Successo Zanon a Barcellona: 13,44 nel triplo

22 Settembre 2020

L’azzurrina vince in Spagna nel suo primo meeting internazionale all’estero, due giorni dopo il record italiano under 20. Terzo posto di Chiappinelli sui 2000 siepi in 5:32.45

 

Torna da Barcellona con una vittoria la giovane triplista Veronica Zanon. Nel suo debutto in un meeting all’estero, l’azzurrina conquista il successo atterrando a 13,44 (vento +0.7). Una misura ottenuta in avvio, al primo salto, e che rappresenta la sua quarta prestazione della carriera. Si chiude con un altro bel risultato la stagione per la 19enne portacolori dell’Assindustria Sport Padova, che ha fatto meglio soltanto nello scorso weekend a Grosseto, dove domenica si è impadronita del record italiano under 20 con un notevole 13,84 in finale dopo il 13,48 della qualificazione di sabato, oltre che in occasione del primato nazionale juniores indoor di 13,65 ad Ancona durante l’inverno. Poi questa sera in Spagna la padovana di Galliera Veneta ha messo a segno un 13,06 al secondo turno e 13,18 al quarto. Nullo invece il quinto, mentre ha deciso di rinunciare al terzo tentativo e infine di non effettuare il sesto salto, dopo il tour de force dell’ultimo fine settimana in cui ha conquistato il tricolore di categoria anche nella 4x100 e la piazza d’onore nel lungo. Secondo posto oggi per la junior spagnola Diwa Vila con 12,68 (+1.0). “Tutto sommato sono contenta per aver concluso questa bella stagione con una prestazione discreta - le parole di Veronica Zanon - all’esordio in un meeting fuori dai confini italiani. Dopo Grosseto le gambe hanno recuperato, le energie nervose un po’ meno. È stata una gara lampo con soltanto quattro atlete al via, infatti ho passato due salti perché erano davvero super ravvicinati”.

In una delle gare clou del meeting, si piazza terzo l’azzurro Yohanes Chiappinelli sull’insolita distanza dei 2000 siepi con il tempo di 5:32.45 e una buona prova di efficienza. Il 23enne senese dei Carabinieri transita a metà gara con un crono intorno a 2:41, quindi il bronzo europeo dei 3000 siepi prosegue alle spalle dello spagnolo vicecampione continentale Fernando Carro, ancora davanti in 5:26.78 per imporsi nei confronti del connazionale Daniel Arce (5:28.07). “Un risultato decente, anche se non mi ritengo pienamente soddisfatto - commenta “Yoghi” - perché mi sentivo bene e avrei voluto correre almeno sotto i 5:30 ma purtroppo ho pagato una partenza molto forte”. Nel miglio femminile con 4:46.66 è decima Camille Chenaux (Athletica Vaticana) che conferma il suo stato di forma e ne approfitta per ritoccare di passaggio il record personale sui 1500 metri portandolo a 4:25.25. Sulla pedana dell’alto, terzo Lorenzo Carlone (Atl. Virtus Cr Lucca) con 2,01. Tra le note salienti della serata, allo stadio Joan Serrahima della città catalana, il 74,22 della francese Alexandra Tavernier nel martello a poco più di un metro dal recente primato nazionale (75,23 sei giorni fa a Kladno) e il 7:40.62 dell’iberico Ouassim Oumaiz sui 3000 metri.

l.c.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate