini-Nepi-Dadach-Robert – 1:38.08). Sesta la staffetta juniores dell’Atletica Montecassiano (Pigliapoco-Palmieri-Smorlesi-Mogianesi – 1:33.80).

Tra gli altri piazzamenti, da segnalare il quinto e il sesto posto dei due pesisti under 23 dell’Atletica Avis Macerata, Marco Carlini (13,84) e Alessio Dolciami (13,59). Sesti, infine, la mezzofondista Roberta Zucchini (Civitanova Track Club – 3:02.99) nei 1000 m allieve e il lunghista promessa Marco Vescovi (Atl. Avis Macerata – 6,90).

 

 

 

 

 

I RISULTATI

LE FOTO



Condividi con
Seguici su: